Domenica 26 Maggio 2019 | 03:43

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
Educazione civica
Bari, la giudice Sciarra porta a scuola la Costituzione

Bari, la giudice Sciarra porta a scuola la Costituzione

 
L'iniziativa calcistica
Calcio, un mondiale per le squadre dei siti Unesco: Alberobello in pole

Calcio, un mondiale per le squadre dei siti Unesco: Alberobello in pole

 
amministrative 2019
Riflettori puntati sui capoluoghia Bari sei candidati sindacoSfide a Foggia, Lecce e Potenza

Riflettori puntati sui capoluoghi:
a Bari sei candidati sindaco
Sfide a Foggia, Lecce e Potenza

 
Europee e amministrative
Elezioni

Elezioni, oggi si vota dalle 7 alle 23
Ecco come votare: occhio agli errori.
Comunali, in Puglia 67 nuovi sindaci

 
La crociata rossonera
Il Foggia alza ancora la voce: «Vogliamo giocare subito»

Il Foggia alza ancora la voce: «Vogliamo giocare subito»

 
In largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
Un 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
No al concordato
Mercatone Uno, è fallimento: operai informati via whatspp

Mercatone Uno, è fallimento: negozi chiusi, operai «licenziati» via whatspp

 
Nel Tarantino
Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

Maltratta madre per avere soldi per alcol e droga: in cella 45enne

 
Dalla Polizia
Taranto, sequestrata casa a luci rosse in centro: via vai di uomini

Taranto, sequestrata casa a luci rosse in centro: via vai di uomini

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

A Castro spunta una Minerva (forse citata da Virgilio)

A Castro spunta una Minerva (forse citata da Virgilio)
Rinvenuta a Castro, in provincia di Lecce, una statua femminile alta circa 3 metri, appartenente alla metà del IV sec. a.C. L’imponente scultura in pietra leccese, secondo la Soprintendenza per i beni archeologici della Puglia, è unica nel panorama della regione per il suo valore artistico. La scoperta archeologica è avvenuta in località «Capanne» alle spalle della cattedrale che sovrasta l’acropoli della città, dove è in corso una campagna di scavi. Il busto ritornato alla luce, era sepolto a tre metri di profondità ed è mancante della testa e delle parti inferiori del corpo, ma gli archeologi sono fiduciosi di trovare nell’area oggetto d’inda gine, anche le altre parti anatomiche.

La statua femminile era adagiata su di un fianco ed è avvolta da un delicato panneggio a pieghe ed è colorata da una leggera tinta di rosso. Probabilmente aveva il braccio sinistro alzato con in pugno una lancia, mentre il braccio destro abbassato lungo il fianco. Il lavori di recupero della statua sono stati effettuati ieri mattina.
A causa di questa scoperta è stata avanzata l’ipotesi legata all’Eneide del sommo poeta latino Virgilio: Enea in fuga da Troia, approdando nella penisola salentina, vide dal mare un tempio dedicato a Minerva. Questo tempio si riferiva all’antica città di Castro arrampicata su di un promontorio roccioso? È il quesito sul quale gli studiosi lavorerano per cercare risposte.

Sul cantiere di lavoro era presente il soprintendente per i beni archeologici della Puglia, Luigi La Rocca, che ha ammirato con entusiasmo l’opera scultorea raffigurante probabilmente la dea Minerva. Entusiasta il professore Francesco D’Andria dell’Università del Salento, direttore scientifico della ricerca, per aver trovato la chiave di collegamento fra la descrizione di Virgilio e la realtà nascosta nel terreno.
Sul sito archeologico c’era anche Laura Masiello, responsabile del settore adriatico della Soprintendenza di Taranto, che ha operato fattivamente ai lavori di scavo in collaborazione con gli archeologi Luigi Coluccia, Amedeo Galati, Emanuele Ciullo, Andrea Carrozzo, Andrea Chiuri, Alessandro Rizzo. La lunga campagna di scavi è iniziata nel 1980. Nel 2007 fu ritrovata una statuetta bronzea di Atena, oggi conservata nel museo del castello di Castro. [Giovanni Nuzzo]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400