Domenica 17 Febbraio 2019 | 08:17

NEWS DALLA SEZIONE

I fatti del 2015-2016
Puglia, lettere esplosive: dietro gli attentati due anarchici arrestati a Torino

Puglia, lettere esplosive: dietro gli attentati due anarchici arrestati a Torino

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto il Sassari 86-87

 
Le dichiarazioni
Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

Autonomia, parlano i deputati della Lega Puglia: «È una grande opportunità»

 
Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

ospedale di Francavilla Fontana

Brindisi, tubicino dimenticato
nell'addome, 5 medici a processo

I fatti risalgono all’aprile del 2011, quando il 67enne fu ricoverato con gravi sintomi di malnutrizione. I sanitari decisero di sottoporlo a una colecistectomia. Fu dimesso, poi subito ricoverato d’urgenza

Brindisi, tubicino dimenticato nell'addome, 5 medici a processo

BRINDISI - Il gup de Tribunale di Brindisi Tea Verderosa ha rinviato a giudizio cinque medici accusati di omicidio colposo per la morte di un uomo di Francavilla Fontana (Brindisi), Angelo Ciraci, di 67 anni, avvenuta a Bologna dopo due interventi chirurgici compiuti in Puglia e ritenuti non corretti e dopo che, secondo l’accusa, fu dimenticato nell’addome del paziente un tubicino di circa 7-10 centimetri. Gli imputati sono tutti medici dell’ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana.

Si tratta di Vincenzo Della Corte, anestesista ed ex sindaco della cittadina del Brindisino, Rocco Montinaro, primario di chirurgia generale, dei chirurghi Alessandro Perrone e Domenico Lamacchia, e di Cosmiana Galizia, anestesista. I fatti risalgono all’aprile del 2011, quando il 67enne fu ricoverato con gravi sintomi di malnutrizione. I sanitari decisero di sottoporlo a una colecistectomia. Fu dimesso, poi subito ricoverato d’urgenza.

«Nell’effettuare un’ulteriore errata diagnosi - ha sostenuto la procura - e nel procedere ad un ulteriore intervento chirurgico inutile» e «non a regola d’arte», «non veniva rimosso al termine dell’operazione, dall’addome del paziente, un corpo tubolare della lunghezza di circa 7-10 centimetri».

Tubicino che "determinava l’insorgere di una peritonite». Il paziente morì nell’ospedale Sant'Orsola di Bologna. I familiari, difesi dagli avvocati Domenico Attanasi e Vincenzo Bianco, presentarono un esposto. L’inchiesta, dapprima avviata a Bologna è stata poi trasmessa a Brindisi per competenza territoriale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400