Lunedì 08 Agosto 2022 | 12:06

In Puglia e Basilicata

Il parco del Gargano «invaso» dai bracconieri

Il parco del Gargano «invaso» dai bracconieri
In mancanza di controlli i cacciatori si scatenano, devastando con le doppiette una delle zone a più alta ricchezza di biodiversità. Ciò che più sconcerta è il fatto che tutto ciò viene registrato di giorno. È solo possibile immaginare cosa accada di notte nelle zone umide, magari in fase di luna piena, quando gli uccelli migratori si muovono (foto)

04 Febbraio 2009

bracconieridi FRANCESCO MASTROPAOLO

MONTE SANT'ANGELO. Il bracconaggio? In molte zone del parco del Gargano pare che sia un “esercizio” abbastanza diffuso nella più completa libertà in quanto gli organi preposti al controllo, in particolare le guardie forestali, si troverebbero nell’impossibilità di poter, come dovrebbero e vorrebbero, svolgere azioni di prevenzione ma, ancor più di vigilanza sull'area protetta per un’ef ficacia azione di contrasto, appunto, per impedire che possano avere via libera i bracconieri. Cacciatori con il fucile a portata e relativo cane sono stati fotografati in zone dove l’attività venatoria non è consentita. La denuncia viene da parte di associazioni ambientaliste per le quali «l'attuale assetto della vigilanza nelle aree umide del Parco nazionale del Gargano, così come delle riserve naturali di popolamento animale dello Stato, quale è Frattarolo, non è in grado di arginare l’annoso problema del bracconaggio». 

«Ormai - viene sottolineato - questi bracconieri cacciano impunemente di giorno, con a seguito cani e richiami vietati, in una zona “uno” del Parco tra le più famose a livello europeo». Recentemente su internet sono apparse foto di cacciatori in barchino nella riserva naturale orientale del lago di Lesina, anche qui in zona “uno” del Parco. 
bracconieri
«Questo problema - ricordano gli ambientalisti - è in gran parte dovuto alla non omogenea distribuzione dei comandi stazione della Forestale». Un esempio su tutti: il comando stazione competente per le paludi sipontine è San Marco in Lamis, ad una distanza che è tale da vanificare qualsiasi possibilità di sorprendere in flagranza di reato quanti continuano a non rispettare il divieto di caccia. Tutto questo nonostante la “buona volontà” dei comandanti di stazione. 

Nei giorni festivi la situazione, se possibile, è addirittura peggiore perché, una volta segnalato l’abuso viene attivata la pattuglia reperibile che, come accaduto qualche giorno fa, gli uomini disponibili erano a Mattinata. Il risultato: ancora una volta i bracconieri l’hanno fatta franca, visto il tempo necessario per l’arrivo sul posto della pattuglia. Si sta tentando di risalire ai bracconieri grazie alle foto scattate da alcuni ambientalisti, immagini consegnate agli uomini della forestale. Ciò che più sconcerta è il fatto che tutto ciò viene registrato di giorno. È solo possibile immaginare cosa accada di notte nelle zone umide, magari in fase di luna piena, quando gli uccelli migratori si muovono. Oppure, chi controlla le mattanze che «addirittura vengono con disgusto denunciate sottovoce dagli stessi cacciatori» nelle riserve private, poco fuori il Parco? Gli ambientalisti ribadiscono, ancora una volta, la richiesta di istituire un presidio stabile della forestale presso tutte le zone particolarmente sensibili, in modo da tutelare questi importantissimi scrigni di biodiversità.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

EDITORIALI

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725