Martedì 21 Maggio 2019 | 23:38

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
La visita del vicepremier
Salvini contestato da Lecce a Bari: «Dacci indietro i 49 mln» «Noi lavoriamo voi fischiate»

Salvini in Puglia: contestazioni e applausi
Gioia, anziana gli dona un crocifisso
Lecce:«Fascista»VD Bari, Zorro in corteo

 
Il naufragio
Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 100 nuove parti civili

Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 61 nuove parti civili

 
I tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
Nel tarantino
Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

Martina Franca: torna nella casa vacanze e trova un occupante e lavori in corso

 
Sulla Aida Blu
Turista tedesco cade su nave da crociera: Guardia Costiera Bari lo soccorre

Turista tedesco cade su nave da crociera: Guardia Costiera Bari lo soccorre

 
La sentenza
di cosola

Bari, 27 condanne definitive per il clan Di Cosola: 21 anni al fratello del boss

 
Sanità
Politecnico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

Policlinico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

 
L'operazione
Tratteneva soldi destinati al Comune di Sava: Gdf sequestra 950mila euro di beni a società

Tratteneva soldi destinati al Comune di Sava: Gdf sequestra 950mila euro di beni a società

 
L'ecomostro
Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIngenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

l'emergenza e le polemiche

Il dottore di Maglie
che nega i vaccini

Un medico di famiglia: «Sono pericolosi». La Regione non lo sanziona: «Non è grave»

Il dottore di Maglie  che nega i vaccini

di MASSIMILIANO SCAGLIARINI

BARI - A Maglie c’è un medico di base che dal 2009 si rifiuta di partecipare alle campagne vaccinali perché ritiene i vaccini pericolosi: lo ha messo per iscritto, invitando i suoi colleghi a partecipare «a un processo di rinnovamento della medicina». E la Regione, cui il caso è stato sottoposto dalla Asl di Lecce proprio in virtù della mancata partecipazione alla campagna 2015-2016, ritiene che si tratti di una infrazione «di lieve entità» ed ha pilatescamente deciso di non adottare alcun provvedimento. E così questo medico continua a prospettare ai suoi pazienti le sue teorie, ed a non somministrare i vaccini antinfluenzali: quest’anno, dopo una dura diffida della Asl, ne ha ritirati 50 e ne ha effettuati appena 20.

Il dottore si chiama Giorgio Giovanni Cezza, e si proclama un seguace di una teoria che si chiama psico-neuro-endocrino-immunologia (Pnei), basata sugli studi degli americani Ader e Felten: sulla validità di questa teoria, si legga l’intervista qui accanto. Ebbene, il dottor Cezza (che la «Gazzetta» ieri ha cercato in studio, invano) ha messo nero su bianco alla Regione - in una lettera del 30 novembre 2015 - i motivi per i quali si oppone ai vaccini: «La mia scienza e la mia coscienza - ha scritto - mi impediscono di eseguire ai pazienti una procedura potenzialmente pericolosa per la loro salute e la loro vita. Se lo facessi verrei meno ad un preciso e grave obbligo morale di medico, anzi non sarei affatto medico. Questi assistiti si ammalano di più con maggior ricorso alla ospedalizzazione». Secondo Cezza, «il fenomeno biologico della immuno-mediazione costituisce la causa vera delle malattie croniche di qualsiasi tipo»: «Tra i numerosi eventi che rendono disfunzionale il sistema Pnei, e in particolare il sistema immunitario, le vaccinazioni di ogni tipo rappresentano l’evento più importante perché esse stimolano direttamente la reazione linfocitaria con produzione di grandi quantità di anticorpi in assenza di agente patogeno specifico, innescando fortemente il processo della immuno-mediazione con conseguente generazione di malattie croniche o peggioramento di quelle già in atto». Insomma, i vaccini farebbero male: «Io non ho mai messo in dubbio l’efficacia delle vaccinazioni - è il caveat finale -, anzi è proprio la loro indiscussa efficacia nello stimolare la risposta immunitaria a determinare la immuno-mediazione con tutte le conseguenze utili e dannose».

Il dottor Cezza non è uno strutturato, ma un convenzionato. Il caso è dunque stato discusso davanti al Collegio arbitrale regionale che si occupa delle violazioni al contratto dei medici di famiglia in cui è previsto l’obbligo di partecipare alle campagne vaccinali. Cezza - secondo la Asl - si sarebbe invece rifiutato, inviando i suoi pazienti che volevano vaccinarsi presso un altro collega e partecipando «iniziative che sono in netto contrasto con le finalità aziendali (della Asl, ndr) in materia di vaccinazioni anti-influenzali».

E cosa ha deciso la Regione? Ha deciso di lasciar perdere. Pur riconoscendo «l’effettività» delle violazioni al contratto, le ha definite «di natura occasionale e comunque di lieve entità per non aver sostanzialmente causato danno specifico all’utenza»: raccontare che i vaccini fanno male, secondo la Regione, non è dunque «un danno specifico». La vicenda si è dunque chiusa con una dichiarazione di «incompetenza a decidere» della Regione: ad irrogare la sanzione deve essere la Asl, che però può arrivare al massimo a una diffida.

E così è stato. Cezza - secondo la lettera firmata dal direttore sanitario della Asl, Antonio Sanguedolce - «orienta indirettamente verso trattamenti alternativi la cui efficacia non è stata provata», «rifiuta la prestazione» e «costringe [i pazienti] a rivolgersi altrove». La diffida ha avuto un minimo riscontro: venti vaccinazioni. La Asl sta dunque valutando se sottoporre il caso nuovamente al Collegio arbitrale o direttamente all’Ordine dei medici di Lecce, che pur a conoscenza degli atti finora non è mai intervenuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400