Martedì 23 Luglio 2019 | 06:07

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Taranto, investe donna e fugge via: rintracciato pirata della strada

Taranto, investe donna e fugge via in auto: rintracciato pirata della strada

 
Verso Parco Loppa
Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

 
Verso le elezioni
Regionali 2020: al via il tavolo del c.sinistra: «Primarie entro novembre»

Regionali 2020: al via il tavolo del c.sinistra: «Primarie entro novembre»

 
Il batterio killer
Emergenza Xylella, Coldiretti Puglia presenta il piano "salva ulivi"

Emergenza Xylella, Coldiretti Puglia presenta il piano "salva ulivi"

 
L'odissea
«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

«Per noi cervelli in fuga è impossibile tornare»: la denuncia di una coppia a Emiliano e Decaro

 
Il ripascimento
Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

Monopoli, la spiaggia di Cala Porta Vecchia come a Dubai

 
I mondiali
Nuoto, la biscegliese Di Liddo si piazza quarta nei 100 farfalla

Nuoto, la biscegliese Di Liddo si piazza quarta nei 100 farfalla

 
Per lo stabilimento di Taranto
ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

 
il più giovane in finale
Mondiali di nuoto, il barese Marco de Tullio: è quinto nei 400 stile libero

Mondiali di nuoto, il barese Marco de Tullio: è quinto nei 400 stile libero

 
Serie c
Scommesse, il Bari è la squadra favorita nei pronostici dei bookmaker

Scommesse, il Bari è la squadra favorita nei pronostici dei bookmaker

 
In via La Piccirella
Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

 

Il Biancorosso

IL CALENDARIO
Bari, ecco i prossimi impegnidal Pisa alla coppa Italia

Bari, ecco i prossimi impegni: dal Pisa alla coppa Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'operazione
Lecce, lido abusivo a Torre Castiglione: sequestrato dalla Guardia Costiera

Lecce, lido abusivo a Torre Castiglione: sequestrato dalla Guardia Costiera

 
TarantoL'incidente
Taranto, investe donna e fugge via: rintracciato pirata della strada

Taranto, investe donna e fugge via in auto: rintracciato pirata della strada

 
Brindisi«Felicità è donare»
Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

 
MateraIl caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
FoggiaSanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
PotenzaDalla Polizia Locale
Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

 

i più letti

cerignola

«Sono stato bocciato»
e il sindaco lo minaccia
«Ti spezzo le gambe»

sindaco cerignola

di ANTONIO TUFARIELLO

CERIGNOLA - Ha fatto velocemente il giro del web, diventato subito virale, il filmato amatoriale catturato con un telefonino, nel quale il sindaco «cicognino» di Cerignola, Franco Metta - leader di un pool di liste civiche antipartitiche - ha redarguito con termini più che crudi e coloriti, in stretto dialetto cerignolano, sotto gli occhi del sacerdote incaricato della benedizione del parco giochi, un bimbo di circa 8-9 anni che gli aveva appena risposto di esser stato «bocciato» senza mostrare il minimo disagio, alla domanda «siete stati promossi?».

Il primo cittadino si era rivolto a un gruppo di ragazzini che lo avevano attorniato, a margine della inaugurazione del parco giochi della villa comunale, distrutto più volte da rituali atti di vandalismo. Sintonizzandosi col dialetto nel quale si era espresso il bambino, affermando che mostrarsi orgoglioso una bocciatura è da stupidi, da scemi, che non c’è nulla di cui essere orgoglioso ad essere ignorante e dopo averlo incitato a studiare, Metta ha minacciato di andare a casa del malcapitato per «spezzargli le gambe» se non si fosse fatto promuovere. Il bimbo è scoppiato in lacrime.
Per inciso, il sindaco ha anche preso in prestito un termine dialettale barese, «trmon», universalmente sdoganato dopo che aveva fatto irruzione su twitter e sui social, nel dicembre 2013, allorché l’allora sindaco di Bari, Michele Emiliano, aveva risposto per le rime, amplificando il concetto con la sollecitazione ad andare a scuola anzichè fare il furbastro, a un giovane che lo aveva appellato cosi per non aver disposto la chiusura delle scuole in seguito al maltempo.

Il giorno dopo, mentre il filmato impazza sulla rete, provocando per lo più commenti al vetriolo e durissime reazioni, Metta afferma di non avere alcuna intenzione di pentirsi o chiedere scusa. E contrattacca: «Ma nemmeno per sogno, non ci penso proprio. Ho fatto quello che dovevo fare e lo rifarei altre mille volte. Avrei potuto ignorare quel che ha detto il bambino e soprattutto come lo ha detto, mentre i suoi coetanei rispondevano orgogliosamente di esser stati promossi. Quel bambino era addirittura orgoglioso di esser stato bocciato: e se non lo avessi sollecitato, magari a modo mio, a considerare quali siano le cose importanti della vita, lunedì sera non sarei riuscito ad addormentarmi. Le considerazioni da tanto al chilo le lascio agli “specialisti” e ai miei oppositori di professione. Sono certo che quel rimprovero servirà a quel bambino. L’ho tenuto con me per tutto il tempo dell’inaugurazione, sebbene avesse detto qualche parolaccia a qualche ragazzino che era nei paraggi».

E alla domanda: «Cercherà di contattare la famiglia e avere un dialogo ed un chiarimento coi suoi genitori?», Metta risponde deciso: «Non farò nessuna ricerca, per me la questione è chiusa». Insomma, per il sindaco si è trattato di una sorta di paternalismo vecchia maniera, quando i genitori non perdonavano nulla ai figli se si trattava di studio e di rispetto per l’istituzione scolastica. Paternalismo. Ma forse in modalità eccesso colposo. Per il resto, ciascuno ha il diritto di pensarla come crede e di fare valutazioni personali, socio-psicologiche, pedagogiche. E persino politiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie