Venerdì 25 Giugno 2021 | 03:19

NEWS DALLA SEZIONE

salute
Quinto congresso «Ame Diabetes Update»: gli appuntamenti in diretta streaming

Quinto congresso «Ame Diabetes Update»: gli appuntamenti in diretta streaming

 
L'allarme
Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

 
vita di palazzo
«Noi presidenti di Regione che rispondiamo al telefono ai cittadini»

«Noi presidenti di Regione che rispondiamo al telefono ai cittadini»

 
Covid
Basilicata, vuote le terapie intensive

Basilicata, vuote le terapie intensive

 
sanità
Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

 
Covid
Vaccini, a Bari ripresa campagna a ritmo serrato

Vaccini, a Bari ripresa campagna a ritmo serrato

 
siccità killer
Clima torrido, allarme dal mondo delle campagne

Clima torrido, allarme dal mondo delle campagne

 
Il caso
Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

 
l'emergenza
Covid: in Puglia nessun morto e 42 positivi, lo 0,6% dei test

Covid: in Puglia nessun morto e 42 positivi, lo 0,6% dei test. Regione con più somministrazioni a over 60

 
L'inchiesta
De Benedictis, un fiume in piena: «paroliere» della giustizia svenduta

De Benedictis, un fiume in piena: «paroliere» della giustizia svenduta

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'allarme
Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

 
PotenzaCalcio
Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

 
Barigli effetti del caldo
Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

 
PotenzaCovid
Basilicata, vuote le terapie intensive

Basilicata, vuote le terapie intensive

 
Tarantosanità
Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

 
BrindisiIl caso
Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

 
FoggiaLa tragedia a gennaio
Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

 
BatL'intervista
«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

 

i più letti

coinvolti polignano e casamassima

Elettrodotto Italia-Albania
Via libera da Consiglio di Stato

elettrodotto

ROMA - Via libera del Consiglio di Stato all’elettrodotto di interconnessione Italia-Albania. Con la sentenza n. 3759/17, depositata oggi, i giudici hanno definitivamente risolto il contenzioso che per alcuni anni ha visto contrapposti il Comune di Polignano a Mare ed il Comune di Casamassima al Ministero dello sviluppo economico e ad una società del gruppo Enel, in relazione a questo progetto di potenziamento della rete elettrica nazionale. Il progetto, elaborato dall’Enel prevedeva in particolare la stesa sul fondo del mare Adriatico, tra l’Albania e la costa pugliese, di un cavo elettrico per l’adduzione di corrente continua per incrementare i flussi di energia della rete elettrica nazionale.

La contesa è nata dalla scelta progettuale del punto di approdo del cavo sottomarino in uno dei due comuni pugliesi e sul posizionamento, nell’altro comune, della stazione di conversione e di allaccio del cavidotto alla rete elettrica nazionale.
Il Tar Puglia aveva deciso separatamente i ricorsi dei due Comuni con due sentenze di segno diverso.
Il Consiglio di Stato ha riunito tutte le controversie e ha deciso unitariamente l'intera vicenda, respingendo così i ricorsi originari dei Comuni. 

Diversi i punti fermi che emergono dalla sentenza. Innanzitutto viene affermato che le varie componenti progettuali (posa del cavidotto e costruzione della stazione di conversione) non possono essere scisse, in quanto funzionalmente unitarie. Poi si chiariscono i limiti di necessità della VIA (valutazione di impatto ambientale) nazionale, rispetto ad impianti di adduzione elettrica in corrente continua, sottomarini (e non aerei) e conseguentemente viene dichiarato sufficiente il procedimento di VIA espletato in sede regionale. Vengono inoltre ritenute non irragionevoli né illogiche le scelte tecniche che hanno condotto all’individuazione del punto di approdo. La sentenza, infine, ritiene che le modifiche progettuali fatte per raccogliere le specifiche esigenze manifestate da enti locali, non siano tali da stravolgere il progetto originario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie