Giovedì 11 Agosto 2022 | 10:16

In Puglia e Basilicata

San Severo, blitz al Comune  la Gdf scova i fannulloni

San Severo, blitz al Comune  la Gdf scova i fannulloni
di ANGELO CIAVARELLA
Alle 10 in punto gli agenti, alcuni in divisa e molti altri in abiti civili, sono entrati nel Municipio per effettuare, su ordine della procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia alcuni controlli relativi al presunto assenteismo dei dipendenti comunali, tuttavia sembra che le “fiamme gialle” abbiano segnalato un numero esiguo di personale assente 

07 Febbraio 2009

di ANGELO CIAVARELLA

SAN SEVERO - Blitz antiassenteismo della Guardia di finanza a Palazzo Celestini, sede del Municipio, a caccia di dipendenti poco scrupolosi. Una ventina di militari delle Fiamme gialle, giovedì mattina, sono stati impegnati dal locale comando di compagnia per verificare negli uffici del Palazzo di Città il numero degli impiegati presenti, le loro mansioni e l’attività in corso. Il blitz è scattato alle 10 in punto. A quell’ora gli agenti, alcuni in divisa e molti altri in abiti civili, sono entrati nel Municipio per effettuare, su ordine della procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia alcuni controlli relativi al presunto assenteismo dei dipendenti comunali e precisamente del numero di personale che doveva esserci a quell’ora e di quanti effettivamente erano presenti negli uffici comunali. I risultati non sono stati ancora ufficializzati poiché coperti da segreto istruttorio. 
Tuttavia in base ad alcune indiscrezioni sembra che le “fiamme gialle” abbiano segnalato un numero esiguo di personale assente, mentre la maggior parte dei dipendenti è risultato presente al proprio posto di lavoro. Sarà ora compito dei magistrati della Procura di Foggia accertare i motivi dell’assenza di alcuni dipendenti. 

Un dato è certo, il blitz non fa parte di un’attività di routine, ma deriva da una precisa disposizione impartita al locale Comando Gdf dalla procura foggiana. Così come non si esclude che a far scattare l’operazione dei finanziaeri sia stato un esposto presentato molto probabilmente da un dipendente comunale forse stanco di presunte illegalità dei propri colleghi. Tuttavia, secondo i soliti bene informati, il Comune di San Severo non sembra soffrire di un acuto assenteismo. Bocche cucite dal Municipio. 

Sulle verifiche effettuate dagli agenti in tenuta grigioverde nessuno si esprime. «Durante le operazioni di verifica effettuate dalla Guardi di finanza – spiega l’assessore al personale Antonio Carafa -, mi trovavo fuori città. Comunque per il momento, non intendo commentare l’accaduto, visto che vi sarebbero delle indagini in corso». Dichiarazioni che di certo non aiutano a chiarire la situazione anche alla luce di quanto accaduto e che ha causato non poche chiacchiere nei corridoi di Palazzo Celestini complcie la visita della Gdf. Oltre ai controlli effettuati dalla compagnia di San Severo nelle scorse settimane nella sede di piazza Municipio un ispettore del ministero del Tesoro ha spulciato per 15 giorni pratiche, faldoni ed incartamenti di alcuni uffici comunali. Le verifiche svolte dal funzionario ministeriale sono di routine, anche se in parte sono state effettuate su segnalazione del ministero della Funzione pubblica. Entro la fine del mese l’ispettore relazionerà al sindaco Michele Santarelli e ai Ministeri interessati gli esiti dell’ispezione, invitando, eventualmente il primo cittadino a porre in essere i necessari correttivi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725