Giovedì 18 Aprile 2019 | 22:55

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
Arte
Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

 
Le dichiarazioni
Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

 
Il progetto
Aqp, sì al risanamento di 94 reti idriche comunali

Aqp, sì al risanamento di 94 reti idriche comunali

 
Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
Lega pro
Troina - Bari: la diretta della partita

Il Bari batte il Troina e vola in Serie C, De Laurentiis e Cornacchini: «Promozione meritata». Rivedi la diretta

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Nel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
La protesta
Sindacati: «Ipermercati chiusi durante le feste o scioperiamo»

Sindacati: «Ipermercati chiusi durante le feste o scioperiamo»

 
Pugni e schiaffi
Detenuto georgiano manda in ospedale 4 agenti in carceri Foggia e Bari

Detenuto georgiano manda in ospedale 4 agenti in carceri Foggia e Bari

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

a corato

Minacce ed attentati
per evitare che i beni
finissero all'asta

Minacce ed attentatiper evitare che i benifinissero all'asta

Foto d'archivio

BARI - I suoi beni erano stati messi all’asta e per impedirne l’acquisto avrebbe minacciato un imprenditore organizzando contro di lui attentati dinamitardi, incendi e danneggiamenti. Per i reati di turbativa d’asta, tentata estorsione, incendio, porto e detenzione di ordigni esplosivi, i Carabinieri di Corato e del Nucleo Operativo di Trani hanno arrestato un 49enne di Corato, titolare di un’agenzia di pompe funebri. L’uomo, con precedenti penali per reati contro la persona e il patrimonio, è finito in carcere su disposizione della magistratura tranese.

Le indagini, coordinate dal pm di Trani Marcello Catalano, sono iniziate nel settembre scorso quando la vittima ha segnalato la presenza di un ordigno inesploso davanti alla saracinesca del suo negozio di fiori. Grazie a intercettazioni telefoniche e pedinamenti, gli investigatori hanno documentato almeno tre episodi di intimidazioni riconducibili alla stessa mano che, alla fine, hanno fatto desistere l’imprenditore dall’acquisto di quei beni. Dopo la vicenda dell’ordigno inesploso, infatti, il 49enne avrebbe ordinato l’incendio del portone di casa dell’imprenditore e poi la distruzione di un chiosco di fiori, inizialmente di sua proprietà, poi acquistato all’asta.

Il 49enne è ritenuto il mandante di questi episodi e avrebbe pagato alcune persone - ancora in fase di identificazione - con poche decine di euro perché materialmente posizionassero gli ordigni. Le indagini proseguono anche per accertare se il 49enne sia collegato ad altri episodi intimidatori simili commessi a Corato negli ultimi mesi, incendi di auto e portoni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400