Giovedì 25 Aprile 2019 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

Iniziativa nel salento
Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

 
25 aprile
Bari, lectio magistralis di Canfora in piazza: fascismo mai morto

Bari, lectio magistralis di Canfora in piazza: fascismo mai morto

 
Verso le Europee
Bari, l'imprenditore «made in Cina»: dal Sud ponte verso Ue e Oriente

Bari, l'imprenditore «made in Cina»: dal Sud ponte verso Ue e Oriente

 
Islam e politica
«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

«Musulmani schierati a sinistra? Un errore: sono identitari e sovranisti»

 
La polemica
Arpal, Cassano: basta processi preventivi ora denuncio. Dit: invito a nozze

Arpal, Cassano: basta processi preventivi ora denuncio. Dit: invito a nozze

 
Il caso
San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

San Nicola, fai una grazia per le Frecce Tricolori!

 
La decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
Dai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
L'intervista
Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

 
Omicidio in Salento
Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite

Maglie, ucciso pregiudicato in strada. Killer si costituisce: mi sono difeso FOTO

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

 
LecceIniziativa nel salento
Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

Ospedale di Scorrano, il reparto di Pediatria si colora con le luminarie

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Omicidio durante lite in famiglia

Uccide il padre a coltellate
arrestato 27enne a Brindisi
«Ho difeso mio fratello»

polizia

Il luogo dell'omicidio

BRINDISI - Una banale lite in famiglia nata per la luce del cellulare accesa di notte. La protesta è poi degenerata fino ad arrivare ad una coltellata, una sola all’addome, che ha ucciso Franco Tafuro, di 50 anni. A sferrarla è stato uno dei suoi tre figli, Antonio, di 27 anni, che ha poi tentato di soccorrerlo. Ha chiamato il 118, ma le cure dei medici sono state inutili. Il giovane è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto con l’accusa di omicidio volontario, aggravato dai futili motivi e dal legame di parentela. Sarà interrogato lunedì, lo stesso giorno in cui, su disposizione del pm di turno, Luca Miceli, sarà eseguita l’autopsia sul corpo del padre.

Agli investigatori che lo hanno a lungo ascoltato in presenza del suo avvocato, il giovane ha detto di avere agito per difendere suo fratello più piccolo contro cui il padre stava inveendo per futili motivi. I fatti sono accaduti a Brindisi, in via Favia, al rione Cappuccini, in una casa sprovvista di energia elettrica dove la vittima viveva con la moglie e i tre figli. L’allarme è giunto alla polizia attorno alla mezzanotte. Quando gli agenti della sezione volanti sono arrivati, dalla strada si sentivano ancora le grida e la vittima era ancora per terra. La dinamica è stata poi ricostruita al termine di un lungo interrogatorio in questura, sostenuto dal parricida reo confesso dinanzi agli agenti della Squadra mobile. Antonio Tafuro ha confessato, spiegando però di non aver avuto l'intenzione di uccidere suo padre, ma di essere intervenuto per difendere il fratello più piccolo con cui l’uomo stava litigando per una ragione banale.

La dinamica dovrà essere ricostruita con precisione, ma gli investigatori ritengono comunque credibile la versione resa dall’indagato che è stato sottoposto a fermo (il pm ha ritenuto sussistente il pericolo di fuga) ed è ora rinchiuso nel carcere di Brindisi. Il pm ha ritenuto necessario il conferimento dell’incarico per l’autopsia, esame attraverso il quale saranno accertate le cause della morte del 50enne, che è morto dopo l'arrivo nell’ospedale Perrino. A quanto appurato dai poliziotti il figlio avrebbe usato un coltello da cucina che è stato trovato, ancora insanguinato, e sottoposto a sequestro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400