Martedì 20 Agosto 2019 | 13:36

NEWS DALLA SEZIONE

Crisi di governo
Bari, studenti Uniba: «la maratona Mentana si segue su maxischermo»

Bari, studenti Uniba: «la maratona Mentana si segue su maxischermo»

 
Sequestrate dalla Guardia Costiera
Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

 
L'iniziativa
Santeramo, Antonella e Nunzio in barca vanno a pesca di plastica

Santeramo, Antonella e Nunzio in barca vanno a pesca di plastica

 
Operazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
a «La vita in diretta»
La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto : la storia va in tv

La Gazzetta e il pensionato che all’Inps risultava deceduto: la storia va in tv

 
A Santo Spirito
Santo Spirito, carico di farmaci per la chemioterapia rubati e abbandonati in una villa

Bari, farmaci per chemio rubati e abbandonati in una villa: valgono 830mila euro

 
L'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
In via Pascoli
Mottola, rapinatori gentili: dopo il colpo in posta salutano i clienti in coda

Mottola, rapinatori gentili: dopo il colpo alle Poste salutano i clienti in coda

 
L'incidente
Bari, scontro tra 2 auto sulla statale 16: due feriti e code in direzione nord

Bari, scontro tra 2 auto sulla statale 16: due feriti e code in direzione nord

 
Il caso
Bari, si «sveglia» la bimba malata di Seu la nuova terapia dà i primi risultati

Bari, si «sveglia» la bimba malata di Seu la nuova terapia dà i primi risultati

 
Aperta l'inchiesta
Monopoli, visitato in ospedale per «mal d'orecchi»: 17enne muore mentre fa la doccia

Monopoli, visitato in ospedale per «mal d'orecchi»: 17enne muore sotto la doccia

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, le prove sono finitemanca una identità definita

Bari, le prove sono finite manca una identità definita

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiSu Instagram
Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

 
MateraNel Materano
Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

 
BariNodi critici
Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

 
TarantoSequestrate dalla Guardia Costiera
Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

 
PotenzaOperazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
FoggiaL'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
LecceA Torre Lapillo
Lecce, turismo e prezzi: scoppia la polemica della frisella

Lecce, turismo e prezzi salati: scoppia la polemica della frisella

 
BatL'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 

i più letti

Depuratori «al palo»arrivano le sanzioni Ue

Anche la Basilicata tra le regioni risultate inadempienti

Depuratori «al palo»arrivano le sanzioni Ue

PIERO MIOLLA

L’Italia sarà sanzionata dall’Unione Europea per i gravi ritardi nella realizzazione di sistemi fognari e depuratori, anche a causa della Regione Basilicata. Via Anzio, infatti, è nell’elenco che comprende 6 regioni responsabili di gravi ritardi nel rispetto della direttiva comunitaria che prevede, da oltre 10 anni, la messa a norma dei sistemi fognari e depurativi. Per questo, la Regione Basilicata è stata commissariata, mentre nel 2016 l’Italia comincerà a pagare salate sanzioni all’Europa. A dicembre la Commissione Europea ha comunicato al Governo che nei prossimi mesi proporrà alla Corte di Giustizia l’importo delle sanzioni: le carenze a carico della Basilicata sarebbero relative alla gestione nel settore da parte di Acquedotto Lucano.

Eppure, in materia gli investimenti per scongiurare le sanzioni sono stati cospicui: 1,6 miliardi euro stanziati dal Cipe che, però, stentano a decollare. Sotto accusa la governance del settore idrico, anche in Basilicata. Non è un caso, come anticipato, che Matteo Renzi abbia nominato commissario per la Lucania, Vito Marsico, dirigente generale della Regione: dovrà occuparsi di progettazione, affidamento e realizzazione dei lavori relativi agli interventi. La figura del commissario è stata prevista dal Governo con lo «Sblocca Italia»: l’esecutivo ha fissato paletti per la costituzione degli enti di governo degli ambiti e per affrontare la situazione emergenziale, prevedendo la possibilità di ricorrere all’azione dei commissari di Governo per accelerare l’attuazione degli interventi, già completamente finanziati, necessari a superare le procedure di infrazione.

Le altre regioni commissariate sono Calabria, Campania, Lazio, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Sicilia. E se il Governo preannuncia che, grazie ai «patti per lo sviluppo» continuerà a garantire investimenti pubblici nelle situazioni ancora a rischio di sanzioni, dall’altro spiega che l’obiettivo è raggiungere livelli di investimento nel sistema idrico simile agli altri Paesi europei. C’è la necessità, dunque, di incidere sulla governance: le Regioni che presentano il maggior numero di situazioni di infrazione comunitaria sulle fognature e sulla depurazione, infatti, sono proprio quelle che non hanno attuato la riforma nel settore idrico. Alle Regioni, dunque, serve invece un gestore efficiente, organizzato e capace di realizzare economie di scala.

In attesa che la riforma della governance venga varata anche in Basilicata, il Bel Paese si appresta a ricevere l’ennesima condanna sanzionatoria: i nostri problemi riguardanti le acque reflue, infatti, sono stati già accertati dalla sentenza di condanna del 2012, per ben 72 agglomerati urbani. Si tratta, però, solo del primo dei tre procedimenti pendenti contro il nostro Paese. Da Roma assicurano: la responsabilità di questo disastro è degli enti locali. Anche per questo il Governo preannuncia che, quando arriveranno le multe, verranno presentati esposti alla Corte dei Conti per danno erariale: non è giusto, infatti, che a pagare siano sempre e solo i cittadini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie