Domenica 17 Novembre 2019 | 09:00

NEWS DALLA SEZIONE

nel Salento
Veglie, entra in tabaccheria con pistola e scappa con 3mila euro

Veglie, entra in tabaccheria con pistola e scappa con 3mila euro

 
Il caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
Serie C
Bari calcio, Vivarini: «Contro Paganese voglio personalità»

Bari calcio, Vivarini: «Contro Paganese voglio personalità»

 
Sul lavoro
Grottaglie, infortunio alla Leonardo: operaio con trapano si ferisce alla mano

Grottaglie, infortunio alla Leonardo: operaio con trapano si ferisce alla mano

 
Social news
Ex Ilva, «Sono di Taranto e per tutta la vita ho visto gente morire di tumore»: il post diventa virale

Ex Ilva, «Sono di Taranto e per tutta la vita ho visto gente morire di tumore»: il post diventa virale

 
Il caso
Taranto, in fiamme un'ambulanza della Croce Rossa in servizio 118

Taranto, in fiamme un'ambulanza della Croce Rossa in servizio 118

 
nel Foggiano
Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

 
riqualificazione
Bari, ospedale pediatrico inaugura nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

Bari, ospedale pediatrico inaugura nuovo accesso riservato ai mezzi di soccorso

 
dalla polizia
Foggia, spintonarono e derisero anziano: identificati 7 ragazzini tra gli 11 e i 14 anni

Foggia, spintonarono e derisero anziano: identificati 7 ragazzini tra gli 11 e i 14 anni

 

Il Biancorosso

verso il match
Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccenel Salento
Veglie, entra in tabaccheria con pistola e scappa con 3mila euro

Veglie, entra in tabaccheria con pistola e scappa con 3mila euro

 
BariLa curiosità
Ama talmente tanto Bari da tatuarsi la Gazzetta

Si tatua la Gazzetta sul polpaccio: l'inno alla baresità di un 22enne

 
TarantoIl siderurgico
Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

 
Foggianel Foggiano
Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

 
Materaconta dei danni
Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

 
BrindisiNel Brindisino
Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

 
BatLa sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
Potenzal'indagine
Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

 

i più letti

A due anni dalla strage di Modugno

Esplosione fabbrica
chiesto il processo
per il titolare dell'azienda

Esplosione fabbrica chiesto il processo  per il titolare dell'azienda

BARI - A due anni dall’esplosione nella fabbrica di fuochi pirotecnici Bruscella di Modugno (Bari) in cui morirono 10 persone, la Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per Antonio Bruscella, l’unico titolare dell’azienda sopravvissuto all’esplosione, accusato di omicidio colposo plurimo e disastro colposo. La richiesta della Procura, formulata dai pm che hanno indagato sulla strage, Grazia Errede e Domenico Minardi, è giunta nelle scorse settimane nella cancelleria centrale dell’ufficio gip del Tribunale di Bari che dovrà ora assegnare il procedimento ad un giudice e fissare la data di inizio dell’udienza preliminare.

Il secondo anniversario della strage ricorre domani. L'esplosione avvenne il 24 luglio 2015, probabilmente causata dalla presenza di troppa polvere da sparo, dalla poca distanza tra i fabbricati contenenti materiali esplodenti e dall’utilizzo di attrezzature inadeguate. Morirono il fratello dell’indagato, Vincenzo Bruscella, e il nipote Michele, (entrambi titolari della fabbrica insieme con Antonio Bruscella), il cognato Vincenzo Armenise, il cugino Michele Pellicani, lo studente 20enne di Napoli Riccardo Postiglione, che era lì quel giorno perché stava lavorando ad un sistema elettronico di fuochi musicali, gli amici e collaboratori Giuseppe Pellegrino e Vincenzo Di Chirico e gli operai Banga Harbaajan, Nigah Kumar e Merja Saimir.

L’area in cui sorgeva la fabbrica, nelle campagne fra Modugno e Bitritto - ridotta ormai soltanto un cumulo di macerie, è stata dissequestrata alcuni mesi fa dopo la conclusione degli accertamenti tecnici e la chiusura delle indagini preliminari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie