Giovedì 21 Marzo 2019 | 10:26

NEWS DALLA SEZIONE

È intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
Nel Leccese
Presicce, bimbo dimenticato sullo scuolabus, salvato dopo 5 ore

Presicce, bimbo dimenticato sullo scuolabus, salvato dopo 5 ore

 
Preso nel Bresciano
Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

 
Il caso
Puglia, le liste d'attesa infiammanoil Consiglio. Passa la «linea» stataleMedici verso sciopero intramoenia

Puglia, le liste d'attesa infiammano
il Consiglio. Passa la «linea» statale
Medici verso sciopero intramoenia

 
Il fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
Cassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
Le dichiarazioni
Gentiloni a Matera per sostenere Trerotola: «Pd ha ritrovato l'unità»

Gentiloni a Matera per sostenere Trerotola: «Pd ha ritrovato l'unità»

 
Gratuito patrocinio
Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

 
Nel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
A taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
Il 25 marzo
Xylella, ministro Lezzi convoca incontro con sindaci del Salento

Xylella, ministro Lezzi convoca incontro con sindaci del Salento

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 
BatÈ intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
BariL'inchiesta
Mercato nero della legna: un business malavitoso

Mercato nero della legna: un business malavitoso

 
LecceA lecce
Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

 
MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Giustizia a potenza

Sentenza in un anno
4 e mezzo per la notifica

Quando la «macchina» non funziona. Un processo per violenza sessuale sul filo della prescrizione per quell'atto in ritardo

giustizia a Potenza

di GIOVANNI RIVELLI

POTENZA - Meno di un anno per presentazione del ricorso, celebrazione del processo di appello e emissione della sentenza, quattro anni e mezzo per la notifica del provvedimento. È il paradosso di una Giustizia lumaca e inefficiente quello che investe un brutto caso di violenza sessuale su una ragazza minorenne che si sarebbe verificato nel Materano a inizio del 2005 e che, nonostante indagini e processo in tempi accettabili, rischia ora di finire in prescrizione.

È una storia molto brutta quella che secondo i giudici dei due primi gradi di giudizio si sarebbe verificata oramai 12 anni e mezzo fa: una ragazza chiusa in una macchina, minacciata, portata in una zona isolata, spogliata con al forza e costretta a subire ripetuti rapporti sessuali da un ragazzo otto anni più grande di lei. Fatti che, a fine 2011, sono stati sanzionati dal collegio penale di Matera con una condanna a cinque anni e mezzo di reclusione. Una pena che porterebbe l’imputato in carcere, non essendo applicabile la sospensione condizionale della pena, e contro cui lo stesso ha ricorso in Appello. E qui la Giustizia ha mostrato il suo volto efficiente. Perché tra deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado (nel termine di 45 giorni), termine di proposizione del ricorso, (altri 45) fissazione dell’udienza di Appello, svolgimento del processo e lettura del dispositivo di sentenza tutto si è compiuto in 357 giorni. Siamo a meno di sette anni dai fatti oggetto del processo che, in base alla norma in vigore in quel momento, si prescrivevano dopo 12 anni e mezzo (termine aumentato solo a fine 2005). Anche la (probabile in questi casi) eventualità di un ricorso in Cassazione sembrava non lasciare aperta la possibilità che il processo potesse cadere in prescrizione. Ma per il ricorso in Cassazione (anche qui un diritto dell’imputato) ci sono i soliti passaggi, vale a dire i termini di deposito e notifica della sentenza integrale, quindi con le motivazioni incluse (in udienza è letto il solo dispositivo) e quelli di proposizione del ricorso. Ma qui tutta l’efficienza mostrata nel procedimento di infrange sulla notifica.

Il provvedimento datato fine 2012 risulta depositato in cancelleria il 13 marzo scorso e notificato appena qualche giorno fa, quando (ulteriore paradosso) il presidente della corte che lo ha pronunciato e redatto è oramai in pensione. Da questa ultima data decorrono i termini (45 giorni) per il difensore per proporre l’eventuale ricorso in Cassazione dove dovrà essere fissata la relativa udienza. Non considerando eventuali termini di sospensione, per il deposito del ricorso siamo a pochi giorni dai 12 anni e mezzo, per la celebrazione dell’udienza oltre, con ogni probabilità anche considerando eventuali termini di sospensione. Se il ricorso non dovesse essere rigettato come inammissibile (sia pure per aspetti marginali), quindi, potrebbe esserci la prescrizione. La prescrizione incombe. La macchina della Giustizia ha un altro caso su cui interrogarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400