Lunedì 22 Luglio 2019 | 06:13

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio
Bari-AC Piné 11-0: prima vittoria in amichevole per i galletti

Bari-AC Piné 11-0: prima vittoria in amichevole per i galletti

 
Una barca di successo
Vela, Euz II sul tetto d’Italia è un «graffio» barese

Vela, Euz II sul tetto d’Italia è un «graffio» barese

 
Igiene urbana
Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

 
il salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
L'intervista
Ambasciatore Bernardini: «In Brasile si sente il profumo di Puglia»

Ambasciatore Bernardini: «In Brasile si sente il profumo di Puglia»

 
Le dichiarazioni
Lecce, Meccariello: «Esordio in A a 28 anni, è l'età giusta»

Lecce, Meccariello: «Esordio in A a 28 anni, è l'età giusta»

 
Migranti
Gallipoli, 55 pakistani sbarcati sull'Isola di S.Andrea

Gallipoli, 55 pakistani sbarcati sull'Isola di S.Andrea

 
Nel Salento
Torre Lapillo, sequestrato lido abusivo: titolare denunciato

Torre Lapillo, sequestrato lido abusivo: titolare denunciato

 
Dopo i casi di Monopoli e Molfetta
Ospedali Puglia, pronto il licenziamento per 80 furbetti del cartellino

Ospedali Puglia, pronto il licenziamento per 80 furbetti del cartellino

 
La scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
Calcio
Il Lecce mette a segno 8 gol in amichevole: doppietta di La Mantia

Il Lecce mette a segno 8 gol in amichevole: doppietta di La Mantia

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIgiene urbana
Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

 
LecceIl ritrovamento
A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

 
Batil salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

a foggia

L'ambulatorio dei poveri
Inaugurato il «Sosan»

Il centro, il primo autorizzato in una struttura pubblica in Puglia, è intitolato a Madre Teresa di Calcutta e si trova a piano terra sul retro dell’ospedale di viale Ofanto

ambulatorio dei poveri

di MASSIMO LEVANTACI

FOGGIA - Arrivano anche a Foggia i volontari della sanità pubblica, medici al servizio dei poveri che svolgono una funzione sociale particolarmente avvertita in questi tempi difficili. Il centro di solidarietà Sosan (acronimo di Solidarietà sanitaria Onlus) è stato inaugurato ieri nell’ospedale Colonnello D’Avanzo: quattro locali adibiti ad ambulatorio dove un tempo c’era la Reumatologia, in cui opereranno medici organizzati dalla onlus dei Lions e che faranno visite specialistiche. Si tratta di una rete di servizi di volontariato a livello nazionale, presente già in numerose regioni, attiva anche in Puglia all’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti e in una struttura religiosa di Bari. Il centro foggiano, il primo autorizzato in una struttura pubblica in Puglia, è intitolato a Madre Teresa di Calcutta e si trova a piano terra sul retro dell’ospedale di viale Ofanto, lato destro rispetto all’ingresso principale. Apertura effettiva del servizio e orari sono ancora tutti da concordare con il personale che aderirà all’iniziativa. «La struttura si avvale già di un gruppo di medici, me compreso – dice Giuseppe D’Alessandro,medico ai Riuniti e ispiratore del Sosan in Capitanata – che ha dato la propria disponibilità ed è pronto a mettersi in gioco. Ora si tratta di stabilire un calendario di aperture settimanali, fissare gli orari e stipulare le assicurazioni per i medici volontari. Confido che nel giro di un mese ce la faremo a fare tutto e cominciare con le prime visite».

Servizio che non si sostituirà a quello già erogato dall’Azienda ospedaliera, ma che andrà a integrare tutti quei bisogni cui oggi il policlinico fa fatica a star dietro come l’eliminazione delle liste d’attesa: «I pazienti che si rivolgeranno al Sosan hanno già l’esenzione delle spese con il Servizio sanitario nazionale – spiega Laura Moffa, direttore sanitario dell’Azienda ospedaliera – dunque in ospedale vengono loro erogate le stesse prestazioni che avranno nel centro. La struttura pubblica però ha i suoi tempi, il centro potrebbe avere uno schema di prenotazione più snello almeno all’inizio di questa esperienza».
Del Sosan potranno usufruire anche i cittadini migranti privi di esenzione, che della moltitudine di degenti sono forse la categoria più a rischio (anche epidemiologico). Il presidente del Sosan nazionale, Salvatore Trigona, ha citato a mo’ di esempio i servizi della onlus a Siracusa e Termoli («la visita non finisce al primo incontro, migranti e italiani hanno un codice per andare avanti») per dare un’idea di come potrebbe funzionare anche la struttura foggiana. Molto dipenderà dalla rete di volontariato che si riuscirà a stendere intorno al centro e alla capacità di coinvolgere i privati che potrebbero finanziare l’attività del centro e il suo sviluppo.

Quanto ai migranti «c’è l’intenzione - dice D’Alessandro - di aprire anche a loro i servizi, ma non subito. Dovremo entrare prima a regime». Il contatto con i Servizi sociali «sarà costante», assicura l’assessore Erminia Roberto. Il Comune ha firmato con i Lions un protocollo d’intesa, ora si tratta di gettare le basi per una collaborazione di cui a parole ieri tutti ringraziavano per il coinvolgimento. Il Lions partecipa al progetto a costo zero, con il coinvolgimento diretto di quattro club: Foggia host, Foggia Arpi, Manfredonia e Cerignola. «Non sarà una scatola vuota», assicura Enrichetta Fatigato, presidente del Foggia host: «Poniamo la prima pietra, ma il più è da fare». Oggi il centro Madre Teresa di Calcutta si compone di quattro stanze, un paio di lettini, qualche suppellettile: tutto offerto dall’Azienda ospedaliera. C’è tutto per l’assistenza ambulatoriale, ma trattandosi di visite specialistiche forse servirà qualcos’altro come ha sottolineato Trigona: «In altri centri è già successo, le apparecchiature sono state acquistate dall’interno. Se ci riusciamo è bene, altrimenti ci avremo provato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie