Mercoledì 15 Luglio 2020 | 21:09

NEWS DALLA SEZIONE

Giustizia svenduta
Magistrati arrestati, sequestrate bombe e armi a poliziotto a Corato

Magistrati arrestati, sequestrate bombe e armi a poliziotto a Corato

 
Il meeting
Regionali 2020, Cesa: «In Puglia l'Udc sostiene Raffaele Fitto»

Regionali 2020, Cesa: «In Puglia l'Udc sostiene Raffaele Fitto»

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 162 nuovi casi e 13 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 162 nuovi casi e 13 morti nelle ultime 24 ore

 
Regionali 2020
Salvini torna in Puglia: tour in Salento nel fine settimana

Salvini torna in Puglia: tour in Salento nel fine settimana

 
La polemica
Regionali Puglia, Dc cambia idea: «Noi schierati con centrodestra». Culigari: «Emiliano escluda il simbolo»

Regionali Puglia, Dc cambia idea: «Noi schierati con centrodestra». Cugliari: «Emiliano escluda il simbolo». La replica di Tramonte

 
La polemica
Ma l’asse tra Bari e Nardò spacca già la coalizione

Regionali 2020, l’asse tra Bari e Nardò spacca già la coalizione

 
Controlli della polizia
Ostuni, 800 persone in più nella discoteca: chiuso locale per 5 giorni

Ostuni, 800 persone in più nella discoteca: chiuso locale per 5 giorni

 
Turismo
Bari, alberghi ancora chiusi. Preferite case vacanza

Bari, alberghi ancora chiusi: si preferiscono le case vacanza

 
Il Caso
Finisce in carcere a Trani ’ex pm antimafia rumena

Finisce in carcere a Trani ’ex pm antimafia rumena

 
la denuncia
La Regione Puglia sta favorendo gli infermieri in comando»

Sanità, «La Regione Puglia sta favorendo gli infermieri «in comando»

 

Il Biancorosso

calcio
Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariGiustizia svenduta
Magistrati arrestati, sequestrate bombe e armi a poliziotto a Corato

Magistrati arrestati, sequestrate bombe e armi a poliziotto a Corato

 
TarantoMusica
Al via in Puglia «Porto Rubino»: ospiti a Taranto Morgan e Erica Mou

Al via in Puglia «Porto Rubino»: ospiti a Taranto Morgan e Erica Mou

 
LecceLa polemica
Ma l’asse tra Bari e Nardò spacca già la coalizione

Regionali 2020, l’asse tra Bari e Nardò spacca già la coalizione

 
BrindisiControlli della polizia
Ostuni, 800 persone in più nella discoteca: chiuso locale per 5 giorni

Ostuni, 800 persone in più nella discoteca: chiuso locale per 5 giorni

 
Potenzal'iniziativa
Università Potenza, un bonus per sostenere iscrizioni: proposta di legge del Pd

Università Potenza, un bonus per sostenere iscrizioni: proposta di legge del Pd

 
BatScuola
Barletta, «Non condannateci ai tripli turni»

Barletta, «non condannateci ai tripli turni»: la lettera a Mattarella

 
Materail colpo
Pisticci, rapinano market con pistola giocattolo: 2 in manette

Pisticci, rapinano market con pistola giocattolo: 2 in manette

 

i più letti

Matera: Chitaridd, l'ultimo bandito, un mito anche da morto

di EMILIO SALIERNO
MATERA - Il brigante Eustachio Chita, detto Chitaridd anche da morto sembra scomparso. Così come in vita la polizia non riuscì mai a catturarlo (furono invece alcuni parenti, con l'inganno, ad ucciderlo con un colpo d'ascia sulla fronte) anche ora c'è chi cerca i suoi resti. Il suo corpo con alcuni documenti, furono mandati a Torino da Cesare Lombroso, sostenitore della tesi secondo cui i tratti della personalità criminale sono determinati da anomalie somatiche.
Matera: Chitaridd, l'ultimo bandito, un mito anche da morto
di Emilio Salierno

MATERA - Il brigante Eustachio Chita, detto Chitaridd, nacque a Matera nel 1862. La Polizia non riuscì mai a catturarlo, furono invece alcuni parenti, con l'inganno, ad ucciderlo con un colpo d'ascia sulla fronte. I suoi resti mortali, con alcuni documenti, furono mandati a Torino da Cesare Lombroso, sostenitore della tesi secondo cui i tratti della personalità criminale sono determinati da anomalie somatiche. Nei giorni scorsi, la notizia su «La Stampa» che non c'è più traccia delle spoglie.

Ossa o no, nei Sassi il brigante resta un mito. Ilaria Dragonetti vende le magliette nere con l'unica immagine esistente di Chita, che con orgoglio indossano i ragazzi del comitato di Vico Solitario. Il Club Velico di Policoro e i motociclisti degli Indian Bikers ne hanno fatto incetta. Proprio il comitato che ha sede negli antichi rioni, un anno fa, raccolse mille firme per riavere quei resti che i piemontesi chissà dove hanno fatto finire.

L'attore e regista lucano Ulderico Pesce è il primo firmatario della petizione, sostenuta anche dal vicesindaco Saverio Acito.

«Esiste un turismo dell'insorgenza molto forte in Italia - dice Pesce - che fa muovere addirittura 1 milione di persone per conoscere i luoghi legati ai personaggi della storia locale. In Basilicata abbiamo molti di questi posti, ad esempio nel Vulture con Carmine Crocco, a Savoia di Lucania con Passanante, a Matera con Chitaridd. Ignorare queste opportunità significa non rendersi conto di una possibilità reddituale e nello stesso tempo non avere la capacità di intercettare risorse turistiche e culturali. La storia di Chitaridd, con le dovute distinzioni, è un po' come quella di Passannante. Non a caso, con gli amici di Matera del comitato di Vico Solitario stiamo pensando di far rivivere una delle grotte dove si rifugiava Chita e proporre eventi spettacolari da valutare con gli amministratori comunali. Vorremmo anche allestire un ambiente rurale che possa accogliere testimonianze del brigante». E l'inghippo delle spoglie di Chita che non si troverebbero più? «Per me non è una novità. So di questa cosa da un anno. Ne parlò la Gazzetta, e subito dopo, tramite il vicepresidente della Regione Piemonte, di origine lucana, seppi che nel museo Lombroso c'era solo una cartella semivuota. Spero che il sindaco Buccio possa ora riceverci per parlare seriamente delle nostre proposte».

Michele Chita è uno dei parenti del brigante, quarta generazione della famiglia:

«Almeno facessero arrivare la documentazione che arrivò a Torino insieme alle ossa. Magari si può cercare di capire come sono andate esattamente le vicende del mio parente, che in effetti non subì mai una condanna». E la sua grotta? «È in contrada Murgecchia, all'interno della proprietà della famiglia Carenza. È particolare rispetto ad altre perchè ha un ingresso dallo jazzo rupestre e un altro sulla Gravina, così da consentire comunque una via di fuga se lo avessero rintracciato. È uno dei suoi tanti rifugi, dove però fu ucciso. Certo, quel luogo potrebbe essere inserito in un itinerario che lega più elementi, da quello ambientale sino allo storiografico. Credo sia un bel percorso, lo dico con cognizione giacché sono una guida turistica».

Il comitato di Vico Solitario, intanto, con Pippo Lospalluto, lancia alcune proposte: «Una tabella commemorativa di Chitaridd nel cimitero comunale e uno spazio divulgativo nel Museo Ridola».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie