Giovedì 25 Aprile 2019 | 11:43

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
Dai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
L'intervista
Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

Di Maio alla «Gazzetta»: ecco il nostro progetto per Taranto, basta emergenze

 
Omicidio in Salento
Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite

Maglie, ucciso un pregiudicato in strada: forse dopo una lite FOTO

 
Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, suona il violino mentre la operano per un tumore al cervello

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa decisione
Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

Maresciallo ucciso, San Severo gli intitola una piazza

 
BrindisiDai Carabinieri
Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

Ricatti a luci rosse e truffe on line su cuccioli: denunciato nel Brindisino

 
GdM.TVSan Paolo
Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

Bari, cinghiali e cinghialetti fanno spuntino tra i rifiuti

 
LecceAperta inchiesta
Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

Ugento, botte al doposcuola: indagata la maestra

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Un blitz aveva colpito un clan dei Brindisino

Mafiosi della Scu scarcerati
Ministero invia gli ispettori

ROMA - L’ispettorato del ministero della Giustizia vuole vedere chiaro in merito alla vicenda che ha portato alla scarcerazione di una ventina di mafiosi pugliesi, ed ha avviato accertamenti preliminari.

Nei giorni scorsi infatti sono tornati in libertà, per decisione del Tribunale del Riesame di Lecce, circa venti persone arrestate il 12 dicembre corso nell’ambito dell’operazione Omega su due clan della Sacra corona unita (Scu) operativi nel brindisino. Tra le persone rimesse in libertà figurano anche indagati per associazione mafiosa.

A causa di un difetto di motivazione - passaggio su cui ora l'Ispettorato del ministero intende far luce - gli avvocati hanno potuto chiedere la scarcerazione dei loro assistiti e il Tribunale del Riesame di Lecce ha dovuto concederla.
In particolare, la decisione dei giudici del Riesame è stata presa accogliendo il ricorso dei legali degli indagati che contestavano l’assenza di una motivazione del gip nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa a carico di 58 persone, richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia ed eseguita dai carabinieri. I reati contestati a vario titolo sono, oltre all’associazione mafiosa, anche l’omicidio, armi e droga, oltre che il danneggiamento con un attentato dinamitardo della villetta di un maresciallo dei carabinieri.

Tutti gli indagati che hanno presentato ricorso al Riesame - tra cui quelli difesi dagli avvocati Ladislao Massari, Raffaele Missere, Carmelo e Silvio Molfetta - hanno ottenuto l'annullamento del provvedimento restrittivo e sono tornati in libertà. Altri ricorsi saranno discussi domani, 3 gennaio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400