Sabato 16 Febbraio 2019 | 19:04

NEWS DALLA SEZIONE

La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 
L'annuncio
Tolo Tolo, il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

«Tolo Tolo», il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

 
Il caso
Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

 
Controlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 
Denunciato
Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
TarantoLa manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

L'uomo ferito davanti a moglie e figlia

Agguato a Ceglie Messapica
arrestati 2 fratelli fruttivendoli

Agguato a Ceglie Messapicaarrestati 2 fratelli fruttivendoli

Sono stati arrestati dai carabinieri i due presunti autori del ferimento avvenuto ieri a ceglie Messapica del 27enne Cosimo bruni, raggiunto da quattro pistolettate mentre era in compagnia di moglie e figlia. In manette sono finiti i fratelli Lortenzo e Adriano Bellanova, di 39 e 24 anni, entrambi fruttivendoli, accusati di detenzione e porto illegale d'arma nonchè lesioni aggravate.

Secondo una prima ricostruzione dei miliatari, i due, alle 12.30 di ieri, mentre percorrevano la centralissima piazza Vecchia di Ceglie Messapica, a bordo di un'autovettura Volkswagen Polo, hanno incrociato e bloccato l'autovettura Mercedes Classe A condotta da Bruni, il quale è stato costretto a scendere dal veicolo e, dopo essere stato strattonato da Lorenzo Bellanova, è stato fatto bersaglio di 4 colpi di pistola cal. 7,65 venendo attinto alla gamba sinistra da soli 2 proiettili.

Il killer e il complice (il fratello) si sono allontanati ma sono stati rintracciati e bloccati dai Carabinieri. Il primo a finire in manette è stato Lorenzo Bellanova, poco dopo è toccato anche al fratello Adriano. La vittima, soccorsa e trasportata presso l’ospedale Perrino di Brindisi, ha riportato varie lesioni giudicate guaribili con una prognosi di 40 giorni.

Sul posto sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro 4 bossoli calibro 7,65, e una ogiva. Tuttora in corso le indagini finalizzate ad accertare il movente dell'agguato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400