Venerdì 14 Maggio 2021 | 10:21

NEWS DALLA SEZIONE

Ciclismo
Amore per il Giro d'Italia, Foggia è pronta e si tinge di rosa

Amore per il Giro d'Italia, Foggia è pronta e si tinge di rosa

 
Nel Barese
Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

 
Lotta al Covid
«Vaccinare entro fine luglio 7 pugliesi su 10», la scommessa

«Vaccinare entro fine luglio 7 pugliesi su 10», la scommessa

 
Nel Barese
Carbonara, 46enne ucciso e abbandonato in un casolare: arrestato presunto omicida

Carbonara, 46enne ucciso e abbandonato in un casolare: arrestato presunto killer

 
Il caso
Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

 
Occupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
Emergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
Lotta al virus
Vaccinazioni in Puglia: utilizzato il 91% delle dosi ricevute

Vaccinazioni in Puglia: utilizzato il 91% delle dosi ricevute

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 8.085 nuovi casi e 201 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 8.085 nuovi casi e 201 morti nelle ultime 24 ore

 
Sicurezza stradale
Foggia, tre incidenti stradali nel pomeriggio

Foggia, tre incidenti stradali nel pomeriggio

 
Il caso
Bari, detenzione di arsenale da guerra: nuovo arresto per ex gip De Benedictis

Bari, detenzione di arsenale da guerra: nuovo arresto per ex gip De Benedictis. Sparò col mitra dal balcone di casa

 

Il Biancorosso

Verso il derby
Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaCiclismo
Amore per il Giro d'Italia, Foggia è pronta e si tinge di rosa

Amore per il Giro d'Italia, Foggia è pronta e si tinge di rosa

 
BariNel Barese
Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 
TarantoSicurezza sul lavoro
Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

 
BrindisiCarabinieri
Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

 

i più letti

il caso

Xylella, Ue insiste: Italia
non attua misure anti-batterio

xylella

BRUXELLES - La Commissione Ue insiste: l'Italia non sta attuando le misure anti-Xylella. È il motivo dell’aggravarsi della procedura d’infrazione Ue, per cui oggi è stata inviato a Roma un parere motivato in quanto «le autorità stanno fallendo nel fermare il progredire del dannoso» batterio killer degli ulivi.

Le misure includevano l’eradicazione delle piante infette subito dopo la prima conferma della presenza della Xylella, ma dopo la comunicazione dei nuovi focolai «la tempistica comunicata dall’Italia è stata inefficace per assicurare l’immediata rimozione degli alberi infetti come richiesto dalla legislazione Ue». Ora l’Italia ha due mesi di tempo per adeguarsi o rischia il deferimento alla Corte Ue.

«Il parere motivato annunciato oggi nel Comitato Permanente dei Servizi fitosanitari europei con il quale la Commissione comunica il suo intento di andare avanti con la procedura di infrazione contro l’Italia è da attribuirsi al fatto di non essere intervenuti tempestivamente, così come esplicitamente richiesto dalla legislazione UE, per abbattere le piante infette. Le procedure di abbattimento hanno però trovato ostacoli sia per motivi tecnici e sia motivi giuridici; due aspetti che è opportuno scindere». Lo affermano in una nota l'assessore regionale all’Agricoltura, Leo Di Gioia e il direttore di dipartimento, Gianluca Nardone. "In particolare, gli aspetti giuridici sono i principali responsabili delle lungaggini. La normativa italiana (ma anche quella europea) - aggiunge Di Gioia - non è adeguata a fronteggiare una emergenza quale quella che siamo vivendo in Puglia. Ne consegue che dal momento in cui si identifica un albero infetto a quando effettivamente può essere notificata un ordinanza al proprietario, spesso, si perdono settimane se non mesi. D’altra parte, contraddizioni nelle norme, ad esempio la necessità di un contraddittorio contro l’unicità dell’ispezione fitosanitaria, fanno sì che il contenzioso sia sempre dietro l’angolo. Non a caso, su 886 piante trovate infette nel monitoraggio 2016-17, l’abbattimento di ben 104 piante è bloccato da ricorsi al TAR».

Gli unici aspetti che possono essere imputati alla Regione Puglia - aggiunge - «sono quelli tecnici e riguardano l'intervento coatto da parte delle autorità allo scadere dei 20 giorni dalla notifica delle prescrizioni inviate ai proprietari del terreno. In realtà, il Dipartimento Agricoltura ha ritenuto di agire convincendo i proprietari ad intervenire in maniera autonoma così da consentire agli stessi la possibilità di essere ripagati del danno subito. L’intervento coatto avrebbe invece aggiunto una beffa al danno perché ai proprietari sarebbe stato presentato il conto dell’abbattimento insieme ad una multa e alla impossibilità di accedere a tutti i finanziamenti regionali. Ad oggi, con questa strategia sono stati abbattuti 458 alberi sugli 886 rinvenuti infetti e ulteriori 170 piante saranno abbattute questa settimana. Ne restano quindi solo 240 (di cui 104, come detto, oggetto di ricorso) e risulta pertanto completato il 63% di quanto richiesto dalla normativa UE. Nei due mesi che l’Italia avrà per adeguarsi, sicuramente gli aspetti tecnici saranno risolti».

La prossima settimana ARIF ricomincerà il monitoraggio e nel contempo è stata delegata ad intervenire in maniera coatta sugli alberi non ancora abbattuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie