Martedì 16 Agosto 2022 | 11:49

In Puglia e Basilicata

Leggi impugnate? Il ministero: caro Vendola sono su internet

BARI - Dall'inizio di questa legislatura poco dopo la conclusione della riunione del Consiglio dei Ministri, "l'elenco delle leggi esaminate e impugnate con le relative motivazioni, viene regolarmente pubblicato sul sito internet del ministero, www.affariregionali.it": lo sottolinea il ministero degli affari regionali.

21 Febbraio 2009

BARI - Dall'inizio di questa legislatura poco dopo la conclusione della riunione del Consiglio dei Ministri, "l'elenco delle leggi esaminate e impugnate con le relative motivazioni, viene regolarmente pubblicato sul sito internet del ministero, www.affariregionali.it": lo sottolinea il ministero degli affari regionali.

 Per questo, "appaiono del tutto incomprensibili" al ministero "il tono e la modalità della polemica sollevata dal presidente della Regione Puglia" a proposito di tempi e modalità con le quali il ministero stesso avrebbe diffuso ("facendo un uso privato delle Istituzioni", ha detto Vendola ieri) le motivazioni dell’impugnativa da parte del Consiglio di Ministri di una legge della Regione Puglia dinanzi alla Corte Costituzionale.


La Legge regionale pugliese impugnata è la 45/2008 'Norme in materia sanitarià, impugnata "per violazione di norme sulla stabilizzazione e sull'inquadramento del personale sanitario e norme che violano i principi fondamentali dettati dallo Stato in materia di salute".


Il ministero sottolinea che le leggi esaminate e impugnate con le relative motivazioni vengono pubblicate sul sito internet, "nella sezione 'contenzioso costituzionalè e lo stesso materiale, con gli stessi tempi, viene anche reso disponibile a chiunque ne faccia richiesta, compresi anche gli organi di informazione". 

"Cosa – si aggiunge nella nota del ministero – regolarmente accaduta anche ieri per tutte le leggi regionali prese in esame dal Consiglio dei Ministri".


Al riguardo ieri Vendola aveva scritto una lettera a Berlusconi, lamentando "il modo inusitato" con cui era stata data notizia agli organi di informazione della decisione di impugnare la legge della Regione Puglia. Nella lettera parlava tra l’altro di "accadimento" grave che "rischia di minare la credibilità dei rapporti tra Governo e Regione Puglia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725