Sabato 21 Settembre 2019 | 03:05

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Lecce Napoli, attesa per il match: ecco le probabili formazioni

Lecce Napoli, attesa per il match: ecco le probabili formazioni

 
Il rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
Finanziato dal Miur
Sanità, il robot «Mario» in corsia a Casa Sollievo: progetto di Exprivia

Sanità, la robotica in corsia e a casa: progetto di Exprivia

 
Le previsioni
Puglia, torna il sereno per il week end, ma da lunedì serve l'ombrello

Puglia, torna il sereno per il week end, ma da lunedì serve l'ombrello

 
Denunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 
Nel Brindisino
Falchi, gufi, gabbiani e volpi: liberati 60 esemplari a Torre Guaceto

Falchi, gufi, gabbiani e volpi: liberati 60 esemplari a Torre Guaceto

 
Il Riesame
Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

 
Operazione Ps e vigili
Ceglie Messapica, casa-fortezza protetta da telecamere: preso pusher

Ceglie Messapica, casa-fortezza protetta da telecamere: preso pusher

 
Scuola
Brindisi, troppe assenze: bocciata dai prof, riammessa dai giudici

Brindisi, troppe assenze: bocciata dai prof, riammessa dai giudici

 
Cosimo Stano
Manduria, pestarono a morte anziano: chiesta messa alla prova per due minori

Manduria, pestarono a morte anziano: chiesta messa alla prova per due minori

 
La cantante
Emma, costretta a fermarsi per motivi di salute: «Succede e basta»

Emma, costretta a fermarsi per motivi di salute: «Succede e basta»

 

Il Biancorosso

Il match di domenica
Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
PotenzaLe assunzioni
Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

 
FoggiaFinanziato dal Miur
Sanità, il robot «Mario» in corsia a Casa Sollievo: progetto di Exprivia

Sanità, la robotica in corsia e a casa: progetto di Exprivia

 
LecceUN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 
MateraL'iniziativa
Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

 
TarantoIl Riesame
Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

 
BatL'inchiesta
Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzina

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzine

 

i più letti

lecce

Una lite sull'eredità
Indagata ex senatrice e sorelle
per circonvenzione

Si tratta delle sorelle Licastro Scardino. Secondo il pm tutte e tre avrebbero estorto milioni, approfittato dello stato degli anziani genitori per indurli a sottoscrivere atti di donazione

Una lite sull'ereditàIndagata ex senatrice e sorelleper circonvenzione

di GIANFRANCO LATTANTE

LECCE - Tre sorelle indagate per un’eredità milionaria. Si tratta delle sorelle Licastro Scardino. Ora che la Procura ha concluso le indagini, si scopre che l’accusa di circonvenzione di incapace viene ipotizzata nei confronti di tutte e tre. Anche dell’ex senatrice di Forza Italia Simonetta Licastro Scardino, vedova di Pino Leccisi, leader della Democrazia cristiana degli anni Ottanta, che con la sua querela (presentata nel 2014) aveva messo in moto l’inchiesta. L’ex parlamentare, infatti, accusava le sorelle Valeria e Francesca di aver approfittato dello stato degli anziani genitori per indurli a sottoscrivere atti di donazione in loro favore.
Il fascicolo è finito sul tavolo del sostituto procuratore Carmen Ruggiero. La querela ha avuto come conseguenza l’iscrizione nel registro degli indagati dei nomi di Valeria e Francesca Licastro Scardino, entrambe residenti a Roma. Il passo successivo del magistrato è stato quello di disporre una doppia consulenza: ad un medico è stato chiesto di accertare lo stato di circonvenibilità degli anziani genitori, indicando anche a quando risale lo stato di infermità; agli ufficiali della sezione di pg della Guardia di Finanza presso la Procura (diretti dal colonnello Francesco Mazzotta) è stato chiesto, invece, di ricostruire le movimentazioni di denaro travasato dai conti degli anziani genitori a quelli delle figlie.

Le conclusioni degli accertamenti hanno permesso al pubblico ministero di contestare a tutte le sorelle il reato di circonvenzione di incapace. E tanto perché il medico non solo ha rilevato la deficienza psichica dei genitori, ma ha stabilito pure che lo stato di infermità era presente da diversi anni. Anche nel 2009,  quando sarebbero avvenute le donazioni a favore dell’ex senatrice.
Da qui la decisione del pm di indagare tutte le sorelle. A Simonetta Licastro Scardino si contesta di aver indotto i genitori a compiere una donazione di 672.182 euro, di cui 650mila mediante disposizione di giroconto a seguito di smobilizzo di fondi di investimento e 22mila mediante bonifico. Operazioni avvenute fra giugno e agosto 2009. Le altre due sorelle, invece, avrebbero beneficiato di donazioni pari a 902mila euro. Cinque bonifici (il primo di 44mila euro; il secondo 740mila; il terzo 60mila euro; il quarto 26mila; l’ultimo di 32mila) avrebbero permesso di far transitare le somme dal conto dei genitori a quello intestato alle due figlie. Dagli accertamenti in banca, svolti dalla Guardia di Finanza, è emerso che i bonifici sono avvenuti fra il 17 settembre 2009 e il 30 dicembre 2011.

L’avviso di conclusione non è certo una condanna anticipata. Al contrario, ora che le indagate sono venute a conoscenza delle accuse mosse nei loro confronti, potranno adottare una strategia difensiva per chiarire la propria posizione. Il provvedimento del magistrato è stato notificato nei giorni scorsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie