Venerdì 18 Gennaio 2019 | 11:11

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il furto nel Foggiano
Mezzi per la raccolta dei rifiuti rubati e ritrovati a Cerignola: è caccia ai responsabili

Mezzi per la raccolta dei rifiuti rubati e ritrovati a Cerignola: è caccia ai responsabili

 
Serie B1 pallavolo
La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

La Pvg Bari cerca la quarta vittoria consecutiva

 
Probabile formazione
Bari, contro il Cittanova senza Piovanello e Pozzebon

Bari, contro il Cittanova senza Piovanello e Pozzebon

 
Operazione dei Carabinieri
Droga, operazione dei carabinieri a Barletta: arresti

Traffico di droga, blitz a Barletta: arresti contro clan Cannito-Lattanzio

 
Si chiama Francesco Tomaiuolo
Foggia, saluta la madre e non torna a casa: 15enne scomparso da 5 giorni

Foggia, saluta la madre e non torna a casa: 15enne scomparso da 5 giorni

 
La cerimonia
Matera 2019, domani l'inaugurazioneEcco tutto il programma

Matera 2019, il grande giorno: domani l'inaugurazione, ecco tutto il programma

 
Comune costituito parte civile
Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

Abuso d'ufficio e falso ideologico: due ex sindaci di Brindisi a processo

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Il salvataggio
Bari, le sparano e diventa cieca: la cagnolina viene chiamata «Carabina»

Bari, le sparano e diventa cieca: la cagnolina viene chiamata «Carabina»

 

tribunale di Lecce

No alla revisione
per il processo Cavallari

No alla revisioneper il processo Cavallari

LECCE - La Corte di appello di Lecce ha rigettato la richiesta di revisione del processo a carico dell’imprenditore Francesco Cavallari che nel 1995 patteggiò una condanna a 22 mesi di reclusione per associazione mafiosa, falso in bilancio, abuso e corruzione. Ai giudici salentini la Cassazione, accogliendo il ricorso dei difensori di Cavallari, gli avvocati Mario Malcangi e Franco Coppi, aveva chiesto di esaminare la richiesta di revisione. Le motivazioni della sentenza con cui la Corte di appello ha oggi rigettato tale richiesta si conosceranno fra 90 giorni. La difesa ha già annunciato che impugnerà la decisione.

Il procedimento è quello sui presunti intrecci tra mafia, affari e politica nella sanità pugliese. Sulla vicenda pende ancora il ricorso in Cassazione contro il non luogo a procedere per prescrizione nei confronti di Paolo Biallo (già manager delle ex Ccr, nonché cognato di Francesco Cavallari) e del boss barese Savino Parisi, uno degli stralci del procedimento 'Speranza', che rispondevano del reato di associazione mafiosa in concorso con Cavallari e che non sono mai stati giudicati nel merito perché i reati erano prescritti prima ancora che iniziasse il processo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400