Sabato 22 Settembre 2018 | 16:38

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Potenza, via dal presepe
la Madonna col burqa

Potenza, via dal presepe la madonna col burqa

«La Madonna col burqa» ha scatenato la bufera a Potenza

di Giovanni Rivelli

POTENZA - Dopo 150 anni di resistenza da quando la Regina Margherita, a metà ‘800, segnò l’avvio dell’offensiva anglosassone dell’albero addobbato, a Potenza si apre un «fronte islamico» del Presepe. C’è una Madonna «velata» che resiste il classico Natale e Santo Stefano nella rappresentazione della Natività di una parrocchia (quella di Sant’Anna e San Gioacchino) per poi essere cacciata e far posto a una rappresentazione filippina, ma ispirata ai più classici canoni europei.

La Madonna di prima, invece, quella no. Quel presepe di fattura tunisina, parte della collezione di 200 presepi del mondo custoditi nella parrocchia, aveva una Maria col velo sul capo e con una mano che lo serrava davanti alla bocca (ma lasciando visibili viso e naso). Insomma, non il velo delle tradizionali raffigurazioni, ma quasi un burqa. E poi quel Giuseppe con la carnagione olivastra e i baffi troppo lunghi per non destare almeno qualche sospetto ai «check point» antiterrorismo.

E proprio «la Madonna col burqa» ha gridato qualcuno e si è scatenata la bufera: prese di posizione, scioperi della messa, interventi di parlamentari, manifestazioni con tanto di donna col burqa (quello vero) a denunciare l’atto «sacrilego» non tanto verso i valori religiosi, quanto verso quelli culturali. E così, nei vari commenti, abbiamo scoperto la pericolosità di quel velo, capace di minare le nostre origini, la nostra identità, addirittura la nostra ragion d’essere, consegnandoci quasi in catene alla sudditanza al califfo.

Una pericolosità insospettabile. Al punto che chi, cresciuto in una terra interna come la Basilicata, è nel mezzo del cammin della vita, solo ora si sarà reso conto della pericolosità di quel «fazzoletto» che, da bambino, vedeva anche in testa alla madre e che nei giorni più freddi veniva stretto sulla bocca in cerca di tepore. Ma quel «fazzoletto» delle nostre mamme era diverso: italianissimo e quindi cristiano.

Quest’anno, invece, la piccola parrocchia potentina aveva scoperto l’attualità dei temi del mondo arabo. E siccome un’iniziativa di solidarietà, qualche vestito o qualche giocattolo per qualche bambino giunto qui dopo essere scappato dalla guerra erano sicuramente più utili ma meno significativi ha preferito dare lo «sfratto» al bambinello bianco (nonostante le origini) utilizzato negli anni passati e posizionare al suo posto quella famigliola immigrata che ha attirato le ire di tanti.

E ora la stessa sorte di sfrattata è toccata alla Madonna velata, col parroco che ha collocato nel presepe una famigliola dal molto più rassicurante passaporto filippino. Si sa, i filippini sono così cari e pacati, pronti a prendersi cura delle nostre case e dei nostri anziani, a ringraziarci per un abito dismesso o una grotta e poi cristianissimi, proprio come noi.

Oddio, non proprio come noi. Perché noi siamo ormai tanto annoiati da badare più alla forma che alla sostanza, da utilizzare il presepe e lo stesso Gesù Bambino per ammantarci di profondità sociologica, da accapigliarci per un velo non sufficientemente aperto, pronti a ignorare comunque quel presepe tornato «classico» e cristiano. E forse l’Islam radicale ha un alleato più in questo atteggiamento che in un velo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Altamura, vigili aggrediti al mercatoda abusivo: «Era uno straniero»

Altamura, vigili aggrediti al mercato da abusivo: «Era uno straniero»

 
Vieste, cinque bombe in un locale: arrestato 25enne incensurato

Vieste, cinque bombe in un locale: arrestato 25enne incensurato

 
Manfredonia, spacciatore picchiae rapina donna lasciandola per strada

Manfredonia, spacciatore picchia e rapina donna lasciandola per strada

 
San Pietro Vernotico, fa retromarciacon l'auto: investe e uccide la moglie

San Pietro Vernotico, fa retromarcia con l'auto: investe e uccide la moglie

 
Picerno, torna in chiesa San Roccodipinto rubato e trovato ad Amalfi

Picerno, torna in chiesa San Rocco dipinto rubato e trovato ad Amalfi

 
Martinata, fucili di precisione e pistola in casa: in cella 53enne

Martina Franca, pistole a fucili di precisione in casa: in cella 53enne

 
Gallipoli, turista 33enne ubriacoprecipita dal balcone e muore

Gallipoli, turista 33enne ubriaco precipita dal balcone e muore

 
Blitz dei Nas in centro commercialesequestrati 500 chili di cibi asiatici

Blitz dei Nas in centro commerciale: sequestrati 500 chili di cibi asiatici

 

GDM.TV

Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 

PHOTONEWS