Giovedì 18 Agosto 2022 | 21:18

In Puglia e Basilicata

Esplosivo sulla Murgia Scoperti otto detonatori

Esplosivo sulla Murgia Scoperti otto detonatori
di MICHELE PALUMBO 
I materiali sono stati trovati all’interno di una scatola rossa. Erano a base di notroglicerina: potevano esplodere all’urto. La murgia è sempre più ridotta a discarica per ogni genere di rifiuto: nella contrada della masseria nuova di Torre Vento continuano ad esserci pneumatici scaricati abusivamente (foto)

09 Febbraio 2009

detonatori sulla Murgiadi MICHELE PALUMBO 

ANDRIA - Le Guardie ecologiche ambientali della protezione di civile di Andria (sezione naturalisti federiciani - enalcaccia), hanno trovato sulla Murgia, sul monte Scorzone, otto detonatori. Il monte Scorzone è un’altura che permette di avere non solo un bel colpo d’occhio della Murgia, ma anche una visione strategica del territorio, visto che permette di osservare Castel del Monte, Monte Caccia, ma pure Monticchio e il Gargano. E su questa altura le guardie ecologiche ambientali hanno individuato una scatola rossa che ha incuriosito non solo per il colore, ma anche perché sulla parte superiore era scritto «Esplosivo». 
Le guardie hanno fotografato il punto dov’era ed hanno portato la scatola (forse sarebbe stato più prudente lasciarla agli artificieri) ai carabinieri di Minervino: dentro la scatola c’erano otto detonatori. Non proprio e completamente innocui. 

Il responsabile delle guardie ecologiche ambientali, Francesco Martiradonna, infatti, ha spiegato che «Gli otto detonatori, comuni per far brillare le mine nelle cave di pietra, erano a base di nitroglicerina solidificata, quindi un potenziale pericolo lo contenevano, nel senso possono esplodere in condizioni di urti molto forti». 
detonatori sulla Murgia
Naturalmente, ora c’è da capire perché sul monte Scorzone sono stati abbandonati otto detonatori. E soprattutto: da chi? perché? Quello che, comunque, sicuramente emerge da tale ritrovamento è che ormai sulla Murgia si trova di tutto. E se il caso degli otto detonatori è particolare e clamoroso, non va dimenticato che proprio le stesse guardie hanno individuato altri due siti con altre scoperte. 
«Mentre stavamo controllando posta Di Gioia, - ha detto Martiradonna - per renderci conto se i ladri avessero portato via altre chiancarelle, a poca distanza abbiamo visto un furgone. Aveva il muso schiacciato contro i sassi: era rubato». 
detonatori sulla Murgia
Un’altra brutta scoperta, nella contrada della masseria nuova di Torre Vento. «Una nostra pattuglia - ha spiegato - ha individuato una zona dove erano stati scaricati pneumatici. Ci siamo resi conto che al proprietario del terreno era stato già notificato l’invito a bonificare l’area e siamo tornati, ma i copertoni erano ancora lì. Sarebbe opportuno insistere sulla bonifica. Certo, un proprietario non solo vede scaricare sul suo fondo materiale abusivo, ma poi deve bonificare l’area. Però è l’unica cosa che si può fare per tutelare la Murgia». Una Murgia dove c’è di tutto: furgoni rubati, pneumatici. E detonatori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725