Giovedì 14 Novembre 2019 | 13:11

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Allarme olio in Puglia, mercato non decolla: cisterne piene e prezzi in picchiata

Allarme olio in Puglia, mercato non decolla: cisterne piene e prezzi in picchiata

 
Il gasdotto
Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

 
L'attacco
Il marittimo di Molfetta sparato in Messico sta bene: presto abbraccerà i familiari

Il marittimo di Molfetta ferito in Messico sta bene: presto abbraccerà i familiari

 
La decisione
Medicina, borse di studio e incentivi economici per chi frequenta a Taranto

Medicina, borse di studio e incentivi economici per chi frequenta a Taranto

 
L'inchiesta
Scuola, allerta radon a Santeramo, Gioia del Colle e a Taranto

Scuola, allerta radon a Santeramo, Gioia del Colle e a Taranto

 
In ospedale
Shock a Manfredonia, arrestato medico: accusato di violenza sessuale su 5 pazienti

Manfredonia, violenza sessuale su 5 pazienti: arrestato dirigente di radiologia

 
Il siderurgico
Arcelor Mittal, scatta il sit in davanti al Mise delle imprese dell'indotto

Arcelor Mittal, scatta il sit in davanti al Mise delle imprese dell'indotto
Emiliano incontra ad Morselli

 
Periferie
Bari, San Girolamo di sangue 10 anni al killer di «la Befana»

Bari, San Girolamo di sangue 10 anni al killer di «la Befana»

 
Il caso
Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

 
Occupazione
Ex Om Carelli, Selektika investe 20 mln: impiego per 128 lavoratori

Ex Om Carelli, Selektika investe 20 mln: impiego per 128 lavoratori

 
Regionali 2020
Primarie centrosinistra in Puglia: sfidanti di Emiliano divisi sulla data

Primarie centrosinistra in Puglia: sfidanti di Emiliano divisi sulla data

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa storia
Andria, Ilaria guru dell'architettura e del design: «Resto nella mia terra fonte di ispirazione»

Andria, Ilaria guru dell'architettura e del design: «Resto nella mia terra fonte di ispirazione»

 
Matera
Vigili del Fuoco, da oggi sono cittadini onorari di Matera

Vigili del Fuoco, da oggi sono cittadini onorari di Matera

 
LecceIl gasdotto
Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

Tap, Snam annuncia: «Lavori al 90%, consegna confermata per il 2020»

 
BrindisiA san vito dei normanni
Brindisi, infastidisce clienti di supermercato e manda in ospedale un cc: arrestato

Brindisi, infastidisce clienti di supermercato e manda in ospedale un cc: arrestato

 
TarantoDurante la task force
Infrataras Taranto, in 145 a rischio licenziamento: domani sit in in Regione

Infrataras Taranto, in 145 a rischio licenziamento: domani sit in in Regione

 
BariI dati
Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 
FoggiaLotta alla droga
Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

 

i più letti

Povertà, la Puglia con il 16% è la prima regione tra chi non riesce a mangiare

Povertà, la Puglia con il 16% è la prima regione tra chi non riesce a mangiare
MILANO – L'Italia esporta sempre più generi alimentari ed è una nazione di sedicenti esperti di cibo, con chef casalinghi che si ispirano ai programmi televisivi e commensali che si siedono indifferentemente ai tavoli di un fast food come a quelli di un ristorante vegano. Dietro l’aspetto 'culturalè, però, c'è quello sociale: nell’ultimo anno, a una famiglia su dieci (2,4 milioni, uno in più rispetto al 2007) è capitato di non aver soldi per poter acquistare il cibo necessario. La fotografia 'Gli italiani e il cibo' è stata scattata dal Censis ed è stata presentata all’Expo di Milano.

Puglia (16,1%), Campania (14,2%) e Sicilia (13,3%) sono le regioni con la percentuale più alta di famiglie che vivono in condizione di disagio alimentare, che si fa sentire di più in quelle numerose: ha riguardato il 12,2% di quelle con figli minori (830.000). Le famiglie con figli sono anche quelle che hanno subito di più i tagli alla spesa alimentare negli anni 2007-2014: -15,6% le coppie con due figli, -18,2% le coppie con tre o più figli. Nel complesso, la spesa alimentare sul totale della spesa per consumi è diminuita dal 27,1% degli anni Settanta al 14,2% del 2014.

E più figli si hanno, più aumenta il disagio alimentare: il 12,2% delle famiglie con figli minori (830.000 nuclei) nell’ultimo anno non ha potuto acquistare il cibo necessario a causa di difficoltà economiche. Le famiglie con figli sono anche quelle che hanno subito di più i tagli alla spesa alimentare negli anni 2007-2014: -15,6% le coppie con due figli, -18,2% le coppie con tre o più figli. Le distanze sociali si ampliano anche in ambito alimentare. Con la crisi si sono acuite le preesistenti disuguaglianze alimentari. Nel periodo 2007-2014 le famiglie con capofamiglia operaio hanno registrato una riduzione della spesa alimentare del 17,3% in termini reali, mentre quelle di dirigenti e impiegati del 9,7%, a fronte di una riduzione media del 12,9%.

L'Italia è comunque un popolo di conoscitori del cibo: 29,4 milioni di definiscono appassionati, 12,6 milioni intenditori e 4,1 milioni dei veri esperti. Riguardo le abitudini, i dati parlano di 6,3 milioni di lavoratori che ogni giorno mangiano fuori casa e di 38,5 milioni che preparano pietanze e ricette innovative apprese da ricettari o programmi Tv. Nelle diete quotidiane coesistono i fast food, con 20,2 milioni di italiani a cui capita di mangiarci, e il vegano o vegetariano, scelto da 19,5 milioni di italiani, di cui 4,5 milioni regolarmente. Per il 17,9% delle persone la cucina 'made in Italy' rappresenta un motivo di orgoglio e unisce il Paese.

Se la crisi si fa sentire in famiglia, i suoi effetti non  incidono più sull'export. Nel 2014, il valore delle esportazioni di prodotti alimentari e bevande è stato pari a 28,4 miliardi di euro, con un +30,1% rispetto a cinque anni prima. Per il 2017 le previsioni indicano che l’export agroalimentare italiano crescerà dell’8,9% medio annuo.

La sfida per "il post Expo è studiare la strategia per il nostro Paese – ha commentato il ministro alle politiche agricole, Maurizio Martina – che ha nelle tipicità il suo punto di forza", ma che vanno "interpretate in uno scenario globale.  Questa è la domanda che attraversa Expo: quali sono le nuove frontiere, dove posizionare il nostro punto di forza". Per il presidente del Censis, Giuseppe De Rita, "è fondamentale esportare il modello italiano delle tipicità, non solo i prodotti. Solo così anche le esportazioni delle nostre nicchie saranno più facili".
Per De Rita, "nella battaglia fra biodiversità e industrializzazione di massa, bisogna puntare sulle scelte individuali: la voglia di diversità è una voglia di democrazia". "Quando diciamo biodiversità diciamo varietà dei territori e dei prodotti – ha spiegato il commissario di padiglione Italia, Diana Bracco – Questo è il Made in Italy del cibo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie