Lunedì 25 Marzo 2019 | 22:57

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Ricerca scientifica, al De Bellis di Castellana incremento del 650% in 2 anni

Ricerca scientifica, al De Bellis di Castellana incremento del 650% in 2 anni

 
Inquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
La protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
L'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
In Puglia e Basilicata
Sud, il 35% dei bimbi è obeso: al via nelle scuole ‘Il buongiorno si vede dal mattino’

Sud, il 35% dei bimbi è obeso: al via nelle scuole ‘Il buongiorno si vede dal mattino’

 
Il caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
Gli arresti
Palagianello, furti in casa: in manette 4 baby topi d'appartamento

Palagianello, furti in casa: in manette 4 baby topi d'appartamento

 
L'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
Vandali all'opera
Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

Monopoli scritte su un muro a Porto Bianco, il sindaco: «Incivili»

 
Lotta all'inquinamento
Taranto, minacce alla presidente dei «Genitori Tarantini»: «Non ci fermeranno»

Taranto, minacce alla presidente dei «Genitori Tarantini»: «Non ci fermeranno»

 
La storia
Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale

Il gelato sushi «made in Mola» spopola a NY: l'idea del 28enne Pasquale Ragone

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
TarantoInquinamento ex Ilva
Il Comune di Taranto discute di ambiente: presente Emiliano

Il Comune di Taranto discute dell'aumento della diossina: presente Emiliano

 
LecceLa protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

 
HomeIl caso
Bari, acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

Gioia del Colle, beve al bar acido caustico al posto del succo: grave bimbo di 5 anni

 
HomeL'inchiesta
La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

La crudeltà il vero volto della mafia del Foggiano: 9 morti su 10

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

inquinamento

Taranto, l'emergenza
è l'asma infantile

La conferma in un autorevole studio scientifico pubblicato dalla prestigiosa rivista medica anglosassone «Lancet»

Ilva a Taranto

di MARCELLO COMETTI

TARANTO - L'insorgenza dell'asma nell'infanzia e nell'adolescenza è associata prevalentemente all'esposizione nei primi anni di vita a livelli crescenti di biossido di azoto (NO2) e di particolato (polveri sottili), ovvero le sostanze che si trovano nell'aria che tutti noi respiriamo e che sono responsabili dell'inquinamento atmosferico, provenendo in massima parte dalla grande industria (ma non solo: qualcuno s'è chiesto quanto sia calato negli ultimi 2-3 anni il ritmo dei controlli sugli impianti di riscaldamento e relative emissioni di fumi?).
Fra gli addetti ai lavori, la certezza del nesso malattie respiratorie-inquinamento in età pediatrica era già più che consolidata, ma ora a confermare il tutto giunge un autorevole studio scientifico pubblicato dalla prestigiosa rivista medica anglosassone «Lancet» in uno dei suoi ultimi numeri (http://www.thelancet.com/pdfs/journals/lanres/PIIS2213-2600(15)00426-9.pdf).
«Exposure to air pollution early in life might contribute to the development of asthma throughout childhood and adolescence, particularly after age 4 years, when asthma can be more reliably diagnosed. Reductions in levels of air pollution could help to prevent the development of asthma in children»: l'esposizione all'inquinamento atmosferico nei primi anni di vita può contribuire allo sviluppo dell'asma durante l'infanzia e l'adolescenza, in particolare dopo i 4 anni di età, quando l'asma può essere diagnosticata in modo più affidabile. La riduzione dei livelli di inquinamento dell'aria potrebbe contribuire a prevenire lo sviluppo dell'asma nei bambini.

In letteratura non mancano gli studi che hanno già affrontato il tema degli effetti dell'inquinamento dell'aria sullo sviluppo di asma e di rinocongiuntivite nell'infanzia e nella prima adolescenza, ma quello che finora non era chiaro era se il ruolo dell'inquinamento ambientale sull'insorgenza di asma fosse precoce o tardivo. In questo consiste la novità dello studio, che ha seguito più di 14.000 bambini residenti nel nord Europa dalla nascita fino a 14-16 anni per determinare l'associazione esistente tra il numero di partecipanti che hanno sviluppato asma nel corso dello studio e il livello di inquinamento dell'aria nel luogo di residenza alla nascita e al tempo del follow-up.
Per misurare la qualità dell'aria i ricercatori si sono serviti dei report storici delle concentrazioni di  NO2 e di particolato atmosferico (livelli di  Pm 2.5, Pm10 e Pm di dimensioni intermedie).

I risultati hanno evidenziato che un bambino su 3 ha sviluppato asma. Lo studio ha dimostrato che le concentrazioni più elevate di biossido di azoto e di particolato nel luogo di residenza alla nascita si associavano ad un incremento del rischio di asma soprattutto dopo i 4 anni di vita del bambino e che, nonostante più della metà dei partecipanti allo studio avesse successivamente cambiato residenza nel corso dell'indagine, l’esposizione successiva agli inquinanti dell'aria non fosse connesso al rischio di insorgenza di asma. In pratica se ne deduce che sia l’esposizione precoce agli agenti inquinanti dell'aria, in particolare nel luogo di residenza alla nascita, a trainare il successivo sviluppo di asma nella tarda infanzia e nella prima adolescenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400