Giovedì 12 Dicembre 2019 | 05:31

NEWS DALLA SEZIONE

Permesso di inquinare
Ex Ilva, Ong rivela: Mittal guadagna da vendita quote Co2

Ex Ilva, Ong rivela: Mittal guadagna da vendita quote Co2

 
Zona industriale
Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

Bari, cancello gli cade addosso: ferito titolare azienda

 
l'annuncio
La transumanza è patrimonio Unesco, Coldiretti Puglia: «Opportunità tutela per Gargano»

La transumanza è patrimonio Unesco, Coldiretti spera in tutela per Gargano

 
le dichiarazioni
Bari, parla difensore Berra: «Per Natale puntiamo al secondo posto»

Bari, parla difensore Berra: «Per Natale puntiamo al secondo posto»

 
nel Barese
Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

Schianto sulla SS172: muore coppia di Putignano insieme al cagnolino

 
nel Barese
Acquaviva delle Fonti, ospedale Miulli premiato per attenzione alle malattie delle donne

Puglia, a 13 ospedali il Bollino Rosa per attenzione a malattie delle donne

 
nel Salento
Ha un profilo Facebook con le foto di un ragazzo morto: mistero sullo sciacallaggio a Nardò

Ha un profilo Facebook con le foto di un ragazzo morto: mistero sullo sciacallaggio a Nardò

 
nel Salento
Gagliano del Capo, anziana rapinata in casa, cc trovano il ladro e le regalano panettone per Natale

Gagliano del Capo, anziana rapinata in casa, cc trovano il ladro e le regalano panettone

 
internet e curiosità
Google, tra le parole più cercate dagli italiani nel 2019 c'è anche la Puglia

Google, tra le parole più cercate dagli italiani nel 2019 c'è anche la Puglia

 
trasporti
Ferrovie, orari invernali, debutta nuovo treno per la Valle d'Itria

Ferrovie, orari invernali, nuovo treno per la Valle d'Itria

 
Dopo stop ad Afo 2
Mittal: manovra, si valuta fondo 15mln per lavoratori ex Ilva. Giudice spegne Afo2

Taranto, Mittal ai sindacati: parte cassa integrazione per oltre 3500. «Lavoratori come scudi umani»

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariInfortunio sul lavoro
Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

 
TarantoSerie D
Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

 
FoggiaVertice in Prefettura
Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

 
Brindisitrasporti
Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

 
Leccea surbo
Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

 
Batle dichiarazioni
Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

 
Potenzanel Potentino
Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

 
Materanel Materano
Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

 

i più letti

Contro la Xylella si provano gli innesti per il «gigante» corsa contro il tempo

Contro la Xylella si provano gli innesti per il «gigante» corsa contro il tempo
di Tonio Tondo

LECCE - Tutti intorno al «gigante» di Alliste, ulivo censito nella schedatura della regione tra i 1500 e i 2000 anni, in località Cannatare. C’è José Bové, europarlamentare aderente ai Verdi europei, un politico francese che difende i territori europei e le diverse agricolture. Ci sono i giornalisti, tra i quali francesi e svizzeri, sempre più interessati agli sviluppi del batterio che sta devastando il Salento e rischia di dilagare in Puglia e oltre. E ci sono soprattutto gli agricoltori più attivi del Sud Salento che non intendono arrendersi malgrado la diffusione dell’infezione.

La cattiva notizia è che il gigante sta lottando contro il batterio e rischia di soccombere. Da aprile in poi il disseccamento è apparso su cinque punti diversi della chioma. Una lotta terribile contro un albero maestoso che rischia di non farcela malgrado le sue quattro branche principali piantate come grandi colonne tanto da contenere una persona nella sua fessura centrale. Per questo è stato adottato a simbolo della guerra contro Xylella. Qui sono venuti scienziati, ambientalisti e amministratori di ogni tipo e orientamento. Su quest’albero si sta tentando un’operazione disperata anche se tecnicamente possibile: quattro innesti a gemma di leccino, varietà più resistente al batterio su altrettanti rami secolari. L’albero è di proprietà di Enzo Marzano, un agricoltore polivalente con un’azienda di 40 ettari che produce ortaggi di qualità, un frumento delicato e di nicchia come il “Cappelli”, e appunto 400 alberi di ulivi tra i quali il gigante e molti leccini. Marzano si è accorto del disseccamento a luglio del 2013, tre mesi prima dell’individuazione di Xylella come batterio responsabile. Da allora le ha tentate tutte: interventi con diversi minerali, argento, rame, alluminio, zinco, caolino e insetticidi. Nulla da fare. Gli ultimi 560 euro li ha spesi poche settimane fa, ma il disseccamento è via via diventato più aggressivo. Adesso, l’ultimo tentativo con gli innesti.

A questo punto compare un altro protagonista, un agricoltore, di quelli più aperti e moderni. Si chiama Ferdinando Manfreda, 45 anni, di Felline, aderente dall’inizio al movimento “Voce dell’ulivo”, nato per smuovere le acque. Manfreda ha il fondo che confina con quello di Pietro Angelico, un barese trapiantato a Ugento. Quando quest’ultimo si è accorto che il disseccamento si stava estendendo all’intera area tra Alliste e il mare ha rotto gli indugi e ha fatto le operazioni che per decenni aveva visto ripetere da suo padre: innestare varietà coratina su altri portainnesti di ulivo. Così ha affilato il coltellino, ha tagliato in modo sicuro corteccia rigogliosa con gemme da rametti di coratina barese e l’ha saldata in modo perfettamente compatibile con lo spazio ricavato sul portainnesti di ogliarola. L’operazione ha funzionato. Una pratica tradizionale può aiutare la biodiversità quando c’è l’attacco di un virus, di un fungo o di un batterio mortale come Xylella. Per ora è una speranza, ma i coltivatori ci credono. Da lontano, gli scienziati osservano con attenzione. L’operazione ieri Angelico l’ha ripetuta quattro volte sul carrello, faccia sorridente, al capezzale del gigante. Solo che al posto della gemma di coratina ha saldato quella del leccino. Bovè è arrivato nel Salento su invito della “Voce dell’ulivo”. L’aveva promesso a Enzo Manni, presidente della cooperativa Acli di Racale, durante un convegno in Corsica, regione a rischio, insieme a tutti i Paesi costieri del Mediterraneo. Manni aveva portato la sua testimonianza ai produttori dell’isola preoccupati dalla diffusione della malattia. In questa circostanza, dal basso, è nata una solidarietà. Cercheremo di aiutarvi, aveva promesso Bové.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie