Lunedì 14 Ottobre 2019 | 09:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'emergenza
Cerignola, rischio caos rifiuti: «Rescisso il contratto, serve nuovo gestore»

Cerignola, rischio caos rifiuti: «Rescisso il contratto, serve nuovo gestore»

 
Bari Ternana 2-0
Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili  Foto

 
Taranto
Arcelor Mittal, parla Jehl: se andiamo via, nessun altro. Emiliano: sono i peggiori

Arcelor Mittal, parla Jehl: se andiamo via, nessun altro. Emiliano: sono i peggiori

 
Le dichiarazioni
Sindaco Fasano: «Papà di Renzi? Mai visto né conosciuto»

Sindaco Fasano: «Papà di Renzi? Mai visto né conosciuto»

 
Il processo
Fse, c'era un accordo illecito per la manutenzione dei treni

Fse, c'era un accordo illecito per la manutenzione dei treni

 
nel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 
baby gang
Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

Foggia, ragazzini aggrediscono passanti con calci e pugni

 
in Largo Albicocca
Regionali, Emiliano non aspetta più: domenica a Bari la festa per la candidatura

Regionali, Emiliano non aspetta più: domenica a Bari la festa per la candidatura

 
Eccellenze pugliesi
Diagnosi veloce del Parkinson grazie a un algoritmo: nel team di ricerca anche un salentino

Diagnosi veloce del Parkinson grazie a un algoritmo: nel team di ricerca anche un salentino

 
Fasano, auto in fiamme: rogo danneggia sede azienda mensa scolastica

Fasano, rogo distrugge centro cottura Ladisa: prepara pasti per scuole fasanesi e di Martina

 
il caso
Acquaviva, invitato alla sagra cantante amato dai boss: Comune ritira patrocinio

Acquaviva, alla sagra cantante amato dai boss: Comune ritira patrocinio Il rapper: io sono fedele

 

Il Biancorosso

Bari Ternana 2-0
Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili  Foto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel Foggiano
Carapelle, incendio in centro raccolta rifiuti: bruciano 3 compattatori

Carapelle, incendio in centro raccolta rifiuti: bruciano 3 compattatori

 
Batnel Nordbarese
Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

Trinitapoli, lampeggiano per segnalare posto di blocco: 5 automobilisti multati

 
Potenzanel Potentino
Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

Latronico, sistema della «gabbie» per mettere un freno all'invasione dei cinghiali

 
Lecceil caso
Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

Salento, allieve molestate a scuola? Indagini sul prete prof

 
Brindisinel Brindisino
Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

Ceglie Messapica: donne e bambine donano capelli per solidarietà

 
Tarantole polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

Un blitz aveva colpito un clan dei Brindisino

Mafiosi della Scu scarcerati
Ministero invia gli ispettori

ROMA - L’ispettorato del ministero della Giustizia vuole vedere chiaro in merito alla vicenda che ha portato alla scarcerazione di una ventina di mafiosi pugliesi, ed ha avviato accertamenti preliminari.

Nei giorni scorsi infatti sono tornati in libertà, per decisione del Tribunale del Riesame di Lecce, circa venti persone arrestate il 12 dicembre corso nell’ambito dell’operazione Omega su due clan della Sacra corona unita (Scu) operativi nel brindisino. Tra le persone rimesse in libertà figurano anche indagati per associazione mafiosa.

A causa di un difetto di motivazione - passaggio su cui ora l'Ispettorato del ministero intende far luce - gli avvocati hanno potuto chiedere la scarcerazione dei loro assistiti e il Tribunale del Riesame di Lecce ha dovuto concederla.
In particolare, la decisione dei giudici del Riesame è stata presa accogliendo il ricorso dei legali degli indagati che contestavano l’assenza di una motivazione del gip nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa a carico di 58 persone, richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia ed eseguita dai carabinieri. I reati contestati a vario titolo sono, oltre all’associazione mafiosa, anche l’omicidio, armi e droga, oltre che il danneggiamento con un attentato dinamitardo della villetta di un maresciallo dei carabinieri.

Tutti gli indagati che hanno presentato ricorso al Riesame - tra cui quelli difesi dagli avvocati Ladislao Massari, Raffaele Missere, Carmelo e Silvio Molfetta - hanno ottenuto l'annullamento del provvedimento restrittivo e sono tornati in libertà. Altri ricorsi saranno discussi domani, 3 gennaio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie