Giovedì 25 Aprile 2019 | 16:39

NEWS DALLA SEZIONE

Iniziativa nel salento
Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

 
25 aprile
Bari, lectio magistralis di Canfora in piazza: fascismo mai morto

Bari, lectio magistralis di Canfora in piazza: fascismo mai morto

 
Verso le Europee
Bari, l'imprenditore «made in Cina»: dal Sud ponte verso Ue e Oriente

Bari, l'imprenditore «made in Cina»: dal Sud ponte verso Ue e Oriente

 
Islam e politica
«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

 
La polemica
Arpal, Cassano: basta processi preventivi ora denuncio. Dit: invito a nozze

Arpal, Cassano: basta processi preventivi ora denuncio. Dit: invito a nozze

 
Il caso
San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

 
La decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
Dai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
L'intervista
Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

 
Omicidio in Salento
Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite

Maglie, ucciso pregiudicato in strada. Killer si costituisce: mi sono difeso FOTO

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

 
LecceIniziativa nel salento
Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

il sindaco chiede rinforzi

Ladri di metalli
profanano tombe
nel cimitero del Brindisino

cimitero

SAN MICHELE SALENTINO (BRINDISI) - Un altro raid dopo quello compiuto il 15 novembre scorso è avvenuto questa notte all’interno del cimitero comunale di San Michele Salentino dove persone non ancora identificate hanno profanato circa 35 tombe e danneggiato lastre di marmo dei loculi interrati portando via oggetti in ottone. Il sindaco, Giovanni Allegrini, annuncia che nelle prossime ore incontrerà il Prefetto di Brindisi ed il Capitano dei Carabinieri per chiedere rinforzi per il controllo del territorio.
I ladri, inoltre, hanno provato, invano, a scardinare un bassorilievo in rame dell’artista Stefano Cavallo. «Al momento, - afferma il sindaco - non vi sarebbe una matrice particolare se non quella relativa alla volontà da parte di ignoti di impossessarsi di oggetti in rame, ottone e ferro, come già avvenuto alcune settimane fa». Gli inquirenti sono al lavoro per individuare i responsabili.
«Uno scenario inquietante, un gesto tra i più vigliacchi e cattivi, perché una tomba - sottolinea il sindaco - è un luogo del ricordo, un angolo dell’anima, l’ultimo intimo appiglio con chi è mancato all’affetto e alla vita. Un gesto vile a prescindere dalle motivazioni». «Questa Amministrazione - aggiunge - si era già attivata per l’installazione di telecamere e la convenzione con un Istituto di Vigilanza. Data l’urgenza, al momento, verrà installato un primo dispositivo che possa, in qualche modo, evitare che accada qualcosa di più grave». Il 15 novembre scorso i ladri ruppero 36 lapidi per impossessarsi dei portafiori di ottone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400