Domenica 17 Febbraio 2019 | 11:02

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
I fatti del 2015-2016
Puglia, lettere esplosive: dietro gli attentati due anarchici arrestati a Torino

Puglia, lettere esplosive: dietro gli attentati due anarchici arrestati a Torino

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto il Sassari 86-87

 
Le dichiarazioni
Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

 
Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
LecceA Lecce
Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

giuseppe grottola, Il poliziotto ciclista

«Da Taranto a Capo Nord
la mia avventura in bici»

«Da Taranto a Capo Nord  la mia avventura in bici»

di Francesco Casula

TARANTO - «Si lo rifarei, nonostante la fatica e la lontananza della famiglia e della mia terra perché è stata l’occasione di sentire la libertà addosso». Quasi 4mila chilometri in 31 giorni. Strade e paesaggi di ogni tipo: dal profumo del mare delle strade che costeggiano l’Adriatico fino ai panorami lunari della Norvegia. Un viaggio in bicicletta da Taranto fino a Capo Nord, punta estrema dell’Europa settentrionale. «È stata un’emozionante sfida con me stesso: non una competizione per migliorare la prova di qualcun altro, ma la volontà di in gioco ogni giorno contando esclusivamente sulle proprie gambe e la propria testa».

Sorrisi e timidezza. Giuseppe Grottola, 53enne vice sovrintendente della Polizia di Stato, riavvolge il nastro della sua coraggiosa avventura. È il primo ciclista a essere partito da Taranto e ad aver raggiunto Capo Nord: «In realtà - confessa alla “Gazzetta” - l’ho scoperto dopo che ero il primo, ma questo non cambia il senso del viaggio. Non sono partito per mettere un record, semplicemente partire da casa e arrivare alla punta d’Europa mi affascinava». In passato si era già messo alla prova, ma mai su una distanza così grande.

Sulla bici ha portato il minimo indispensabile: completi da ciclista, un giubbotto per la pioggia e poco altro. È partito il 3 giugno scorso dalla Questura percorrendo in media 120 chilometri al giorno: «In alcune giornate anche 170. Partivo alle 8 e pedalavo per circa 9 o 10 ore. La tappa più dura? Forse i primi giorni per via della febbre o addirittura l’ultima per arrivare a Capo Nord anche se è stata di soli 32 chilometri ma con un dislivello di 900 metri». Ha percorso l’Adriatica e poi passando per Venezia è giunto al valico del Brennero per poi pedalare sulle strade dell’Austria e della Germania. Da Lubecca un traghetto lo ha portato a Helsinki: «E’ stato l’unico tratto percorso senza usare la bici». Ha attraversato tutta la Finlandia e poi gli ultimi 300 chilometri in Norvegia fino alla destinazione finale.

Un viaggio che tecnicamente divide in due parti: il primo tutto italiano con strade difficili e occhi sempre vigili a guardare le auto che passavano accanto e il secondo dal Trentino in poi con un vero percorso ciclabile, parallelo alle autostrade. A sostenerlo c’erano tutti gli amici e colleghi: attraverso la pagina Facebook «Taranto North Cape» Giuseppe pubblicava quotidianamente foto e video per raccontare il viaggio. Il suo quartiere generale, però, è rimasto a casa: da lì sua moglie Raffaella prenotava le strutture per riposare. «La sa una cosa? Sulle strade ciclabili degli altri Paesi europei c’erano i “bicigrill” con ristoranti, bar e una servizi di per chi era in viaggio sulle due ruote: sarebbe davvero bello se in una terra devastata dall’inquinamento cominciassimo a investire sulla mobilità sostenibile. C’è un’economia che si muove intorno e forse non ci vuole molto: basterebbe iniziare dalle piste ciclabili. Quella che da Taranto porta a San Vito, ad esempio, non è fatta male. Anzi, bisognerebbe ripulirla più spesso». Sarebbe per questa terra l’inizio di un nuovo viaggio. Certamente bello quello di Giuseppe, il poliziotto ciclista che ha sfidato se stesso e ha vinto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400