Martedì 15 Ottobre 2019 | 18:06

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
Incontri d'autore: il vincitore di Amici Alberto Urso ospite nella redazione della «Gazzetta»

Incontri d'autore: Alberto Urso ospite nella redazione della «Gazzetta», biglietti in regalo a 10 fan

 
nel primo pomeriggio
Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

 
morirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Puglia
Consiglio regionale: approvata mozione su potenziamento linee ferroviarie

Consiglio regionale: approvata mozione su potenziamento linee ferroviarie

 
nel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
tra cerignola e canosa
Commando assalta camion di sigarette sulla A14 nel Nordbarese: autista rilasciato illeso

Commando assalta camion di sigarette sulla A14 nel Nordbarese: autista rilasciato illeso

 
tra Polignano e Cozze
Comitato Via: «Validi i permessi di Costa Ripagnola, ma potrebbe servire una variante»

Comitato Via: «Validi i permessi di Costa Ripagnola, ma potrebbe servire una variante»

 
a carrassi
Bari, stalking all'ex compagno fino a rompergli un braccio: misure per un 34enne

Bari, stalking all'ex compagno fino a rompergli un braccio: misure per una 34enne

 
serie a
Lecce, parla l'ex Paciocco: «Babacar e Falco coppia-salvezza»

Lecce, parla l'ex Paciocco: «Babacar e Falco coppia-salvezza»

 
nel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
ferrovie del gargano
Vuole viaggiare in treno senza biglietto, offende e aggredisce Polfer: arrestato gambiano nel Foggiano

Vuole viaggiare in treno senza biglietto, offende e aggredisce Polfer: arrestato gambiano nel Foggiano

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Tarantola decisione
Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

Villa Castelli

Violentavano le figlie piccole
marito e moglie in manette

Le bimbe all'epoca dei fatti avevano meno di 10 anni di età. L’uomo, che oggi ha 43 anni, e la moglie, che di anni ne ha 52 anni, sono stati condannati rispettivamente a 14 anni e 4 mesi e a 11 anni di reclusione

Violentavano le figlie piccole marito e moglie in manette

VILLA CASTELLI - Violentarono le figlie, che all’epoca dei fatti avevano meno di 10 anni di età. Le violenze sulle piccole, iniziate nel maggio del 2005 e protrattesi sino al 2007, quando intervenne la magistratura, hanno portato alla condanna definitiva a carico di due coniugi di Villa Castelli.

L’uomo, che oggi ha 43 anni, e la moglie, che di anni ne ha 52 anni, sono stati condannati rispettivamente a 14 anni e 4 mesi e a 11 anni di reclusione. In attesa della sentenza della Cassazione i due coniugi erano tornati in libertà, dopo aver trascorso un periodo sottoposti a misure alternative alla carcerazione.

Dopo il verdetto dei giudici della Suprema corte, che hanno confermato la condanna a carico di marito e moglie, a carico dei due villacastellani è stato emesso dalla Corte di appello di Lecce un ordine di carcerazione. A dare esecuzione al provvedimento restrittivo sono stati i carabinieri della stazione di Villa Castelli. Ricevuto dagli uffici giudiziari del capoluogo salentino l’ordine di arresto a carico dei due genitori, i militari dell’Arma si sono immediatamente messi in moto: rintracciati l’uomo e la donna, hanno proceduto a notificargli l’ordine di carcerazione.

A seguire i due coniugi sono stati condotti negli uffici dell’Arma, dove sono state sbrigate tutte quelle formalità che sono di rito in questi frangenti. Dalla caserma dei carabinieri l’uomo e la donna sono stati trasferiti ne carcere di Taranto, dove sconteranno la condanna che gli è stata comminata dai giudici per la violenze che hanno usato alle figliolette.

Il Codice penale prevede che “La violenza sessuale è aggravata se commessa: in danno di persona che non ha compiuto gli anni quattordici; avvalendosi di armi, sostanze alcoliche, narcotiche o stupefacenti; simulando la qualità di pubblico ufficiale; su persona sottoposta a qualsiasi limitazione della propria libertà personale; nei confronti di persona che non ha compiuto gli anni sedici, se il colpevole ne è l’ascendente, il genitore anche adottivo o il tutore”.

La pena – aggiunge il Codice – è maggiormente aumentata se il fatto è commesso nei confronti di una persona che non ha ancora compiuto gli anni dieci”. E’ proprio questo il caso dei due genitori di Villa Castelli: le violenze in danno delle loro figliolette sono avvenute quando le bambine non avevano ancora raggiunto i dieci anni di età. Di qui la pesante condanna che gli stata comminata dai giudici e che, dopo la pronuncia della Corte di cassazione, è diventata definitiva spalancando le porte del carcere ai due genitori (che nel frattempo hanno perso la patria potestà sulle bimbe).

m. mong.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie