Mercoledì 10 Agosto 2022 | 19:24

In Puglia e Basilicata

La Chiesa: il Sud non va abbandonato

La Chiesa: il Sud non va abbandonato

NAPOLI - Superare l'isolamento del Mezzogiorno, per farne fattore di ricchezza per tutto il Paese: è l’auspicio espresso al convegno di Napoli sulle chiese del sud dall’arcivescovo di Bari, mons Francesco Cacucci.

12 Febbraio 2009

NAPOLI - Superare l'isolamento del Mezzogiorno, per farne fattore di ricchezza per tutto il Paese: è l’auspicio espresso al convegno di Napoli sulle chiese del sud dall’arcivescovo di Bari, mons Francesco Cacucci.

"La Chiesa del sud sta vivendo un momento di grazia rispetto ad altre zone del Paese – ha detto Cacucci a margine del convegno – e questa vitalità, se messa a frutto, può far superare la preoccupazione per una forbice sempre più larga tra nord e sud’'.

La Puglia – spiega Cacucci – è impegnata in una efficace promozione economica e anche culturale, che soffre però della mancanza di "uno sguardo sul mediterraneo". "Penso al Corridoio 8 – ha spiegato l’arcivescovo – alla possibilità di diventare un nodo di scambio per tutto il mediterraneo. Questo aiuterebbe tutti, non solo il sud, a guardare al futuro dell’Europa".


Una regione, la Puglia – ha aggiunto l’arcivescovo – diventata anche un esempio di integrazione degli immigrati, soprattutto albanesi. "Non si può associare l’immigrazione con la criminalità – ha detto il vescovo – la legalità va rispettata, ma tutti, anche le forze dell’ordine sanno che senza integrazione la mano dura non serve".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725