Mercoledì 20 Marzo 2019 | 12:04

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Materano
Policoro, istituto falsificava diplomi di maturità: 21 persone indagate

Istituto falsificava diplomi di maturità nel Metapontino: 21 persone indagate

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
Nella No Fly Zone
Caccia «pugliesi» intercettano i russi: da Gioia del Colle in Islanda

Caccia da Gioia del Colle in Islanda per intercettare i russi

 
La storia
Lecce, un chirurgo da Manchester per unire esofago e intestino di un bambino

Lecce, un chirurgo da Manchester per unire esofago e intestino di un bambino

 
Di Corrado Veneziani
Bari, per la giornate Fai apre la Banca d'Italia con mostra 500 anni di Leonardo

Bari, per le giornate Fai apre la Banca d'Italia con mostra 500 anni di Leonardo

 
Nel Materano
Tricarico, rubano 11mila euro di sigarette e Gratta e Vinci: fuggiti, refurtiva recuperata

Tricarico, rubano 11mila euro di sigarette e Gratta e Vinci: fuggiti, refurtiva recuperata

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
La polemica social
Festa del papà, «Preferisco la mamma»: è bufera sullo slogan (poi rimosso) della Feltrinelli

Festa del papà, «Preferisco la mamma»: bufera sullo slogan (poi rimosso) della Feltrinelli

 
Parla l'ex commissario
Crac Fse, parla ex commissario: «Conti società come puzzle impazzito»

Crac Fse da 230 mln, «Conti società come tessere di un puzzle impazzito»

 
Il caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraNel Materano
Policoro, istituto falsificava diplomi di maturità: 21 persone indagate

Istituto falsificava diplomi di maturità nel Metapontino: 21 persone indagate

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
LecceI dati
Unisalento, rettore: «Immatricolazioni cresciute del 7,5%»

Unisalento, rettore: «Immatricolazioni cresciute del 7,5%»

 
FoggiaDopo il restyling
Foggia, riapre il museo di storia naturale

Foggia, riapre il museo di storia naturale

 
BariLa «Rendella»
Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

 
BatCasa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 

l'anniversario

La Gazzetta, 130 anni
sempre con il Sud in testa

di Paolo Gentiloni, presidente del Consiglio dei ministri

Centotrent’anni di storia: un traguardo di prestigio e un anniversario che La Gazzetta del Mezzogiorno celebra con la consapevolezza e l’orgoglio di aver raccontato più di un secolo di profonde trasformazioni nella società, nell’economia e nella cultura del Sud dell’Italia.

In un momento nel quale il mondo dell’informazione attraversa una fase di grande evoluzione, resta centrale, per un giornale come la Gazzetta, la sfida di raccontare un territorio ricco di contraddizioni, di restituirne la complessità e la ricchezza di sfumature. Questo anniversario è anche un’occasione per riflettere sulle sfide che il Mezzogiorno affronta oggi.

La sensazione è quella di essere vicini a un momento di svolta: stiamo finalmente superando una concezione stereotipata che in passato ha portato a identificare il Sud solo con i suoi problemi. Il Mezzogiorno, oggi, è percepito sempre più come un luogo ricco di opportunità da cogliere. Questo dinamismo va incoraggiato e sostenuto. Siamo ora finalmente usciti da una fase di «solitudine» del Sud, un periodo nel quale la convinzione che il Mezzogiorno dovesse «cavarsela da solo» ha contribuito ad allargare diversi divari durante gli anni della crisi economica.

Negli ultimi anni, senza alcuna nostalgia per le distorsioni dell’era dell’intervento straordinario, abbiamo lanciato una politica meridionalista di tipo nuovo. Una strategia fondata su una forte collaborazione tra lo Stato e le amministrazioni locali e sulla voglia di scommettere sul ruolo attivo delle migliori energie del Sud.
È la convinzione che sostiene i «Patti per il Sud», per i quali buona parte delle risorse è già in movimento. È ciò che ci ha spinti a rafforzare ulteriormente le politiche di incentivo, fino al punto che investire nel Mezzogiorno non è mai stato conveniente come ora. Ed è l’obiettivo del nuovo pacchetto di provvedimenti per il Mezzogiorno contenuti nel Decreto in fase di conversione in Parlamento.

Continueremo su questa strada, con la consapevolezza che il salto decisivo per lo sviluppo del Sud potrà arrivare grazie a interventi mirati in grado di esaltarne le potenzialità, con una collaborazione tra diversi livelli di governance.
In tutto questo, sarà fondamentale puntare su una delle risorse più importanti del Mezzogiorno: la sua natura di ponte geografico al centro del Mediterraneo, che pone il Sud di fronte a sfide difficili, come quella dei flussi migratori, ma che è anche fonte di molte opportunità.
La Gazzetta del Mezzogiorno è stata testimone di questa stagione di cambiamenti. Ora, a voi il compito, difficile ma affascinante, di continuare a raccontare il Sud in tutta la sua complessità, in una fase che può essere decisiva per il suo sviluppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400