Martedì 19 Marzo 2019 | 17:43

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
Si chiama Alessandro Prudenzano
CyberChallenge.it, nella top 10 dei geni informatici anche un 18enne salentino

CyberChallenge.it, nella top 10 dei geni informatici anche un 18enne salentino

 
Serie B
Lecce, ecco tre partite per l’assalto alla «zona A»

Lecce, ecco tre partite per l’assalto alla «zona A»

 
La polemica
Ex Ilva, associazioni contro il vertice in Procura: «È un errore parlare con chi inquina»

Ex Ilva, associazioni contro vertice in Procura: «È errore parlare con chi inquina»

 
L'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
Il caso
Irregolarità nella gestione, commissariati i Rangers d'Italia Puglia

Irregolarità nella gestione, commissariati i Rangers d'Italia Puglia

 
Dopo il sequeestro
Usura, confiscati beni per 2,2 mln a pregiudicato di Lizzano

Usura, confiscati beni per 2,2 mln a pregiudicato di Lizzano

 
Operazione dei Cc
Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
BariL'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

la diga in basilicata

Pertusillo, si riaffaccia il sospetto
della presenza di petrolio nell'acqua

Pertusillo, si riaffaccia il sospetto della presenza di petrolio nell'acqua

di Pino Perciante

GRUMETO NOVA - La diga del Pertusillo torna all’attenzione, dopo le recenti rassicurazioni sulla qualità dell’acqua e sul fenomeno cromatico (colorazione rossastra) a causa delle presenza eccessiva di alghe. L’invaso, lo ricordiamo, fornisce acqua potabile a diversi Comuni lucani e pugliesi ed è uno dei tasselli più importanti del mosaico idrico di Basilicata.

Proprio sulla scia delle polemiche legate al presunto inquinamento dell’invaso, si susseguono rilievi ed esami, con l’obiettivo di tenere sotto costante controllo la diga che è a un tiro di schioppo dal centro olio di Viggiano (Potenza), il cuore pulsante del petrolio lucano. Una vicinanza che alimenta il sospetto di possibili tracce di petrolio al suo interno. La presenza di idrocarburi fino a due mesi fa era stata totalmente esclusa dai vari monitoraggi dell’Arpab (Agenzia regionale per la protezione ambientale). Ma proprio l’Arpab, ribadendo di non aver scovato petrolio nelle acque, ammette che ci sono tracce nei sedimenti in vari punti campionati, anche se precisa che si tratta di valori in ribasso rispetto alle precedenti campagne di analisi. E che non c’è un limite indicato nella normativa. Tracce di petrolio sono state trovate anche da un laboratorio privato di Reggio Calabria, incaricato di monitorare il Pertusillo per conto dell’associazione «Liberiamo la Basilicata».

Non solo nei sedimenti ma anche nell’acqua. Proprio ieri sono arrivati i risultati degli ennesimi rilievi: la quantità di idrocarburi totali registrata dal laboratorio è di 0,900 milligrammi litro rispetto ad un limite di 0,05. Tuttavia non sono solo gli idrocarburi a minacciare le acque del lago, ma anche pesticidi, metalli pesanti (con particolare riferimento a boro, alluminio, ferro, vanadio e zinco) antiparassitari, fitofarmaci, composti organoalogenati (solventi clorurati) e chi più ne ha più ne metta. Nel Pertusillo, insomma, galleggia quel cocktail d’inquinanti che ormai, a forza di ricerche che danno gli stessi risultati, stiamo finendo per trovare «abituale».

E anche se la maggior parte degli inquinanti non superano i limiti fissati dalla legge «la loro sommatoria – spiega Giuseppe Di Bello, ex tenente della Polizia provinciale di Potenza, impegnato da anni sul fronte ambientalista - fa bioaccumulo, come si dice in gergo tecnico, contribuendo a danneggiare la qualità delle acque. Tanto è vero che il laboratorio le inserisce nell’ultima categoria, la terza, vale a dire l’acqua per essere bevibile ha bisogno di trattamenti particolari». Il campione dove il valore di idrocarburi totali ha superato la soglia è stato prelevato il 22 maggio in località Madonna Grumentina. Ma l’emergenza inquinamento riguarda anche il fiume Agri dove la quantità di idrocarburi totali registrata dal laboratorio è di 1, 310 milligrammi litro. E nelle acque di falda si sono riscontrati diversi superamenti dei limiti vigenti relativi a solfati, cloruri, metalli pesanti (con particolare riferimento al boro) e pesticidi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400