Mercoledì 10 Agosto 2022 | 06:35

In Puglia e Basilicata

Lecce, bagarre stasera in Consiglio rinvio centrale biomasse Italgest

LECCE - In un clima di grande tensione e di bagarre il consiglio comunale di Lecce ha rinviato la discussione sulla delibera relativa alla centrale a biomasse di Italgest, progettata alle porte di Lecce sulla strada per Novoli. Sono stati 22 i voti favorevoli, 12 i contrari e sei gli astenuti, con Forza Italia a votare per il no con undici consiglieri di opposizione del Pd.

03 Febbraio 2009

LECCE - In un clima di grande tensione e di bagarre il consiglio comunale di Lecce ha rinviato la discussione sulla delibera relativa alla centrale a biomasse di Italgest, progettata alle porte di Lecce sulla strada per Novoli. Sono stati 22 i voti favorevoli, 12 i contrari e sei gli astenuti, con Forza Italia a votare per il no con undici consiglieri di opposizione del Pd.

Numerose le associazioni ambientaliste a gremire l'aula consiliare manifestando con striscioni e cartelli, e annunciando l'immediato ricorso alle vie legali per impedire l'insediamento. Il sindaco azzurro, Paolo Perrone, schieratosi tra i contrari alla centrale, ha abbandonato l'aula accusando il presidente del consiglio, Eugenio Pisanò, suo collega di partito, di aver impedito la discussione in aula per questioni procedurali interpretate - ha detto - in maniera soggettiva.

Sull'approvazione del progetto incombe la scadenza 6 febbraio quando scadranno i termini concessi dalla legge regionale 31/08 per la ratifica delle risultanze della conferenza dei servizi che aveva espresso parere favorevole al progetto della centrale a oli vegetali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725