Martedì 20 Agosto 2019 | 09:05

NEWS DALLA SEZIONE

Aperta l'inchiesta
Monopoli, visitato in ospedale per «mal d'orecchi»: 17enne muore mentre fa la doccia

Monopoli, visitato in ospedale per «mal d'orecchi»: 17enne muore sotto la doccia

 
Malendugno
Torre dell'Orso, si tuffa dalla falesia e finisce sugli scogli: grave 16enne

Torre dell'Orso, si tuffa e batte la testa sugli scogli: grave 16enne

 
Immunità penale
Taranto, decreto salva Ilva: tarda pubblicazione in Gazzetta ufficiale

Taranto, decreto «salva Ilva»: slitta pubblicazione in Gazzetta ufficiale

 
Il match
Raffo Cup a Taranto, blackout allo stadio e la curva si accende con i cell

Raffo Cup a Taranto, blackout allo stadio: curva illuminata con i cell

 
Serie A
Il Lecce si prepara al match con l'Inter: operato Maccariello

Il Lecce si prepara al match con l'Inter: operato Maccariello

 
Il caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
Serie c
Bari calcio, si riprende domani: obiettivo Serie B

Bari calcio, si riprende domani: obiettivo Serie B

 
La storia a lieto fine
Potenza, il treno parte e lui resta a bordo: papà "abbandona" figlia a terra

Potenza, il treno parte e lui resta a bordo: papà «lascia» figlia a terra

 
viabilità
L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

 
La denuncia
«Noi disabili in difficoltà a Torre Quetta chiediamo aiuto a Comune e Regione»

«Noi disabili in difficoltà a Torre Quetta chiediamo aiuto a Comune e Regione»

 
Nel paesino Foggiano
Roseto Valfortore, il sindaco: «Cercasi disperatamente segretario comunale»

«AAA cercasi segretario comunale a Roseto Valfortore»

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariSanità
Bari, il Pronto soccorso del Policlinico d'estate diventa un ospizio

Bari, il Pronto soccorso del Policlinico d'estate diventa un ospizio

 
TarantoLa protesta
Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

 
LecceMalendugno
Torre dell'Orso, si tuffa dalla falesia e finisce sugli scogli: grave 16enne

Torre dell'Orso, si tuffa e batte la testa sugli scogli: grave 16enne

 
MateraDopo il rogo
Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

 
PotenzaIl caso
Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

 
BatIl caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
FoggiaGiovani e la musica
La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

 
BrindisiAtti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 

i più letti

Un blitz aveva colpito un clan dei Brindisino

Mafiosi della Scu scarcerati
Ministero invia gli ispettori

ROMA - L’ispettorato del ministero della Giustizia vuole vedere chiaro in merito alla vicenda che ha portato alla scarcerazione di una ventina di mafiosi pugliesi, ed ha avviato accertamenti preliminari.

Nei giorni scorsi infatti sono tornati in libertà, per decisione del Tribunale del Riesame di Lecce, circa venti persone arrestate il 12 dicembre corso nell’ambito dell’operazione Omega su due clan della Sacra corona unita (Scu) operativi nel brindisino. Tra le persone rimesse in libertà figurano anche indagati per associazione mafiosa.

A causa di un difetto di motivazione - passaggio su cui ora l'Ispettorato del ministero intende far luce - gli avvocati hanno potuto chiedere la scarcerazione dei loro assistiti e il Tribunale del Riesame di Lecce ha dovuto concederla.
In particolare, la decisione dei giudici del Riesame è stata presa accogliendo il ricorso dei legali degli indagati che contestavano l’assenza di una motivazione del gip nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa a carico di 58 persone, richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia ed eseguita dai carabinieri. I reati contestati a vario titolo sono, oltre all’associazione mafiosa, anche l’omicidio, armi e droga, oltre che il danneggiamento con un attentato dinamitardo della villetta di un maresciallo dei carabinieri.

Tutti gli indagati che hanno presentato ricorso al Riesame - tra cui quelli difesi dagli avvocati Ladislao Massari, Raffaele Missere, Carmelo e Silvio Molfetta - hanno ottenuto l'annullamento del provvedimento restrittivo e sono tornati in libertà. Altri ricorsi saranno discussi domani, 3 gennaio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie