Mercoledì 10 Agosto 2022 | 08:14

In Puglia e Basilicata

PRONTO GAZZETTA / In zona brindisina niente acqua per ore (nè alcun avviso)

Tutto il quartiere La Rosa è risultato essere a secco per un guasto alla rete idrica e le proteste non sono mancate per il mancato avviso e nessuna autobotte inviata a sostegno delle necessità
• L'Aqp: «Ci dispiace dei disagi ai cittadini»

05 Febbraio 2009

BRINDISI - «Si deve avere più rispetto per i cittadini. Tutto il quartiere è senz’acqua da diverse ore e, dopo aver atteso invano, mia moglie è andata a lavorare senza aver pranzato ed io mi dovrò arrangiare». Cosimo Arigliano abita in via delle Orchidee, nel quartiere La Rosa, alla periferia del capoluogo. Vista la malaparata ha deciso di rivolgersi a «Pronto Gazzetta». 

«So che la vostra rubrica si occupa degli abusi subìti dai cittadini - esordisce - oggi, e non solo oggi per la verità, mi sono sentito maltrattato dal pianeta dei servizi. Come vorrei avere di fronte il funzionario che nella mattinata ha disposto l’interruzione dell’ero g azione dell’acqua, per dirgli a muso duro cosa penso di questo modo di operare». Parla a ruota libera. È inarrestabile. «Ci volete avvertire quando siete costretti a chiudere la rete idrica? - incalza -. Ma che sistemi di assicurare il servizio, quale professionalità è mai questa?» 

E riprende: «Sarebbe stato difficile diffondere un avviso, magari attraverso gli agenti della Polizia municipale - dice - o inviare sul posto un’autobotte per permettere a noi poveri cristi di tornare a casa dopo una giornata di lavoro e poterci fare una doccia e mangiare un piatto caldo?». 

«Ci maltrattano tutti, è diventato lo sport preferito dagli enti o società che offrono servizi alla popolazione - prosegue in uno sfogo, a suo dire, legittimo e liberatorio -. Ovunque siamo costretti ad attese interminabili e non è raro incontrare impiegati maleducati e insensibili». 

Ormai è quasi normale rispondere a telefonate inferocite di cittadini stufi di constatare la disattenzione degli enti che curano i servizi essenziali in città e sul territorio. Più che gli abusi ciò che appare intollerabile è la mancanza di riguardo, nelle ore di punta, per le esigenze delle famiglie che, nella quasi totalità, si destreggiano tra disagi legati alla viabilità e orari di lavoro sempre più stressanti. [v. cord. arc.] 

• L'Aqp: «Ci dispiace dei disagi ai cittadini»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725