Lunedì 21 Ottobre 2019 | 02:10

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Milan - Lecce finisce 2-2, pareggio in corner per i giallorossi

Milan - Lecce finisce 2-2, pareggio in corner per i giallorossi

 
L'onoreficenza
Migliori studenti d'Italia premiati da Mattarella: tra loro 4 pugliesi e un lucano

Migliori studenti d'Italia premiati da Mattarella: tra loro 4 pugliesi e un lucano

 
Serie C
Il Potenza batte il Catanzaro 2 a 0: ora è in testa al campionato

Il Potenza batte il Catanzaro 2 a 0: ora è in testa al campionato

 
La visita
Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

 
Serie C
Avellino-Bari, la doppietta di Simeri non basta: finisce 2-2

Avellino-Bari, la doppietta di Simeri non basta: finisce 2-2

 
Invasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
IL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
L'inchiesta
Foggia, arresto Cera: polemiche sul gip, il fratello ha avuto una nomina da Emiliano

Foggia, arresto Cera: polemiche sul gip, il fratello ha avuto nomina da Emiliano

 
Salgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl contest
Casamassima, MusicGallery Puglia premia i talenti musicali: tutti i vincitori

Casamassima, MusicGallery Puglia premia i talenti musicali: tutti i vincitori

 
TarantoLa visita
Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

 
PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Provvedimenti emessi a seguito di un’indagine conclusa nell’agosto del 2016

Mafia, blitz a Conversano: 12 arresti
Compagna boss La Selva capo banda

carabinieri

La conferenza stampa dopo il blitz a Conversano

BARI - Voleva affermare la propria supremazia sul territorio e per questo il clan che faceva capo al boss Antonio Nicola La Selva avrebbe compiuto numerosi attentati incendiari e dinamitardi nei confronti del gruppo criminale avverso che fa capo alle famiglie Panarelli-Caputo. E' uno degli elementi emersi nel corso delle indagini che oggi hanno portato, a Conversano (Bari), all’arresto compiuto dai Carabinieri di 12 persone nell’ambito dell’indagine che ha disarticolato il gruppo criminale. Uno degli arrestati risponde anche di possesso di droga, quindi arrestato in flagranza. Si tratta di un gruppo «agguerrito e armato», come lo ha definito il comandante provinciale dei carabinieri di Bari, il colonnello Vincenzo Molinese. 

Le indagini che hanno portato agli arresti odierni nascono dal ferimento del boss Antonio Nicola La Selva, e proseguiranno per accertare l’eventuale messa in atto di richieste estorsive e il reato di usura da parte del clan: a casa di Sandra Pagnini, compagna di La Selva e attuale reggente del clan, oltre a 11mila euro in contanti rinvenuti con le perquisizioni odierne, è stata rintracciata una documentazione che gli investigatori ritengono importante e che proverebbe il coinvolgimento del gruppo criminale in altri reati.

Il clan non ha esitato a dare fuoco anche all’auto di un militare dell’Arma, ora in congedo, per ritorsione, ritenendo fosse il mezzo privato di un altro carabiniere della stessa stazione di Conversano il quale, durante un servizio di pattuglia, inseguì, facendolo cadere, Gianluca La Selva, figlio del boss, poiché non aveva ottemperato alla richiesta di fermarsi per un controllo dei militari in quanto alla guida di un motociclo rubato. Gianluca, la persona ritenuta dagli investigatori come il più temibile all’interno del clan, è stato rintracciato in una masseria alle porte di Conversano, in compagnia di Nicola Natile; quest’ultimo arrestato per possesso di droga nascosta in una vecchia tv.

L’indagine che ha permesso di individuare anche i vari ruoli rivestiti all’interno della compagine criminale e, in particolare, quello della compagna del boss ormai reggente del sodalizio. Durante i colloqui in carcere, «Colino la pecora», come viene soprannominato il boss, impartiva a Sandra Pagnini le direttive funzionali anche alla ricerca di appoggi qualificati all’interno del clan barese degli Strisciuglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie