Martedì 16 Agosto 2022 | 15:40

In Puglia e Basilicata

Rossella e Angela da Potenza in missione per conto di Cupido

14 Febbraio 2009

di MASSIMO BRANCATI

POTENZA - Festa degli innamorati. Giornata all’insegna dell’amore, dei baci, della «dolce metà». E dei regali. Vetrine addobbate di cuoricini, atmosfera edulcorata, peluche, ristoranti vestiti di rosso. Rosso passione, ovviamente. Ma nel giorno di san Valentino cosa fanno i single? Quelli per scelta non si toccano. Dicono di stare bene così, di non voler legami stabili, «catene». E allora, lasciamoli stare. Trascorreranno una giornata come tutte le altre, magari (beati loro, verrebbe da dire) a volare da un fiore all’altro. Ma chi cerca un’anima gemella e non la trova, oggi vivrà un 14 febbraio con il groppo in gola. Osserverà le coppiette innamorate mano nella mano, sospirando tristemente verso chi, frettoloso e indaffarato, è alla ricerca del giusto regalo. E se è difficile trovare il «pensiero» da donare al proprio fidanzato o alla propria fidanzata, figuriamoci com’è complicata la ricerca di una «dolce metà». Soprattutto oggi in cui le relazioni sociali sono ridotte ai minimi termini a causa di u n’impalcatura frenetica della vita, degli impegni lavorativi, dello stress. E della crescita esponenziale delle opportunità offerte da internet che avvicinerà pure i mondi, ma allontana i contatti fisici. Tutti fattori che spesso si traducono in solitudine e chiusure in se stessi. 

Da cinque anni a Potenza c’è chi la lotta alla solitudine l’ha trasformata in un lavoro, in una missione. Si chiama «Centro Studi e Consulenza delle Compatibilità Affettive. La Scelta»: è quella che volgarmente viene definita un’agenzia matrimoniale. Per usare un linguaggio che fa tanto «politically correct», si tratta di un ufficio che fornisce consulenza a coppie o single in tema di relazioni affettive per favorire incontri tra persone che cercano nuove amicizie. Con la speranza che si traducano in storie d’amore romantiche. E durature. 

«Diciamo subito - sottolinea Rossella Capobianco, direttore dell’agenzia - che non esiste un album di foto da esibire e presentare al cliente. Le affinità vengono combinate esclusivamente sul piano psico-relazionale tra i due individui, conciliando passioni ed interessi comuni. Tutto in agenzia è curato nei minimi dettagli per mettere l’ospite a proprio agio, in modo tale da rompere il comprensibile imbarazzo iniziale ed aiutare chi vive il disagio della solitudine». Ambiente confortevole, riservatezza assoluta e grande capacità di ascolto e di analisi sono gli strumenti di un lavoro tutt’altro che facile: «In questi anni - dice Angela Acquavia, assistente di Capobianco - sono serviti grande impegno e costanza per riuscire ad affermare questo tipo di struttura sul nostro territorio e, soprattutto, per far comprendere alla comunità la qualità del lavoro svolto. Per questo, nel corso di questi anni di vita dell’agenzia, è stato necessario compiere una forte selezione tra gli interessati, per garantire agli iscritti non la quantità, ma la qualità». 

La maggior parte delle persone che si rivolgono all’agenzia sono equamente divise per sesso e hanno u n’età compresa tra i 35 ed i 50 anni per i single e dai 40 anni in su per i separati. «Spesso - precisa Capobianco - si tratta di persone che hanno dedicato gran parte del loro tempo al lavoro, concedendosi pochi spazi per dedicarsi a se stessi ed alle amicizie, oppure di persone che ritornate dopo anni nella propria città hanno bisogno di costruire una nuova cerchia di relazioni». Le iscrizioni all’agenzia oscillano tra le cento e le duecento persone all’anno.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725