Domenica 11 Aprile 2021 | 04:03

NEWS DALLA SEZIONE

Incidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
Il caso
Furbetti dei vaccini in Puglia, Nirs: «Impossibile ora quantificarli»

Furbetti dei vaccini in Puglia, Nirs: «Impossibile ora quantificarli»

 
Il caso
Bari, controlli anti Covid, si spostano senza motivo in zona rossa: 5 multati in poche ore

Bari, controlli anti Covid, si spostano senza motivo in zona rossa: 5 multati in poche ore

 
Covid 19
Vaccini in Puglia, inoculate 743mila dosi: +27mila oggi

Vaccini in Puglia, inoculate 743mila dosi: +27mila oggi

 
Il caso
Finantial Times bacchetta l'Italia: «Così cerca di riprendersi dal fiasco dei vaccini»

Financial Times bacchetta l'Italia e la Puglia: «Così cerca di riprendersi dal fiasco dei vaccini»

 
Il caso
Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 17.657 nuovi casi e 344 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 17.657 nuovi casi e 344 morti nelle ultime 24 ore

 
Il caso
Lecce, 85enne muore dopo vaccino Moderna: accertamenti dell'Asl

Lecce, 85enne muore dopo vaccino Moderna: accertamenti dell'Asl

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, sale numero di inoculazioni: 15mila al giorno. Effetto AstraZeneca, dubbi tra i 70enni

Vaccini in Puglia, sale numero di inoculazioni: 15mila al giorno. Dosi al 69% per 80-89enni

 
La tragedia
Ceglie Messapica, coppia di anziani positivi al Covid: muore a distanza di poche ore l'uno dall'altra

Ceglie Messapica, coppia di anziani positivi al Covid: muore a distanza di poche ore l'uno dall'altra

 
Il caso
Marò, parla la moglie di Girone: «Dimostreranno la loro innocenza all'Italia»

Marò, parla la moglie di Girone: «Dimostreranno la loro innocenza all'Italia»

 

Il Biancorosso

Serie C
Avellino - Bari: segui con noi il match in diretta

Avellino-Bari: 1-0 per i campani. I galletti restano a bocca asciutta: rivedi con noi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
Covid news h 24Lotta al virus
Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero: «State a casa»

Covid a Bitonto, l'appello su Fb di Bianca Guaccero ai concittadini: «State a casa»

 
BrindisiLo scatto
In Salento c'è un ulivo secolare che scappa: sembra Barbalbero

In Salento c'è un ulivo secolare che «scappa»: sembra Barbalbero

 
TarantoIl caso
Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

Operaio licenziato a Taranto, Mittal: «Leso rapporto di fiducia»

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
PotenzaIl virus
Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

San Nicola di Melfi

La Cig alla Fca-Sata
«Segnale che allarma»

I sindacati: subito una nuova vettura per sostituire la Punto

La Cig alla Fca-Sata «Segnale che allarma»

Francesco Russo

MELFI - Da ieri i lavoratori della Fca-Sata di Melfi hanno cominciato un nuovo periodo di cassa integrazione. Colpa della contrazione della domanda di mercato. Cinque cicli di stop produttivo – da oggi 3 settembre fino al 2 ottobre - che interessano complessivamente 7.469 operai (6.939 operai e 530 fra impiegati e quadri). La fabbrica lucana rimarrà chiusa inizialmente per un periodo breve: dalle 14 di oggi alle 6 di domani mattina. Gli altri quattro cicli di interruzione delle produzioni sono previsti dalle 6 dell’8 settembre alla stessa ora di lunedì 11, dalle 6 del 15 alle 6 del 18 settembre, dalle 6 del 22 alla stessa ora del 25 settembre, dalle 14 del 29 settembre alle 6 del 2 ottobre. Le organizzazioni di categoria sono preoccupate e chiedono ormai da tempo una nuova vettura che vada a sostituire la Punto, ormai a fine ciclo. Ma ad oggi non sono ancora arrivate novità dal gruppo Fca. Cresce di giorno in giorno il rischio esuberi, che riguarda principalmente i circa 1500 lavoratori assunti negli ultimi tre anni con contratti a tutele crescente in vista della produzione di 500X e Jeep Renegade, i due modelli «suv» realizzati nello stabilimento Sata di Melfi.

Le organizzazioni di categoria, ma gli stessi operai, si chiedono cosa accadrà il giorno in cui la Punto andrà definitivamente in pensione. Già da un anno a questa parte, i lavoratori addetti a quella linea finiscono spesso in cassa integrazione oppure vengono mandati in trasferta in giro per l’Italia in altri stabilimenti del gruppo. Il timore, è che una volta archiviata l’esperienza Punto - ed in assenza di un modello alternativo - quegli operai vengano impiegati sulle linee «suv», mandando in esubero un gran numero di nuovi assunti. «Il problema, ad oggi - dice il segretario della Fiom-Cgil Basilicata, Roberto D’Andrea - è che non sappiamo, al di là di alcune indiscrezioni mai confermate, quando terminerà definitivamente la produzione della Punto.

La Fca non ha mai dato chiarimenti in un confronto ufficiale. Non si fa altro che dire che finirà, ma non c’è una data. Si ipotizzava entro la fine del 2017, oggi si parla dei primi mesi del prossimo anno. Evidentemente - suggerisce il sindacalista - la Punto continua, anche se in numeri minori, ad avere ordinativi e quindi si sta aspettando ancora un po’ prima di chiudere il ciclo produttivo di quella vettura. Nel frattempo gli operai della Punto, dal momento che a Melfi si sta verificando una saturazione delle produzioni, finiscono in cassa integrazione o vengono mandati in trasferta nell’ordine delle 300, 400 unità e a seconda delle varie necessità, in altri stabilimenti italiani, come quello di Atessa». Nell’ambiente, però, restano i timori sul futuro occupazionale dei tanti nuovi assunti.

«Serve assolutamente - dice in merito D’Andrea - un nuovo modello, ma in ogni caso la strategia industriale di questa conduzione Fiat non prevede il mantenimento del segmento B. Le vetture utilitarie ormai vengono realizzate in Polonia, in Turchia, in Serbia. Si sarebbe potuto decidere, ad esempio, di produrre la nuova Tipo a Melfi e non in Turchia. Si è fatta tanta pubblicità sulle nuove assunzioni con il Jobs Act, Renzi è venuto a Melfi per fare passerella, ma ora c’è il rischio che tanti giovani si ritrovino senza occupazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie