Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 01:44

NEWS DALLA SEZIONE

Forse per un litigio
Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

Agguato a Triggiano, grave un 38enne: due colpi all'addome

 
L'inchiesta sui giudici
Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato dal papà di Renzi

Quell'incontro tra il pm ambizioso e Lotti organizzato da papà Renzi

 
Giudici & mazzette
«Mi parlò di Gladio e servizi, voleva500 euro al giorno per le sue amanti»

«Parlò di Gladio e servizi, voleva
500 euro al giorno per le amanti»

 
La protesta
Gazzetta, altri tre giorni di scioperoI giornalisti: silenzio dei commissariFnsi: non rispettati diritti giornalisti

Gazzetta, altri 3 giorni di sciopero:
«I commissari non rispondono» 
Fnsi: violati diritti dei giornalisti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi, Rolex e diamanti.Imprenditore confessa: così pagai milioni

 
Burrasca
Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calbaria

Maltempo, vento forte su Puglia, Basilicata e Calabria

 
Per Filippo Capriati
Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

Il clan Capriati al porto di Bari, Autorità chiede 1mln di danni

 
L'incontro
Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, serve agenzia per bloccare ricerche in mare»

Trivelle, Emiliano: «Sospensiva non ci accontenta, bloccare ricerche in mare»

 
Hanno agito in quattro
Brindisi: sparano e svaligiano gioielleria di centro commerciale, nessun ferito

Brindisi, sparano e svaligiano gioielleria, poi fanno incidente: fermati in 3

 
In una zona di campagna
Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

Foggia, bomba contro villa allevatore di polli: «Mai alcuna minaccia»

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 

l'appello

Nardò, muore povera
e senza soldi per il funerale
Sacerdote: diamole sepoltura

La salma giace al «Fazzi» dal 13 dicembre. Don Riccardo Personè ha lanciato un appello pubblico e mercoledì alle 11 celebrerà una messa proprio nell’ospedale leccese

cimitero di lecce

di BIAGIO VALERIO

LECCE - Un mistero ed un appello stanno commovendo i neritini. Il fatto riguarda una povera donna di origine romena, deceduta il 13 dicembre scorso. Da allora la salma è in una cella della camera mortuaria a Lecce e non si riesce a dare a Maria, questo il suo nome, una degna e cristiana sepoltura. Don Riccardo Personè, sacerdote di Nardò, ha lanciato un appello pubblico e mercoledì alle 11 celebrerà una messa proprio nell’ospedale leccese. «ll Milite ignoto è un militare morto in una guerra il cui corpo non è stato identificato e che si ritiene, ragionevolmente, non potrà mai essere accertato. La sua tomba - dice il religioso - è una sepoltura simbolica che rappresenta tutti coloro che sono morti in un conflitto e che non sono mai stati individuati. E’ pensando al milite ignoto, sin dall’inizio di questa triste storia, che ho pensato all’espressione equipollente del “sofferente ignoto».

La cronaca racconta che il 19 marzo del 2015 Maria fu ricoverata presso il reparto di Lungodegenza di Nardò in seguito ad un malore avvenuto in casa e mai del tutto chiarito. E’ vissuta 2 anni e 9 mesi e quando è spirata non c’era nessun familiare accanto a lei. Il sacerdote ha rintracciato il marito ed un figlio, entrambi lontani ed evidentemente non in grado di poter contribuire. Grazie alla collaborazione di tutti gli operatori del distretto neritino, don Riccardo ha deciso di dare sepoltura alla donna ma si è scontrato con le regole. «Mi sono mosso chiedendo aiuto alla città di Nardò ma la legge è legge e i regolamenti sono regolamenti - dice il sacerdote - e non si può fare niente. La burocrazia non conosce la solidarietà». Poi, però, è riuscito ad ottenere tutte le autorizzazioni per procedere alla sepoltura presso il cimitero di Lecce. Che cosa chiede, oggi, il sacerdote? «Preghiere per Maria e per tutti i morti ignoti e poi un contributo per poter onorare le spese del funerale». E, soprattutto, una tunica bianca perché è così che vorrebbe vestirla in onore di tutti quei sofferenti che si sono spenti in solitudine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400