Giovedì 06 Ottobre 2022 | 09:29

In Puglia e Basilicata

Foggia e quell'amore tanto contrastato con Federico II

17 Febbraio 2009

Il primo mito da sfatare è quello del grande e incontrastato amore fra Foggia e Federico II. Noi del Terzo millennio amiamo il sovrano svevo più di quanto non lo amassero i suoi contemporanei, e lo dimostriamo intitolandogli e dedicandogli di tutto e di più. I rapporti fra Foggia e Federico II, la storia e la leggenda sono stati al centro della prima delle lezioni di storia alla domenica organizzate dalla Fondazione Banca del Monte e che continueranno fino a metà aprile. Introdotto da Saverio Russo, docente di storia all’università di Foggia e Francesco Andretta, presidente della Fondazione, ha parlato del Puer Apuliae Francesco Violate, stretto collaboratore di Raffaele Licinio al Centro studi normanno- svevo. 

Ad ascoltare la lezione di Federico II, una folta e attenta platea, a dimostrare il legame che comunque ci lega all’imperatore. Un imperatore che in Capitanata ha trascorso parecchi anni della sua vita, come si legge nel «Regesta Imperii»: dal 1221 al 1250, con varie interruzioni. «E i foggiani - ha spiegato Violante - hanno approfittato delle assenze di Federico per ribellarsi al suo governo, con esiti disastrosi». 
La prima rivolta nel 1229, quando furono distrutte le mura della cittadina che non furono ricostruite almeno fino al 1250. Seconda ribellione fra il 1234 e il 35, e i foggiani dovettero pagare once d’oro per riscattarsi. 

Perché queste ribellioni? Secondo Violante, gli abitanti della città non accettavano i modelli di sviluppo sociale ed economico imposti dall’imperatore, probabilmente già antiquati e che prevedevano tra l’altro ingenti spostamenti (potremmo dire deportazioni) di popolazioni da un casale all’altro, da una «masseria» all’altra per esigenze sociale e politiche. Azioni decise che avvenivano senza la mediazione del potere religioso, poiché a Foggia mancava il vescovo, nonostante il suo status di civitas . Insomma, l’amore era di là da venire. (Stefania Labella)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725