Sabato 20 Aprile 2019 | 18:11

NEWS DALLA SEZIONE

La vicenda
Diffamò Vendola: Vittorio Sgarbi condannato da Cassazione

Diffamò Vendola: Vittorio Sgarbi condannato da Cassazione

 
In città
Bari: grosso nido d'api in via Salvemini, zona messa in sicurezza

Bari: grosso nido d'api in via Salvemini, zona messa in sicurezza

 
Il caso
Bari, chiude la gioielleria Trizio Caiati in via Sparano: addio a un altro negozio storico

Bari, chiude la gioielleria Trizio Caiati in via Sparano: addio a un altro negozio storico

 
Serie B
Lecce, stai in guardia: il Perugia ha mille risorse

Lecce, stai in guardia: il Perugia ha mille risorse

 
Nel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
Lo scontro
Incidente stradale sulla Terlizzi - Molfetta: muore una ragazza

Incidente sulla Terlizzi-Molfetta, auto si ribalta: muore una ragazza

 
Le festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
La storia a lieto fine
Dall'Argentina al trullo di Locorotondo: anziano migrante ritrova le sue radici

Dall'Argentina al trullo di Locorotondo: anziano migrante ritrova le sue radici

 
Il caso
Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

 
Il caso
Metaponto, occupazione abusiva: sequestrato un camping

Metaponto, occupazione abusiva: sequestrato area adiacente a camping

 
Il caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIn città
Bari: grosso nido d'api in via Salvemini, zona messa in sicurezza

Bari: grosso nido d'api in via Salvemini, zona messa in sicurezza

 
LecceNel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
BrindisiIl caso
Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
GdM.TVOperazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
TarantoL’edificio è in piazza Ebalia
Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

Ex sede Banca d’Italia a Taranto: c’è chi vuole comprarla

 

Sessantadue persone truffate

Vendeva merce inesistente
utilizzando false identità
arrestato 29enne di Ostuni

Vendeva merce inesistente utilizzando false identità arrestato  29enne di Ostuni

SAN VITO DEI NORMANNI (BRINDISI) - Ben 62 truffe online in tutt'Italia, con 17 carte postepay intestate a persone estranee ai fatti, vittime a loro volta di un presunto furto d’identità: è il giro scoperto dai carabinieri di San Vito dei Normanni che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Cosimo Salvatore Maiorano, un 29enne di Ostuni (Brindisi).

Secondo quanto appurato, l’uomo avrebbe posto in vendita a prezzi allettanti, su siti internet specializzati nell’e-commerce, smartphone e prodotti tecnologici. Gli acquirenti, una volta versata la somma prevista su carta postepay, non avrebbero però mai ricevuto nulla. Dalle indagini, coordinate dal pm Francesco Carluccio, è emerso che il 30enne, dopo essersi registrato sotto falso nome sul sito di Poste italiane, aveva attivato online 17 carte postepay intestate a un uomo e una donna del tutto ignari di quanto accadesse. A tradire il reale utilizzatore delle carte sarebbe stato il numero di telefono fornito al postino per la ricezione delle spedizioni.

Le truffe risultano essere state compiute dal luglio 2015 al settembre 2016 ai danni di persone residenti in Sardegna, Sicilia, Calabria, Puglia, Abruzzo, Marche, Lazio, Emilia Romagna, Liguria, Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, per un importo complessivo di 14.644 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400