Giovedì 06 Agosto 2020 | 03:10

NEWS DALLA SEZIONE

Allarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
La decisione
Il Lecce calcio licenzia Meluso, il nuovo dg è Corvino

Il Lecce calcio licenzia Meluso, il nuovo dg è Corvino

 
L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
Maltempo
I temporali non abbandonano la Puglia: allerta gialla estesa di 48 ore

I temporali non abbandonano la Puglia: allerta gialla estesa di 48 ore. Annullato concerto del Petruzzelli

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, balzo in avanti dei contagi: 384 nuovi casi e 10 morti

Coronavirus Italia, balzo in avanti dei contagi: 384 nuovi casi e 10 morti

 
Il caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
Verso il voto
Regionali 2020, Emiliano presenta «Futuro in corso»: «Scriviamo insieme la nuova Puglia»

Regionali 2020, Emiliano presenta «Futuro in corso»: «Scriviamo insieme la nuova Puglia»

 
Eroe per un giorno
Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

 
L'evento
Bari, Ordine Avvocati e Fratres per un pomeriggio di donazione straordinaria di sangue

Bari, Ordine Avvocati e Fratres per un pomeriggio di donazione straordinaria di sangue

 
la vicenda
Corte d'Appello annulla confisca beni per 10mln di euro a imprenditore pugliese

Corte d'Appello annulla confisca beni per 10mln di euro a imprenditore pugliese

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
BariIl caso
In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia 

In due sul monopattino a Bari: filmati e multati dalla Polizia

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 
HomeEroe per un giorno
Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

Taranto, militare fuori servizio si tuffa e salva 7 persone dalla furia del mare

 
BrindisiAMBIENTE
Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

Brindisi, in un solo mese i Cc scoprono 18 discariche abusive

 

i più letti

Burocrazia

Sbaglia nome e indirizzo
«Non può fare impresa»

Sbaglia nome e indirizzo «Non può fare impresa»

POTENZA - Tiene in ufficio una segretaria in nero e la cosa viene rilevata all’arrivo degli ispettori del lavoro. Ne segue il relativo provvedimento a cui presenta, nei termini, opposizione, ma un anno e mezzo dopo, senza aver mai avuto risposta, scopre di essere stata interdetta per due anni da contrattazioni pubbliche e pubbliche gare.

È una storia di quelle che possono far saltare i conti e compromettere il futuro quella toccata a un’azienda lucana, la Società Pangaro Srl, e risolta ora dal Tar dopo che, comunque, sono passati molti mesi dall’interdizione.

I fatti hanno inizio circa due anni da, a luglio del 2014, quando il Servizio Ispezione del Lavoro della Direzione Territoriale del Lavoro di Potenza, con un’ispezione negli uffici, trova al lavoro una persona svolgente mansioni di segretaria che non risulta riportata nella documentazione obbligatoria. Ora, il testo unico della sicurezza sul lavoro prevede che qualora un’azienda impieghi personale non risultante dalla documentazione obbligatoria in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro oggetto di accertamento, gli organi di vigilanza del Ministero del Lavoro adottano provvedimenti di sospensione dell'attività imprenditoriale. E l’ispezione si conclude con l’adozione di questo provvedimento, ma l’impresa, dopo pochi giorni e comunque nei termini, presenta istanza di revoca del provvedimento perché, tra l’altro, lo stesso testo unico specifica che il provvedimento di sospensione nelle ipotesi di lavoro irregolare non troverà applicazione nel caso di impresa con un unico lavoratore irregolare occupato ma anche perché, nel caso specifico, l'assunzione della lavoratrice oggetto del provvedimento di sospensione era stata demandata a una associazione sindacale di categoria.

Ma qui c’è l’inghippo. Perché il ricorso innanzitutto veniva presentato sotto forma di «istanza di revoca» e poi invece di essere indirizzato alla Direzione Regionale del Lavoro, è intestato alla Direzione Territoriale del Lavoro (il livello inferiore) e resta così lettera morta. Così, mentre l’azienda, non avendo ricevuto notizie nei prescritti 15 giorni successivi ritiene di aver chiuso la partita, si va avanti fino al 16 dicembre del 2015 quando il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti emette un decreto di interdizione da contrattazioni pubbliche e pubbliche gare che viene notificato il giorno successivo.

Così non è rimasto che ricorre al Tar che prima, a marzo, ha sospeso il provvedimento del Ministero e ora lo ha annullato condividendo «l’approccio sostanzialistico» della vicenda. «Al di là del nomen juris che la società assegnava alla richiesta rivolta all’Amministrazione interessata - si legge in sentenza -, occorreva aver riguardo agli aspetti contenutistici della richiesta piuttosto che alla presenza di particolari forme, che peraltro la legge non prescrive, e considerare tale istanza quale ricorso a tutti gli effetti» mentre «non ha rilievo la circostanza che l'istanza in parola non venisse indirizzata alla Direzione regionale del Lavoro di Potenza, quale Organo Sovraordinato indicato nel provvedimento» poiché le norme prescrivono che «i ricorsi rivolti, nel termine prescritto, a organi diversi da quello competente, ma appartenenti alla medesima amministrazione, non sono soggetti a dichiarazione di irricevibilità e i ricorsi stessi sono trasmessi d'ufficio all'organo competente». Erano gli stessi uffici, insomma, a dover trasmettere il ricorso all’indirizzo giusto. Così la sanzione, ora, è decaduta.

g.riv.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie