Martedì 22 Giugno 2021 | 00:43

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, allarme in città, tre donne picchiate

Bari, allarme in città, tre donne picchiate

 
sviluppo
Pnrr, Zes: la grande sfida della ripartenza

Pnrr, Zes: la grande sfida della ripartenza

 
Il fatto
Taranto, Bus in fiamme ai Tamburi

Taranto, bus in fiamme ai Tamburi

 
Il nodo del siderurgico
Ex Ilva di Taranto, il sindaco chiede al Governo un accordo di programma

Ex Ilva di Taranto, il sindaco chiede al Governo un accordo di programma

 
L'intervista
Bari, «Nessuno scudo penale a vantaggio di chi rovina la reputazione della gente»

Bari, «Nessuno scudo penale a vantaggio di chi rovina la reputazione della gente»

 
L'intervista
Bari, «È una misura assurda degna dell’Unione sovietica o della Germania nazista»

Bari, «È una misura assurda degna dell’Unione sovietica o della Germania nazista»

 
Libertà di stampa
Bari, Carcere per i giornalisti domani la Consulta decide

Bari, carcere per i giornalisti domani la Consulta decide

 
L'analisi
Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

 
il bollettino
Covid, s'allevia la tensione in Puglia

Covid, s'allevia la tensione in Puglia

 
Archeologia
Bari, torna a casa il tesoro archeologico finito in Belgio - IL VIDEO -

Bari, torna a casa il tesoro archeologico finito in Belgio VIDEO

 
Covid
Vaccini: entro il 14 luglio in arrivo in Puglia oltre 920mila dosi

Vaccini: entro il 14 luglio in arrivo in Puglia oltre 920mila dosi. E la Regione potenzia il sequenziamento dei ceppi virali

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceil fenomeno
Lecce,  volontari croce rossa

Castro, sbarco di migranti vicino la grotta Zinzulusa

 
BariIl caso
Bari, allarme in città, tre donne picchiate

Bari, allarme in città, tre donne picchiate

 
MateraIl caso
Montalbano pronta a dire no alle scorie

Montalbano pronta a dire no alle scorie

 
PotenzaIl caso
Potenza, frenata sull’acqua cara

Potenza, frenata sull’acqua cara

 
TarantoIl fatto
Taranto, Bus in fiamme ai Tamburi

Taranto, bus in fiamme ai Tamburi

 
BrindisiIl fatto
Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

 
Batil caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
FoggiaIl caso
Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

 

i più letti

in Basilicata

Truffatrice seriale
incubo delle banche

È nel mirino dei centri antifrode, ma agisce ancora

Truffatrice seriale incubo delle banche

di Maria Ida Settembrino

Si aggira per gli istituti di credito della Basilicata, esibendo la sua innata immagine della classica brava donna di casa, ma in realtà le comunicazioni a suo carico sono univoche: si tratta di un’abile truffatrice. La cinquantenne, capelli corti, nero corvino, un filo di trucco, indole pacata e temperamento accomodante continua a presentarsi presso svariate agenzie con diverse identità chiedendo l’apertura di conti correnti e la negoziazione di assegni, anche di piccolo importo e in più occasioni. Difficile intercettare la sua provenienza dall’accento.

Le segnalazioni da parte dei centri antifrode riferiscono di spostamenti molto ramificati su tutto il territorio nazionale, con recenti «puntate» sul territorio lucano. Per quello che riguarda la Basilicata, gli avvistamenti si riferiscono ai primi giorni dello scorso mese di marzo e di metà giugno. I documenti esibiti dalla donna sembrano in regola, ma a destare qualche sospetto è più di un particolare: potrebbe trattarsi di una patente falsa, di una tessera sanitaria contraffatta. La donna potrebbe avere con sé diversi carnet di assegni emessi da banche con le quali potrebbe aver già aperto conti correnti con documenti falsi, aver ottenuto l’ attivazione e prestiti, la richiesta di carte di credito e bancomat. Sono tuttora in corso accertamenti riguardo le possibili truffe messe a segno nei confronti di queste banche e di esercizi commerciali dove, eventualmente, sono stati spesi quegli assegni.

«Chiedere l’apertura di un conto corrente bancario o sottoscrivere un qualsiasi altro contratto di natura finanziaria utilizzando dati identificativi falsi è reato e può essere punito con pene anche piuttosto gravi - la legge è categorica, avvertono gli esperti. Le banche hanno, tuttavia, l’obbligo di verificare la veridicità dei dati identificativi dichiarati dal cliente: quindi all’apertura di un conto corrente o di qualunque altro contratto viene chiesta l’esibizione di un documento d’identità o di un altro certificato equivalente. Chi tenta, però, di aprire un conto corrente bancario sotto falso nome provvede a presentare documenti o certificati falsi o falsificati. In questi casi, non si rischia quindi la condanna per il solo reato di sostituzione di persona, bensì anche quella per il reato di falsità materiale o di uso di atto falso .

A questi può infine aggiungersi l’accusa del reato di truffa punita con la reclusione da sei mesi a tre anni e la multa da 51 a 1032 euro. Aprire o cercare di aprire un conto corrente utilizzando dati identificativi falsi può costare quindi la condanna per molteplici reati. Non si commette alcun reato se la falsità è involontaria, per esempio a causa di un errore nella compilazione di un modulo non rilevato dal dipendente della banca. I reati elencati sono puniti infatti solo se la persona che li commette è cosciente di dichiarare o attestare il falso. Nel caso in cui ci si accorga dell’errore è bene quindi segnalarlo immediatamente, per evitare che il silenzio venga ritenuto indice della volontà di dichiarare il falso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie