Sabato 16 Febbraio 2019 | 04:43

NEWS DALLA SEZIONE

L'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
Sfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
In via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
Nel Materano
Frana a Pomarico, Governo dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana a Pomarico, governo dà l'ok allo stato d'emergenza

 
A poggioreale (Na)
Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

 
Sanità
Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

 
Parla Gabrielli
Prefettura Bari, Gabrielli: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

Prefetto Bari: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

 
Nel Barese
Bancarotta fraudolenta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

Bancarotta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

 
L'appuntamento
Locri - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Bari, su Biancorosso le nuove maglie e il futuro di Cornacchini. Locri-Bari, il prepartita Video

 
Sanità
Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop ai pensionati negli ambulatori»

Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop pensionati in ambulatori»

 
Scandalo sanità
Diabete, scandalo Freestyle: la striscia per misurare glicemia, in Puglia costa più che nel resto d'Italia

Diabete: in Puglia la striscia per misurare glicemia costerà più che nel resto d'Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

«Problemi tecnici»

Reddito inserimento, slitta
avvio per 4mila in Basilicata

Reddito inserimento, slittaavvio per 4mila in Basilicata

PIERO MIOLLA

Slitta ancora la partenza del programma del reddito minimo d’inserimento, inizialmente fissata per il 1° maggio. Problemi di ordine tecnico, infatti, hanno determinato un rinvio che, hanno assicurato dalla Regione Basilicata, non dovrebbe però posticipare l’avvio del programma oltre il mese di maggio. Per i circa 4mila aventi diritto (sui complessivi 10.497 soggetti ammessi al programma) per i quali c’è già la copertura finanziaria, dunque, non è ancora giunto il momento di cominciare a percepire i 450 euro mensili assicurati dai vari progetti presentati. Va ricordato che la platea degli ammessi è composta da 820 persone rientranti nella Categoria A e 11.189 nella B. Le domande pervenute, invece, nel complesso sono state 12.009: dopo i controlli effettuati sono stati esclusi 1.512 richiedenti (83 nella Categoria A e 1.429 nella B).

Il reddito minimo, misura voluta da via Anzio per provare a combattere la povertà, sarà gestito dall’Agenzia Regionale per il lavoro e le transizioni nella vita attiva Lab (Lavoro e Apprendimento in Basilicata), giusta delibera 201-2016 della Giunta regionale, che ha anche stabilito di rinviare a successivo provvedimento la più puntuale definizione delle attività che l’Agenzia Lab sarà chiamata a svolgere per l’attuazione del programma e la contestuale quantificazione della remunerazione spettante.
A proposito di soldi: al momento la somma occorrente per il finanziamento delle domande ammesse a contributo, per entrambe le categorie, è di 6 milioni 80.600 euro, di cui 5 milioni per la Categoria B e 1 milione e 80.600 euro per la Categoria A, ma solo per tre mesi dall’inizio delle attività. Il provvedimento di disimpegno dell’ulteriore somma di 6 milioni e 195.950 euro, verrà invece, adottato in seguito. Più in generale, il reddito minimo di inserimento è stato inserito tra le misure di intervento da finanziare, a valere sul protocollo di intesa sottoscritto tra il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, il ministro dell’Economia e delle Finanze, Piercarlo Padoan, e quello dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, il 21 dicembre scorso, per un importo complessivo di 30 milioni di euro.

Come è noto, il reddito minimo d’inserimento è un programma che ha l’obiettivo di contrastare il disagio e l’esclusione sociale e, contemporaneamente, offrire un aiuto alle fasce più deboli e ai disoccupati. La Regione lo ha varato per prevedere l’erogazione di un assegno di circa 450 euro mensili a quei soggetti provenienti da precedenti ammortizzatori sociali scaduti, come la mobilità in deroga (categoria A), e a chi ha un Isee, l’indicatore della situazione economica equivalente, inferiore a 9mila euro e con uno stato di disoccupazione o inoccupazione di 24 o di 12 mesi, se ha più di 50 anni, se non ha un diploma di scuola superiore e se la sua famiglia è monoreddito (categoria B). Il reddito minimo non è, però, solo un sussidio che prevede l’erogazione in denaro per i soggetti bisognosi e aventi i requisiti necessari: con esso, infatti, si prevede anche la possibilità di utilizzare i beneficiari per destinarli ad attività come la raccolta differenziata, la manutenzione del verde pubblico e delle strade, la tutela del patrimonio regionale e qualsiasi altra attività di interesse pubblico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400