Venerdì 22 Marzo 2019 | 02:49

NEWS DALLA SEZIONE

L'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
L'intervista
Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

Parla Piero Ignazi:«Al Sud la Lega attrarrà voti da Fi e M5S»

 
La foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
Ambiente
Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

Anche Al Bano aderisce alla campagna della Regione per dire «No alla plastica»

 
Scintille Nato-Russia
I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

I piloti italiani in missione nei cieli della Guerra Fredda

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

Potenza, via dal presepe
la Madonna col burqa

Potenza, via dal presepe la madonna col burqa

«La Madonna col burqa» ha scatenato la bufera a Potenza

di Giovanni Rivelli

POTENZA - Dopo 150 anni di resistenza da quando la Regina Margherita, a metà ‘800, segnò l’avvio dell’offensiva anglosassone dell’albero addobbato, a Potenza si apre un «fronte islamico» del Presepe. C’è una Madonna «velata» che resiste il classico Natale e Santo Stefano nella rappresentazione della Natività di una parrocchia (quella di Sant’Anna e San Gioacchino) per poi essere cacciata e far posto a una rappresentazione filippina, ma ispirata ai più classici canoni europei.

La Madonna di prima, invece, quella no. Quel presepe di fattura tunisina, parte della collezione di 200 presepi del mondo custoditi nella parrocchia, aveva una Maria col velo sul capo e con una mano che lo serrava davanti alla bocca (ma lasciando visibili viso e naso). Insomma, non il velo delle tradizionali raffigurazioni, ma quasi un burqa. E poi quel Giuseppe con la carnagione olivastra e i baffi troppo lunghi per non destare almeno qualche sospetto ai «check point» antiterrorismo.

E proprio «la Madonna col burqa» ha gridato qualcuno e si è scatenata la bufera: prese di posizione, scioperi della messa, interventi di parlamentari, manifestazioni con tanto di donna col burqa (quello vero) a denunciare l’atto «sacrilego» non tanto verso i valori religiosi, quanto verso quelli culturali. E così, nei vari commenti, abbiamo scoperto la pericolosità di quel velo, capace di minare le nostre origini, la nostra identità, addirittura la nostra ragion d’essere, consegnandoci quasi in catene alla sudditanza al califfo.

Una pericolosità insospettabile. Al punto che chi, cresciuto in una terra interna come la Basilicata, è nel mezzo del cammin della vita, solo ora si sarà reso conto della pericolosità di quel «fazzoletto» che, da bambino, vedeva anche in testa alla madre e che nei giorni più freddi veniva stretto sulla bocca in cerca di tepore. Ma quel «fazzoletto» delle nostre mamme era diverso: italianissimo e quindi cristiano.

Quest’anno, invece, la piccola parrocchia potentina aveva scoperto l’attualità dei temi del mondo arabo. E siccome un’iniziativa di solidarietà, qualche vestito o qualche giocattolo per qualche bambino giunto qui dopo essere scappato dalla guerra erano sicuramente più utili ma meno significativi ha preferito dare lo «sfratto» al bambinello bianco (nonostante le origini) utilizzato negli anni passati e posizionare al suo posto quella famigliola immigrata che ha attirato le ire di tanti.

E ora la stessa sorte di sfrattata è toccata alla Madonna velata, col parroco che ha collocato nel presepe una famigliola dal molto più rassicurante passaporto filippino. Si sa, i filippini sono così cari e pacati, pronti a prendersi cura delle nostre case e dei nostri anziani, a ringraziarci per un abito dismesso o una grotta e poi cristianissimi, proprio come noi.

Oddio, non proprio come noi. Perché noi siamo ormai tanto annoiati da badare più alla forma che alla sostanza, da utilizzare il presepe e lo stesso Gesù Bambino per ammantarci di profondità sociologica, da accapigliarci per un velo non sufficientemente aperto, pronti a ignorare comunque quel presepe tornato «classico» e cristiano. E forse l’Islam radicale ha un alleato più in questo atteggiamento che in un velo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400