Martedì 22 Gennaio 2019 | 17:18

NEWS DALLA SEZIONE

Per stalking
Picchiata perché russava e minacciata con video osé da pubblicare online: barese fa arrestare l'ex marito

Picchiata perché russava e minacciata con video osé da diffondere: barese fa arrestare ex marito

 
Il caso
Bari, nuovo «no» della Procura al salvataggio di Interporto

Bari, altro «no» della Procura al salvataggio di Interporto

 
Capitale della Cultura
Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

Matera 2019, la Fondazione: «Bilancio dell'inaugurazione fantastico»

 
Il riconoscimento
Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

Xylella, ingegnere di Conversano premiato: ecco la macchina per uccidere la sputacchina

 
Truffa aggravata
Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

 
Operazione dei Cc
Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

Brindisi, spacciava davanti a scuola media: arrestato 27enne

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Il Tribunale
Fallimento Fc Bari: il concordato di Giancaspro serviva solo a perdere tempo

Fallimento Fc Bari: il concordato di Giancaspro serviva solo a perdere tempo

 
Duello Landini-Colla
La Cgil riparte da Bari, via al congresso per il dopo Camusso

La Cgil riparte da Bari, via al congresso per il dopo Camusso

 
Gli sprechi
Nuova sede Regione, chiusa indagine Gdf su plafoniere d'oro: danno da 600mla euro

Nuova sede Regione, chiusa indagine Gdf su plafoniere d'oro: danno da 600mila€

 

a bari

Locale sporca per strada
e il sindaco scrive
una recensione negativa

Sindaco e assessore con le mani nei... sacchi Multato titolare di un locale

BARI - Nell’ambito della lotta dichiarata a chi abbandona i rifiuti senza rispettare le apposite ordinanze, il sindaco di Bari, Antonio Decaro, fa pubblicamente i nomi di chi «insozza i marciapiedi di una delle strade più belle» della città, «frequentata quotidianamente da centinaia di cittadini e turisti». E lo fa recensendo, su Google e Trip Advisor, il locale «'In Vino Veritas'» i cui gestori, scrive il primo cittadino nella recensione, «ieri avevano abbandonato bustoni pieni di rifiuti indifferenziati davanti ai cassonetti».

Decaro ha scoperto il nome del locale rovistando negli stessi sacchi abbandonati, in cui ha ritrovato scontrini che gli hanno permesso di risalire ai gestori e multarli. «Non so come si mangi da 'In Vino Veritas' - scrive Decaro - ma non mi importa. La civiltà viene prima della qualità del cibo. Finché i gestori di 'In Vino Veritas' non impareranno a rispettare la loro città e non chiederanno pubblicamente scusa a tutti i baresi, il mio giudizio da cittadino, e non da sindaco, sarà sempre negativo».

L’obiettivo del sindaco, spiegano dal Comune, «è coinvolgere tutti i cittadini nel denunciare situazioni di questo tipo, visto che i rifiuti sono stati abbandonati presumibilmente in pieno giorno, in una strada molto frequentata. Crediamo sia inoltre giusto che i gestori dei locali capiscano che questi comportamenti oltre a danneggiare la città possono danneggiare loro stessi e le loro attività perché in una città sporca sarà sempre più difficile far arrivare turisti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400