Venerdì 19 Aprile 2019 | 06:49

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
Arte
Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

Bari, inaugurata opera di Tremlett «Wall Surface», dedicata a gallerista Marilena Bonomo

 
Le dichiarazioni
Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

Ex Ilva, sindaco Taranto: «Esterrefatto da clima di semplificazione, come se problemi fossero risolti»

 
Il progetto
Aqp, sì al risanamento di 94 reti idriche comunali

Aqp, sì al risanamento di 94 reti idriche comunali

 
Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
Lega pro
Troina - Bari: la diretta della partita

Il Bari batte il Troina e vola in Serie C, i tifosi acclamano i galletti in aeroporto FOTO/VIDEO Rivedi la diretta

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Nel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
La protesta
Sindacati: «Ipermercati chiusi durante le feste o scioperiamo»

Sindacati: «Ipermercati chiusi durante le feste o scioperiamo»

 
Pugni e schiaffi
Detenuto georgiano manda in ospedale 4 agenti in carceri Foggia e Bari

Detenuto georgiano manda in ospedale 4 agenti in carceri Foggia e Bari

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Parla l'economista

Rossi: «Una flat tax al 25%
per salvare il Paese dal fisco»

Aliquota unica, abolizione di Irap e Imu, introduzione del minimo vitale

Rossi: «Una flat tax al 25%per salvare il Paese dal fisco»

GIANFRANCO SUMMO

BARI - Talvolta ritorna: la proposta della flat tax, questa volta, arriva dall’Istituto «Bruno Leoni», centro studi del liberalismo economico e pensatoio autorevole e moderato: una tassa unica al 25% temperata da interventi a sostegno delle famiglie; un reddito minimo di povertà; l’abolizione di Irap e Imu; l’incremento delle imposte indirette; una diversa fruizione dei servizi pubblici. La proposta l’ha commentata, anche sul Sole24Ore, il prof. Nicola Rossi, pugliese, tra le altre cose consigliere di amministrazione dell’Istituto (dopo esserne stato presidente).

Prof. Rossi, cambiare radicalmente il sistema fiscale di un Paese come l’Italia non le sembra un azzardo?
«Il vero azzardo è continuare a mantenere l’attuale sistema, un mostro con aliquote da matti e che non aiuta chi ha bisogno, creato dai tentativi dei vari governi di mettere una pezza all’attuale sistema Irpef. La nostra è una alternativa basata su taglio della spesa pubblica, riduzione della pressione fiscale e sostegno a chi proprio non ce la fa».

Uno dei punti di partenza della vostra flat tax è considerare i redditi delle famiglie.
«Ci piaccia o no, l’Italia si regge in grande misura su base familiare, accettiamolo e mettiamo fine all’ipocrisia. Figli adulti che restano in casa dei genitori, pensioni degli anziani che fanno da integrazione al reddito dei giovani, welfare familiare. Allora valorizziamo questa realtà e soteniamola».

Non ritiene ingiusto spostare il peso fiscale sulle imposte indirette?
«Bisogna valutare questa misura insieme alle altre, non facciamo l’errore di giudicare le proposte in astratto e autonomamente. Per il cittadino quello che conta è quanto gli rimane in tasca dopo aver pagato le tasse, non come vengono prelevate le tasse. Se le imposte sul reddito vengono drasticamente ridotte, i consumi saranno naturalmente incentivati e il riequlibrio con le imposte indirette innesca anche un sistema virtuoso sulla produzione».

E i servizi principali? Sanità e istruzione come si sostengono?
«Chiediamo che i più abbienti versino al sistema sanitario nazionale un contributo pari all’equivalente di una assicurazione privata. E gli abbienti che non vogliono versare la quota sanitaria nazionale, devono essere obbligati ad avere una polizza privata. Università: chi se lo può permettere, che paghi per intero. I meritevoli senza mezzi economici devono essere garantiti con borse di studio. Insomma, se sei ricco ti taglio le tasse ma ti faccio pagare i servizi».

Funzionerebbe in Italia?
«Funziona in Olanda e in altri Paesi d’Europa e del mondo. Funzionerebbe anche da noi».

Chi sono i ricchi, gli abbienti?
«Partiamo dal reddito di sopravvivenza. Poi decidiamo che un abbiente è chi percepisce cinque o sette o dieci volte quel reddito di sopravvivenza. Una volta stabilito di comune accordo questo limite, si procede».

E come la mettiamo con l’evasione fiscale? Sempre meglio pagare zero, anche se le tasse sono basse, non crede?
«Il modello elaborato dall’Ibl non si regge su ipotetici introiti di ipotetici recuperi dell’evasione, come per esempio nella proposta della Lega. Tuttavia anche a saldi invariati, la domanda la faccio io: una flat tax corretta, libererebbe il Fisco da complicazioni e dunque i controlli sarebbero potenzialmente più severi; a quel punto resterebbe conveniente continuare a evadere con una probabilità molto più elevata di essere scoperti e sanzionati, oppure sarebbe meglio pagare meno e stare tranquilli?».

Chi realizzarebbe una riforma epocale come potrebbe essere questa?
«Chiunque abbia a cuore veramente le sorti del Paese. Certo, non si può fare in una notte. Ma in realtà fonde temi cari al centrodestra come la flat tax pura e la lotta alla povertà, classico argomento del centrosinistra. Indubbiamente esiste un ostacolo ideologico verso la flat tax a sinistra, dove resiste il dogma dell’imposta progressiva sul reddito. Ma bisogna capire che la progressività non si realizza solo per scaglioni di reddito, si può fare in molti modi. E non dimentichiamo che la proposta contiene anche l’abolizione di Irap e Imu».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400