Lunedì 22 Ottobre 2018 | 15:59

NEWS DALLA SEZIONE

La città delle ceramiche
Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emiliano: «Ok gioco di squadra»

Grottaglie nuova Città Europea dello Sport 2020, Emilia...

 
Dopo l'infarto
Vendola torna a casa: «Grazie ad amici e avversari»

Vendola torna a casa: «Grazie ad amici e avversari»

 
clima d’odio
Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a Brindisi

Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a B...

 
Non ebbe l'asilo politico
Gambiano suicida nel Tarantino: raccolti 4200 euro per rimpatrio salma

Gambiano suicida nel Tarantino: raccolti 4200 euro per ...

 
a Presicce
Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, arrestato 39enne nel Leccese

Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, ar...

 
emergenza roghi
Terra dei fuochi, in prima linea i comitati e le associazioni

Terra dei fuochi anche a Bari: in prima linea i comitat...

 
Il caso
Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della ...

 
Ad Altamura (Ba)
Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

 
Ad acquaviva delle fonti (Ba)
Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari un 34enne

Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari...

 
Le dichiarazioni sul gasdotto
Tap, ministro Costa: «Entro giovedì vediamo dossier sindaco Melendugno»

Tap, ministro Costa: «Entro giovedì vediamo dossier sin...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Si è laureato a Pisa

È nato a Barletta il primo
ingegnere bionico del mondo

È nato a Barletta il primo  ingegnere bionico del mondo

Foto gonews.it

PISA - E’ di Barletta il primo «ingegnere bionico» al mondo, perché non esistono altri corsi di laurea di questo tipo. Si è laureato a Pisa stamani alla Scuola di Ingegneria dell’Università. Francesco Lanotte, 24 anni, ha discusso la tesi sullo sviluppo di un nuovo algoritmo di controllo per un esoscheletro robotizzato per il supporto lombare, ottenendo la laurea magistrale in Bionics Engineering con 110 e lode. Alla proclamazione hanno assistito il rettore dell’ateneo pisano, Paolo Mancarella, e quello della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, Pierdomenico Perata.

Mancarella ha sottolineato che il corso di laurea in Bionics Engineering è «un nuovo fiore all’occhiello per l’università, che si aggiunge agli altri corsi già attivati permettendo di ampliarne l’offerta didattica» mentre Perata ha spiegato che «la ricerca di altissimo livello condotta dalla Scuola Sant'Anna sulla biorobotica ha trovato in questa laurea magistrale l'ideale percorso didattico per completare l’offerta formativa della stessa Sant'Anna, che già vanta un percorso di dottorato in Biorobotica con decine di candidati ogni anno». «La Bionics Engineering - ha aggiunto Luigi Landini, presidente del corso di laurea - è una nuova frontiera dell’ingegneria biomedica e il nostro corso è il primo al mondo nel suo genere: integriamo la robotica e le tecnologie bioingegneristiche con le scienze della vita, come la medicina e le neuroscienze, per arrivare a sviluppare una nuova generazione di dispositivi biorobotici, biomimetici e sanitari».

La tesi di Lanotte ha riguardato lo sviluppo di un esoscheletro per assistere i lavoratori quando sollevano pesi. La sua ricerca ha preso spunto dalla sesta indagine europea sulle condizioni di lavoro, che evidenzia la necessità di tecnologie che migliorino le condizioni ergonomiche sul posto di lavoro e riducano quindi il rischio di danni all’apparato muscolo-scheletrico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400