Lunedì 15 Agosto 2022 | 14:02

In Puglia e Basilicata

Tar: a Lecce gestore unico raccolta urbana in 21 Comuni

LECCE - Via libera dal Tar di Puglia (sezione di Lecce) al gestore unico del servizio di igiene urbana nell’Ato Lecce/2, costituito da 21 Comuni del sud Salento per un bacino di utenza complessivo di 100mila abitanti.

23 Febbraio 2009

LECCE - Via libera dal Tar di Puglia (sezione di Lecce) al gestore unico del servizio di igiene urbana nell’Ato Lecce/2, costituito da 21 Comuni del sud Salento per un bacino di utenza complessivo di 100mila abitanti.

Il tribunale amministrativo ha infatti respinto il ricorso presentato dalla società Monteco che si era classificata al quarto posto nella gara indetta dal 2007 dall’autorità di Bacino per l’affidamento del servizio di raccolta rifiuti aggiudicato dal raggruppamento di imprese costituito da 'Lombardi Ecologià di Bari e dal consorzio nazionale Servizi (Cns) di Bologna, rappresentato in giudizio dagli avvocati Pietro e Luigi Quinto.

 Tra le motivazioni esposte dai due legali anche il fatto che l’aggiudicazione dell’appalto in favore del raggruppamento Lombardi-Cns, determina un risparmio per l’utenza rispetto al raggruppamento Monteco, di circa un milione di euro.


La sentenza consentirà l’avvio di un appalto di oltre 60 milioni di euro che nelle intenzioni del presidente dell’Ato  Lecce/2, Silvano Macculi, servirà ad implementare la raccolta differenziata con il modello 'porta a portà e raggiungere così gli obiettivi in termini di percentuale di raccolta imposti dalla normativa vigente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725