Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 18:08

NEWS DALLA SEZIONE

Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
Dopo gli arresti
Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

 
Regione
Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

 
Nel Barese
Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

 
Blitz Forze dell'ordine
Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

Foggia, abbattute baracche abusive migranti ghetto Borgo Mezzanone FT/VD
Salvini: «La pacchia è finita»

 
È Dellomonaco
Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

Apulia Film Commission, dubbi sulla nomina del nuovo presidente: è incompatibile

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
AnalisiL'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
LecceNel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Brindisi

«Sindaca, chieda riesame
Aia per la centrale Enel»

dati preoccupanti in 7 comuni Il movimento «Brindisi Bene Comune» torna alla carica

 «Sindaca, chieda riesame Aia per la centrale Enel»

«L’ultimo studio epidemiologico conferma che il carbone uccide: è ora di fermarlo».

Torna alla carica il movimento Brindisi Bene Comune in tema di tutela della salute e dell’ambiente nel territorio cittadino. «Nel recente convegno mondiale di epidemiologia a Roma - affermano Riccardo Rossi e Giuseppe Cellie - sono stati presentati i primi risultati dei lavori condotti da Arpa, Asl Brindisi, Ares e Dipartimento Epidemiologia del Lazio (coordinati dal prof. Francesco Forastiere, uno dei massimi esperti nel settore) sugli effetti sanitari a lungo termine dell’esposizione al particolato atmosferico emesso dalle tre centrali termoelettriche a Brindisi. I risultati sono la conferma di un quadro di eccezionale gravità: nei sette comuni dell’area a rischio di Brindisi, una popolazione di circa 230.000 abitanti, nel periodo di osservazione tra il 2001 e il 2013 si nota un incremento della mortalità dell’8% per tutte le cause di tumore, con punte dell’11% per il tumore del pancreas, del 16% per tumori alla vescica e del 12% per malattie respiratorie. Inoltre, vi è un eccesso di mortalità dell’11% per infarto cardiaco. Non sono solo numeri, sono donne ed uomini, bambini ed anziani, che muoiono nei 7 comuni dell’area a rischio composta da Brindisi, Carovigno, Cellino, Mesagne, San Pietro, San Vito e Torchiarolo. Un tributo altissimo pagato da innocenti in questi anni».

«Lo studio - proseguono - è finanziato dalla Regione Puglia che quindi, in conseguenza dei risultati ottenuti, deve giungere a provvedimenti conseguenti, chiedendo la fine della combustione del carbone. Questo studio arricchisce il quadro di epidemiologico dell’area di Brindisi, giungendo dopo quello effettuato dal prof. Latini sull’eccesso di malformazioni neonatali congenite, in particolare quelle cardiache in eccesso del 50% sulla media europea, e dopo quello dei ricercatori del Cnr che attribuiscono da 7 a 44 morti nel 2006, l’anno preso in considerazione, i morti dovuti alle emissioni della centrale di Cerano. Facciamo notare che tutti questi studi evidenziano un'altra verità che in tanti cercano di nascondere: che le emissioni di particolato sono nei limiti di legge ma ciò non è sufficiente per proteggere la salute dei cittadini. L’esposizione a lungo termine anche per emissioni inferiori ai limiti incrementa la mortalità. Questo è ormai un dato scientifico inconfutabile e supportato da una grandissima letteratura scientifica».

Ed ancora: «È evidente - dichiarano ancora Rossi e Cellie - che questo quadro di assoluta emergenza sanitaria impone un’unica soluzione: fermare il carbone, fermare le emissioni che uccidono innocenti in nome di un profitto per le grandi multinazionali. Nei prossimi giorni, all’avvio dei lavori della commissione ambiente, chiederemo l’audizione pubblica degli autori dell’ultimo studio per esporre a tutte le forze politiche e ai cittadini il quadro epidemiologico e chiederemo in un prossimo consiglio comunale che la sindaca chieda con forza il riesame dell’Aia per la centrale Enel, tuttora in corso, per una valutazione dell’impatto sanitario delle emissioni autorizzate, al fine di evidenziare la loro incompatibilità con la salvaguardia della salute umana. Da questi dati emerge anche non più rinviabile un intervento della sindaca presso l’Asl per definire un quadro di interventi pubblici per la prevenzione primaria e per le cure e prevenzione secondaria. Inoltre - concludono - chiederemo alla sindaca di avviare immediatamente un tavolo con governo nazionale e regionale per arrivare subito alla fine della combustione del carbone con una riprogrammazione delle attività energetiche in grado di salvaguardare i livelli occupazionali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400