Martedì 15 Ottobre 2019 | 18:58

NEWS DALLA SEZIONE

nel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
calcio
Febbre giallorossa: nasce il primo Lecce club di Londra

Febbre giallorossa: nasce il primo Lecce club di Londra

 
avviso di garanzia
Regione Puglia, assessore al Welfare indagato per nomina in azienda pubblica

Regione Puglia, assessore al Welfare indagato per nomina in azienda pubblica

 
Musica
Incontri d'autore: il vincitore di Amici Alberto Urso ospite nella redazione della «Gazzetta»

Incontri d'autore: Alberto Urso ospite nella redazione della «Gazzetta», biglietti in regalo a 10 fan

 
nel primo pomeriggio
Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

 
morirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Puglia
Consiglio regionale: approvata mozione su potenziamento linee ferroviarie

Consiglio regionale: approvata mozione su potenziamento linee ferroviarie

 
nel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
tra cerignola e canosa
Commando assalta camion di sigarette sulla A14 nel Nordbarese: autista rilasciato illeso

Commando assalta camion di sigarette sulla A14 nel Nordbarese: autista rilasciato illeso

 
tra Polignano e Cozze
Comitato Via: «Validi i permessi di Costa Ripagnola, ma potrebbe servire una variante»

Comitato Via: «Validi i permessi di Costa Ripagnola, ma potrebbe servire una variante»

 
a carrassi
Bari, stalking all'ex compagno fino a rompergli un braccio: misure per un 34enne

Bari, stalking all'ex compagno fino a rompergli un braccio: misure per una 34enne

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantonel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

dalla pianta alla bottiglia

Fasano, la Nicola Pantaleo Spa
chiude la filiera produttiva dell’olio

Fasano, la Nicola Pantaleo Spachiude la filiera produttiva dell’olio

FASANO – Quasi 150 ettari acquistati e messi a coltura, un frantoio continuo di ultima generazione in grado di lavorare otto tonnellate di olive all’ora, nuovi impianti, attrezzature e macchinari: è questo il piano di sviluppo, per un investimento totale di oltre sette milioni di euro, finalizzato dalla Nicola Pantaleo Spa - azienda nata a Fasano nel 1890 e impegnata nella produzione e commercializzazione di olio d’oliva - per chiudere l’intera filiera produttiva ed essere tra le prime imprese industriali del settore oleario in Italia a curare tutto il processo, dalla pianta alla bottiglia.

Le coltivazioni, lo stabilimento e il frantoio appena realizzato sono stati presentati a circa 150 ospiti tra
clienti, buyer e partner italiani e stranieri provenienti da Europa, USA, India, Corea e Giappone che hanno
partecipato all’inizio della campagna olearia e, alla presenza delle autorità del territorio, anche alla prima
molitura del frantoio.

Con l’obiettivo di coniugare la tradizione (derivante dai quasi 130 anni di storia) e l’innovazione, nei 150
ettari di terreno sono già coltivati circa 2mila olivi secolari della cultivar tipicamente pugliese ‘Ogliarola’ e
13.200 piante con coltivazioni intensive di differenti cultivar preesistenti quali ‘Coratina’, ‘Peranzana’, ‘Cima
di Melfi’, ‘Leccino’, ‘Frantoio’, ‘Picholine’, mentre, entro il 2018, andranno in coltivazione super-intensiva
160mila piante di ‘Ogliana’ e ‘Arbosana’.

Una volta a pieno regime (previsto per il 2019), la filiera ‘Pantaleo’ lavorerà 3.000 tonnellate di olive proprie
per oltre 650.000 litri di olio extra-vergine biologico all’anno (oggi 800 tonnellate di olive per 144.000 litri,
quasi tutti venduti sul mercato asiatico) ottenuto esclusivamente da olive coltivate in agro di Fasano.
«Questo investimento - ha spiegato Nicola Pantaleo, direttore generale della Nicola Pantaleo Spa – ci
consentirà di essere maggiormente competitivi sulla fascia di mercato più alta, potendo produrre
direttamente noi un olio, biologico e da olive coltivate esclusivamente in Puglia, che diventerà il nostro
prodotto ‘top’ di gamma».

L’investimento, che ha previsto anche migliorie ai fondi agricoli (alcuni dei quali in stato di abbandono) e
l’introduzione dei più moderni modelli di raccolta per abbatterne i tempi a vantaggio della qualità dell’olio,
ha consentito l’assunzione a tempo indeterminato di 10 persone portando l’occupazione totale, tra la
Pantaleo Nicola Spa e la Pantaleo Agricoltura Srl (che si occupa di coltivazione, trasformazione e
confezionamento di prodotti agricoli tra cui il pomodoro Regina, entrato tra i prodotti protetti dai Presidi
Slow Food), a 41 persone.

La Nicola Pantaleo Spa stima di chiudere il 2017 con un fatturato di circa 62 milioni di euro, in linea con le
performance del 2016. L’azienda è presente sul mercato nazionale e, soprattutto, su quello internazionale,
sia comunitario che extra-UE; l’export supera il 75% del fatturato e si concentra in una decina di Paesi tra
cui Giappone, India, Stati Uniti, Oman, Quatar e UE.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie