Domenica 21 Aprile 2019 | 23:01

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
Maltempo
Puglia, allerta Protezione civile: rischio burrasca fino a mercoledì

Puglia, allerta Protezione civile: rischio burrasca fino a martedì

 
Il caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
L'inchiesta
Emiliano, la Procura indaga su chi finanziò le primarie Pd

Emiliano, la Procura indaga su chi finanziò le primarie Pd

 
Corte dei Conti
Sede Regione Puglia, nuova indagine: dopo le plafoniere, le guarnizioni

Sede Regione Puglia, nuova indagine: dopo le plafoniere, le guarnizioni

 
Sanità
Diabete, via l'ago ecco i sensori: saranno gratis, ma non per tutti

Diabete, via l'ago ecco i sensori: saranno gratis, ma non per tutti

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Sanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
Un 23enne
Cerignola, spacciatore ingoia dosi di coca: è in Rianimazione

Cerignola, spacciatore ingoia dosi di cocaina: finisce in Rianimazione

 
Curiosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 
Le feste e il lavoro
Pasqua, centri commerciali chiusi in Puglia. «Guerra» su Pasquetta e 25

Pasqua, centri commerciali chiusi in Puglia. «Guerra» su Pasquetta e 25

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

accusato di abuso e falso

Trani, assolto primario
passò tre mesi in carcere

ospedale Sarcone

TRANI - Il Tribunale di Trani ha assolto «perché il fatto non sussiste» tre medici baresi imputati per abuso d’ufficio e falso, con riferimento a presunte irregolarità commesse nel 2012 nel reparto di Oculistica dell’ospedale 'Sarcone' di Terlizzi (Bari).
I giudici hanno assolto da ogni accusa l’allora primario Antonio Acquaviva, attualmente primario di oculistica presso l'ospedale Di Venere di Bari, accusato di aver «gestito il reparto alla stregua di una clinica privata».

In particolare il pm di Trani Simona Merra contestava al medico (difeso dai penalisti Carmelo Piccolo e Francesco Paolo Sisto) di aver procurato benefici e vantaggi patrimoniali a se stesso, mantenendo il ruolo di primario, e ad altri due medici «grazie alla pubblicità ottenuta dagli interventi eseguiti». Anche i due coimputati, i medici specialisti Vincenzo Mangione, difeso dagli avvocati Michele De Benedictis e Mario Malcangi, e Giuseppe Fanelli, difeso da Giuseppe Giulitto e Giuseppe Modesti, sono stati assolti con formula piena.

Nell’ambito di questa indagine, ribattezzata dai finanzieri di Molfetta 'Open Eyes', Acquaviva fu sottoposto agli arresti domiciliari per 81 giorni e poi al divieto di dimora per altri quattro mesi, fino al maggio 2013.
Stando all’ipotesi accusatoria, Acquaviva aveva consentito fra marzo e luglio 2012 ai due medici (il primo in pensione e il secondo non legato da alcun contratto con la Asl) di partecipare ad interventi chirurgici di propri pazienti privati - che avrebbero ottenuto operazioni gratuite senza lunghi tempi di attesa, arrecando così un danno di oltre 130mila euro alla struttura ospedaliera. Al medico veniva anche contestato di aver falsificato le cartelle cliniche di quei pazienti. Nel processo conclusosi con tre assoluzioni, l’accusa aveva chiesto la condanna di Acquaviva a 2 anni e 2 mesi di reclusione, di Fanelli e Mangione alla pena di 1 anno e 6 mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400