Sabato 28 Novembre 2020 | 02:50

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Calcio, Lecce - Chievo

Calcio, il Lecce in trasferta batte il Chievo: 2-1

 
L'aggressione
Mafia a Bari, picchiato il padre di un «pentito» del clan Palermiti

Mafia a Bari, spedizione punitiva contro il padre di un «pentito» del clan Palermiti

 
Il virus
Covid 19, la mappa dei colori: Puglia resta arancione, Lombardia e Piemonte cambiano colore, Liguria e Sicilia gialle

Covid 19, la mappa dei colori: Puglia resta arancione, Lombardia e Piemonte cambiano colore, Liguria e Sicilia gialle

 
a Lecce
Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

 
Il virus
Covid 19, morta anziana in Rsa di Alberobello: sale a 10 il numero delle vittime

Covid 19, morti 2 anziani in Rsa di Alberobello: sale a 11 il numero delle vittime

 
Il caso
Torre a Mare, scontro auto-bici sulla Statale 16: muore ciclista 31enne

Torre a Mare, scontro auto-bici sulla Statale 16: muore ciclista 31enne

 
Il caso
Covid 19 e agroalimentare, in Puglia cala la liquidità di molte aziende

Covid 19 e agroalimentare, in Puglia cala la liquidità di molte aziende

 
Occupazione
Ristorazione, Ladisa acquista Serist Milano: «Così uniamo Nord e Sud»

Ristorazione, Ladisa acquista Serist Milano: «Così uniamo Nord e Sud»

 
Il caso
Bari, morti di legionella al Policlinico: piano sicurezza acque approvato a settembre

Bari, morti di legionella al Policlinico: piano sicurezza acque approvato a settembre

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 28.352 nuovi casi e 827 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 28.352 nuovi casi e 827 morti nelle ultime 24 ore

 
Su Facebook
Salento, rapita l'asina Grisonda. L'appello: «Riportatela a casa. Vi daremo una ricompensa»

Salento, rapita l'asina Grisonda. L'appello: «Riportatela a casa. Vi daremo una ricompensa»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'aggressione
Mafia a Bari, picchiato il padre di un «pentito» del clan Palermiti

Mafia a Bari, spedizione punitiva contro il padre di un «pentito» del clan Palermiti

 
FoggiaIl caso
Mafia, salgono a 36 le misure interdittive a imprese nel Foggiano

Mafia, salgono a 36 le misure interdittive a imprese nel Foggiano

 
MateraIl caso
Covid 19, consiglio comunale a Matera: «Non depotenziare l'ospedale»

Covid 19, consiglio comunale a Matera: «Non depotenziare l'ospedale»

 
Leccea Lecce
Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

 
PotenzaIl virus
Coronavirus in Basilicata, Bardi: «Misure prorogate fino al 3 dicembre»

Coronavirus in Basilicata, Bardi: «Misure prorogate fino al 3 dicembre»

 
TarantoIl video
Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

 
Brindisile indagini
Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

 
Batnella Bat
Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

 

i più letti

la visita di Orlando

Emiliano avverte il Governo
«A Rignano una cupola mafiosa»

Litigio nella baraccopoli ucciso cittadino malese

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, lancia un appello al ministro della Giustizia, Andrea Orlando (domani in Capitanata), e al Parlamento per una rapida approvazione della legge contro il caporalato.

Nel 'gran ghettò della provincia di Foggia è nata ed è cresciuta una vera e propria associazione mafiosa che, avvalendosi della forza di intimidazione che deriva dal vincolo associativo perdurante da anni tra i capi ed organizzatori del campo stesso, ha determinato una condizione di assoggettamento e di omertà che induce tutti i lavoratori agricoli stranieri che giungono nell’area a dover risiedere nel ghetto per poter sperare di ottenere un lavoro attraverso i caporali che pure fanno parte della organizzazione». Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, parlando del cosiddetto 'ghettò in cui vivono, in condizioni igienico-sanitarie precarie, i lavoratori migranti impiegati nella raccolta di pomodori.

«Chi non risiede nel "gran ghetto" o in altri luoghi minori egualmente controllati - prosegue Emiliano - non può ottenere un ingaggio. L’organizzazione dunque lucra sui "servizi" offerti al campo (affitto delle baracche, cibo, bevande, prostituzione, droga, e naturalmente l’intermediazione della mano d’opera) per ottenere un vantaggio economico».
«Le aziende agricole pugliesi e soprattutto non pugliesi che alimentano il circuito nelle fabbriche del pomodoro sempre più in crisi per la concorrenza estera - rileva Emiliano - devono per forza fare riferimento ai caporali collegati al ghetto per trovare manodopera che non potrebbero ottenere altrimenti».

Sono certo che questo sarà l’ultimo anno in cui lo Stato tollererà l’esistenza di un simile scempio delle persone e dei loro diritti, anche di libertà religiosa, se è vero che in quel luogo non si può neppure pregare cristianamente». E’ un altro passaggio del lungo post di Emiliano, facendo riferimento ad alcune inchieste sul "ghetto" nella provincia di Foggia, in cui vivono i lavoratori stagionali migranti vittime di una «micidiale macchina di sfruttamento», che «è stata da me denunziata - precisa Emiliano - per la prima volta negli ultimi dieci anni alla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari».

La Dda si è occupata per la prima volta del caporalato, proprio nel Foggiano, grazie a una serie di articoli pubblicati dalla Gazzetta nell'agosto del 2005 che svelarono un traffico di esseri umani culminando in una inchiesta con tanto di condanne passate in giudicato.

«In funzione di tale denunzia - ricorda il presidente della Regione - l’area è stata sequestrata "con facoltà d’uso" allo scopo di consentire alle autorità di polizia di sgombrare il campo e restituirlo alla Regione (parte offesa del reato di occupazione abusiva) nel rispetto dei diritti delle persone ivi ridotte in schiavitù».

«Contemporaneamente - aggiunge - la Regione ha avviato con il governo una collaborazione per costruire una moderna struttura che ospiti civilmente i lavoratori (che non sono migranti) che ogni anno con regolare permesso di soggiorno rendono possibile l’economia agricola della Capitanata e dell’Italia intera». «La Regione Puglia - prosegue - ha messo a disposizione due aree di sua proprietà dove realizzare provvisoriamente la 'Foresteria delle aziende agricole foggianè ed ha assunto l'impegno a sostenere i costi di gestione della struttura e del trasporto dei lavoratori presso i luoghi di lavoro». «Nonostante fossimo partiti con ampio anticipo - sottolinea Emiliano - l'operazione non si è potuta realizzare per inaspettate e improvvise difficoltà burocratiche del governo nel finanziare la realizzazione della Foresteria, nonostante gli impegni presi in tal senso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie